Le Mans, Libere 1: Marquez detta subito il ritmo

Le Mans, Libere 1: Marquez detta subito il ritmo

Alle spalle del leader iridato c'è Pedrosa, ma sono vicine anche le due Yamaha di Rossi e Lorenzo

Marc Marquez è partito subito forte anche nel Gp di Francia di MotoGp. Il leader del Mondiale della Honda ha messo nel mirino la quinta vittoria consecutiva ed ha subito realizzato la miglior prestazione nel turno inaugurale di prove libere disputato sul tracciato di Le Mans, realizzando un crono ci 1'34"328 con gomma usata con cui si è portato immediatamente a poco più di un secondo dalla pole del 2013. Alle sue spalle, distanziata di 189 millesimi, troviamo la RC213V gemella di Dani Pedrosa. Lo spagnolo, dunque, sembra aver superato piuttosto bene l'intervento di sindrome compartimentale a cui è stato sottoposto la scorsa settimana, riuscendo ad ottenere il suo tempo miglior proprio al termine dei 45 minuti a disposizione. A seguire troviamo le due Yamaha M1 di Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, con il "Dottore" che è nuovamente riuscito a mettersi dietro il maiorchino, anche se per appena 17 millesimi. Il pesarese ha continuato il lavoro di messa a punto con il nuovo telaio provato a Jerez e si è issato così in alto proprio sotto alla bandiera a scacchi. Tuttavia, entrambi i piloti della Casa di Iwata si sono lamentati di aver qualche problemino di grip. In quinta e sesta posizione troviamo poi le altre due Honda di Alvaro Bautista e Stefan Bradl, entrambi racchiusi in circa quattro decimi dalla vetta. Dunque, i valori sembrano tutti piuttosto ravvicinati in questa prima sessione, con anche la prima delle Ducati, quella di Andrea Dovizioso, che paga appena 547 millesimi pur essendo in settima piazza. Buono anche l'inizio di weekend di Pol Espargaro, che si è inserito in ottava posizione con la sua Yamaha del Team Tech 3, a cavallo tra le due Desmosedici di Dovizioso ed Andrea Iannone. Non è andata altrettanto bene al suo compagno di squadra Bradley Smith, non tanto per l'11esimo tempo, quanto per la caduta con la quale ha distrutto una delle M1 a sua disposizione, cavandosela comunque solamente con qualche contusione. Per quanto riguarda le "Open", nonostante abbia lamentato un feeling con particolarmente ideale all'anteriore, alla fine il più rapido è stato il "solito" Aleix Espargaro, decimo con la Forward Yamaha con un gap di circa sette decimi da Marquez. Dietro di lui poi si è messo in evidenza anche Hiroshi Aoyama, 13esimo con la Honda RCV1000R, ma soprattutto davanti al compagno di squadra Nicky Hayden.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie