MotoGP
02 ago
Warm Up in
01 Ore
:
18 Minuti
:
56 Secondi
G
GP d'Austria
14 ago
G
GP di Stiria
21 ago
Prossimo evento tra
11 giorni
G
GP di San Marino
10 set
Prossimo evento tra
31 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
Prossimo evento tra
39 giorni
25 set
Prossimo evento tra
46 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
Canceled
09 ott
Prossimo evento tra
60 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
Prossimo evento tra
67 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
Prossimo evento tra
74 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
Prossimo evento tra
88 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
Prossimo evento tra
95 giorni
20 nov
Canceled

MotoGP: la FIM aprirà i motori solo in caso di reclamo

condividi
commenti
MotoGP: la FIM aprirà i motori solo in caso di reclamo
Di:
1 lug 2020, 08:23

Il dipartimento tecnico della FIM non aprirà alcun motore di MotoGP fino al termine della stagione, a condizione che non vi sia alcun reclamo o ragionevole dubbio di irregolarità.

La stagione 2020, ridotta al momento a soli 13 GP, ha portato alcune variazioni ai protocolli tecnici della FIM.

La Gran Prix Commission, il più alto organo di governo del campionato, ha annunciato alla fine di maggio delle modifiche alle linee guida per l'utilizzo dei motori.

Se il numero totale degli eventi nel 2020 sarà inferiore a 12 (Qatar compreso), sia il 2020 che il 2021 saranno considerati come un'unica stagione, e l'allocazione per completarle entrambe sarà di 9 motori.

Se il numero di gare del 2020 sarà di 12 o più, l'allocazione per il 2020 sarà separata da quella per il 2021, e sarà la seguente: con 12-14 gare, ogni pilota avrà quattro motori. Tra 14 e 18 gare invece, saranno cinque.

Tutto indica, quindi, che nella stagione che inizierà il prossimo 19 luglio a Jerez, i piloti avranno quattro o cinque motori, a differenza dei sette abituali per una stagione completa (nove per le squadre che godono delle concessioni).

Fine dei lavori anche per Aprilia e KTM

La FIM ha già ricevuto un motore "campione" per ogni singolo costruttori. La Honda è stata la prima a consegnarlo, la settimana che ha preceduto il GP del Qatar che non si è mai disputato. Altri invece lo hanno fatto con più calma e il termine è stato prorogato a lunedì 29 giugno per Aprilia e KTM.

I propulsori campione di questi due arriveranno a Jerez, dove saranno sigillati dai tecnici FIM e riconsegnati ai proprietari, che dovranno portarli ad ogni Gran Premio nel caso in cui si renda necessario un confronto.

La Federazione effettuerà controlli esterni dei motori, e anche sulla grafica digitale fornita dagli ingegneri, ma in una stagione breve e totalmente atipica, l'idea è quella di non aprire alcun motore durante il campionato per fare controlli approfonditi e vedere se le regole vengono rispettare.

Leggi anche:

Questo avverrà dopo l'ultima gara della stagione, quando i tecnici apriranno ogni motore campione e lo confronteranno con quelli utilizzati da ogni pilota. Se vengono rilevate delle irregolarità, ci saranno delle sanzioni.

Ci sono però due casi in cui la FIM interverrà: se verrà presentato un reclamo formale da una squadra avversaria o se c'è, da parte dei tecnici della Federazione, il dubbio che ci siano delle irregolarità.

In entrambi i casi, quel motore sarà rimosso dalla rotazione della squadra, perdendone uno a cui ha diritto nel corso della stagione, e sarà rivisto a fine stagione.

Come detto, Aprilia e KTM, disponendo delle concessioni, ma dovendo poi sottostare al congelamento dello sviluppo, hanno ottenuto una deroga per continuare a lavorare sui loro propulsori fino al 29 giugno.

Entrambi i costruttori hanno già effettuato dei test privati nell'ultimo mese. Nel caso della Casa di Noale, non tanto lavorando sulle prestazioni, quando sull'affidabilità.

"A livello di prestazioni, questi motori dovranno essere identici al campione consegnato" ha detto a Motorsport.com un tecnico che conosce il protocollo.

↓ Tutte le moto e le squadre della stagione 2020 ↓

Scorrimento
Lista

Repsol Honda - RC213V

Repsol Honda - RC213V
1/11

Foto di: Repsol Media

Ducati Team - Desmosedici GP20

Ducati Team - Desmosedici GP20
2/11

Foto di: Ducati Corse

Monster Yamaha - M1

Monster Yamaha - M1
3/11

Foto di: Yamaha MotoGP

Suzuki Ecstar - GSX-RR

Suzuki Ecstar - GSX-RR
4/11

Foto di: Suzuki MotoGP

Red Bull KTM - RC16

Red Bull KTM - RC16
5/11

Foto di: KTM

Aprilia Racing Team Gresini - RS-GP

Aprilia Racing Team Gresini - RS-GP
6/11

Foto di: Aprilia Racing

Petronas Yamaha SRT - M1

Petronas Yamaha SRT - M1
7/11

Foto di: Petronas Yamaha

Reale Avintia - Desmosedici GP19

Reale Avintia - Desmosedici GP19
8/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Red Bull KTM Tech 3 - RC16

Red Bull KTM Tech 3 - RC16
9/11

Foto di: KTM

LCR Honda - RC213V

LCR Honda - RC213V
10/11

Foto di: Team LCR

Pramac Ducati - Desmosedici GP20

Pramac Ducati - Desmosedici GP20
11/11

Foto di: Pramac Racing

Dovizioso: "Non sento dolore, sono ottimista"

Articolo precedente

Dovizioso: "Non sento dolore, sono ottimista"

Articolo successivo

MotoGP: Dovizioso è già tornato ad allenarsi in palestra

MotoGP: Dovizioso è già tornato ad allenarsi in palestra
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Autore Germán Garcia Casanova