MotoGP
25 set
Prove Libere 3 in
05 Ore
:
20 Minuti
:
38 Secondi
09 ott
Prossimo evento tra
12 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
Prossimo evento tra
19 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
Prossimo evento tra
26 giorni
G
GP d'Europa
06 nov
Prossimo evento tra
40 giorni
13 nov
Prossimo evento tra
47 giorni
G
GP del Portogallo
20 nov
Prossimo evento tra
54 giorni

MotoGP: le gomme hanno troppa influenza nei risultati?

condividi
commenti
MotoGP: le gomme hanno troppa influenza nei risultati?
Di:
Tradotto da: Lorenza D'Adderio

Tutti coloro che partecipano al Campionato del Mondo MotoGP sono d'accordo sul fatto che il nuovo pneumatico posteriore Michelin sta avendo un'influenza significativa in questa stagione, un fattore che analizzeremo qui di seguito.

La stagione MotoGP di quest’anno verrà ricordata sia per il Coronavirus sia per l’infortunio che tiene Marc Marquez lontano dalle gare per lungo tempo. Prima di sapere che il pilota Honda avrebbe perso la maggior parte della stagione, c’è stato chi ha lanciato un dibattito sulla legittimità del trofeo che verrà consegnato al futuro campione del mondo per non essersi confrontato con lo spagnolo. Lo stesso Marquez ha chiuso la questione affermando che il titolo sarà giusto.

Tuttavia, in una stagione così atipica c’è stato un altro fattore che è diventato protagonista: le gomme. Si tratta di una componente che ha sempre condizionato le gare in tutte le discipline, ma in questo caso ci sono piloti che ricorrono a questo fattore per giustificare i risultati negativi. In concreto si riferiscono alla specifica posteriore, che nella maggior parte dei circuiti (tranne in Austria) ha una nuova carcassa meno rigida di quella impiegata fino ad ora e che ha provocato malcontento.

Nei test di questo inverno, prima che il Coronavirus fermasse tutto, la maggior parte dei piloti erano d’accordo sul fatto che questo compound, con più grip al centro curva, avrebbe avvantaggiato Yamaha e Suzuki, moto il cui punto di forza è proprio questo. Tuttavia, mesi dopo non c’è nessuno che abbia trovato la quadra ed i risultati ne sono la prova.

Fino a quattro diversi piloti si dividono le cinque vittorie che sono state finora in gioco. Fabio Quartararo, leader della classifica generale, ha solo raccolto 70 punti su un possibile di 125, il bottino più povero da quando è stato introdotto l'attuale sistema di punteggio nel 1993. Questi 70 punti costituiscono il 56% dei 125 possibili e danno al francese un rapporto più che discreto di 14 punti per gara. 

Ma il grande dominio della Yamaha nelle prime due tappe del calendario (Jerez), dove il punteggio della Casa di Iwata ha conquistato cinque dei sei possibili posti sul podio, è svanito al loro arrivo in Austria, dove nessuna delle M1 si è avvicinata ai posti che danno accesso al podio, in nessuno dei due turni del Red Bull Ring. C'è di più: Andrea Dovizioso, che ha vinto la prima di quelle due gare, è arrivato quinto sette giorni dopo, incapace di mostrarsi efficace in qualsiasi momento - era nono nel Q2 - e senza una chiara spiegazione di ciò che è successo oltre a indicare il comportamento dei composti. Per non parlare del fatto che un esordiente come Brad Binder ha conquistato la sua prima vittoria (Brno) e che Miguel Oliveira ha dato alla Tech 3 la più grande gioia degli ultimi 20 anni vincendo a Spielberg.

Tutta questa instabilità porta a chiedersi se il ruolo svolto da Michelin non sia un po' oltre i limiti in cui un fornitore dovrebbe essere mantenuto, che non ha concorrenza.

Piero Taramasso, máximo responsable de Michelin en las carreras de MotoGP

Piero Taramasso, máximo responsable de Michelin en las carreras de MotoGP

Photo by: Michelin

Piero Taramasso afferma: "È chiaro che quando si introduce una nuova gomma, è necessario un tempo di adattamento per capirla bene. E questo ovviamente ha un'influenza sui risultati”. Per il rappresentante Michelin, la chiave dell'incoerenza che si riflette nelle statistiche può essere spiegata dall'enorme livello di uguaglianza che è stato raggiunto.

"Quasi tutte le moto sono competitive e i piloti sono competitivi. Questo è chiaro dal cronometraggio, dove ci sono 20 piloti in un secondo. Ciò significa che ogni dettaglio nella scelta della gomma giusta o nell'interpretazione del suo comportamento fa la differenza. Bisogna pensare che, con tutto così serrato, perdere due decimi può portare dalla pole al sesto posto settimo", ha aggiunto Taramasso, che ha detto che le cose si sarebbero stabilizzate un po' dopo Misano, quando entrambi si sono stabiliti nella stagione.

A parlare dell'argomento con Autosport è anche Ramon Aurin, l'attuale capo meccanico capo di Alex Marquez alla HRC, e uno dei tecnici più esperti del paddock: “Ovviamente l'introduzione di un nuovo pneumatico influenza i risultati, perché va a vantaggio di alcune moto e danneggia altre. Ma questo succede sempre, è successo anche con l'ingresso di Bridgestone. Questa costruzione più morbida gioca a favore delle moto con più curve, che hanno più superficie di contatto e possono andare più veloci. Gli altri, come la Ducati per esempio, migliorano meno e devono modificare la moto molto di più”.

A questo punto vale probabilmente la pena di analizzare quale sia stata la strategia della Michelin dal suo ritorno in campionato nel 2016, quali siano stati i suoi punti deboli e quali i suoi punti di forza. In questo senso, l'intera griglia della MotoGP offre la stessa diagnosi: il pneumatico posteriore offre un livello di aderenza talmente buono che spinge l'anteriore al limite. È esattamente l'opposto di quello che è successo con Bridgestone, il cui pneumatico anteriore teneva quello che si metteva dentro, mentre il posteriore era un po' più pendente.

"È normale che Michelin evolva il pneumatico posteriore più di quello anteriore – prosegue Aurin – Fondamentalmente per due motivi. In primo luogo, perché lo sviluppo della mescola posteriore aiuta ad abbassare i tempi più della parte anteriore, e quello che Michelin vuole è che, per raggiungere i record. E in secondo luogo, perché l'evoluzione di quella anteriore comporta il rischio di cadere quando la si sta testando, come abbiamo visto in precedenza. E non è una cosa che nessuno vuole come immagine”.  

Sulla base di questo approccio, ci si chiede se non sarebbe stato meno invadente se il fornitore francese si fosse concentrato sull'ottimizzazione del pneumatico anteriore invece di quello posteriore, bilanciando un po' le cose. Ma questo avrebbe avuto anche un'influenza sul comportamento delle moto, in un modo o nell'altro.

 "È vero che all'inizio la nostra gomma anteriore non era la migliore. Ma poi abbiamo trovato una buona base, e ora ci sono ancora meno cadute che sul palco con il precedente fornitore (Bridgestone)", risponde Taramasso, che rivela i piani più immediati del marchio Bibendum. "Stiamo lavorando su un nuovo pneumatico anteriore, che dà più aderenza e stabilità e che abbiamo già testato l'anno scorso a Brno e Misano. L'idea era di svilupparlo ulteriormente quest'anno e di introdurlo nel 2021, ma a causa del covid-19 ne posticiperemo l'introduzione al 2022".

Scorrimento
Lista

Michelin, suministrador único del Mundial de MotoGP

Michelin, suministrador único del Mundial de MotoGP
1/5

Neumáticos Michelin usados

Neumáticos Michelin usados
2/5

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Equipo técnico de Michelin Technical

Equipo técnico de Michelin Technical
3/5

Foto di: Michelin Sport

Cambio de neumáticos durante una clasificación en el box del equipo Repsol

Cambio de neumáticos durante una clasificación en el box del equipo Repsol
4/5

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Ramón Aurín, técnico de HRC, habla con Alex Márquez durante un entrenamiento

Ramón Aurín, técnico de HRC, habla con Alex Márquez durante un entrenamiento
5/5

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

MotoGP 2020: orari TV di Sky, DAZN e TV8 del GP di San Marino

Articolo precedente

MotoGP 2020: orari TV di Sky, DAZN e TV8 del GP di San Marino

Articolo successivo

Stoner: "Senza Marquez, la MotoGP non ha un leader"

Stoner: "Senza Marquez, la MotoGP non ha un leader"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Andrea Dovizioso
Autore Oriol Puigdemont