Marquez: "Importante essere arrivato davanti a Rossi"

condividi
commenti
Marquez:
Di: Matteo Nugnes
03 mag 2015, 16:16

Marc è stato rallentato da un dolore al braccio destro, ma ha raggiunto l'obiettivo di accorciare la classifica

Marquez:

Marc Marquez è arrivato solamente secondo nel Gp di Spagna, ma in un certo senso può essere considerato il vincitore morale della gara di Jerez de la Frontera, che in realtà è stata dominata da Jorge Lorenzo. Il pilota della Honda ha dovuto convivere con la frattura del mignolo sinistro rimediata appena una settimana fa, ma non si è mai arreso, neppure quando ha iniziato a sentire dolore al braccio destro, sul quale spingeva di più proprio per non forzare sul sinistro. Nonostante tutto, è riuscito a respingere l'assalto finale di Valentino Rossi, sul quale ha quindi recuperato 4 punti, riportandosi a 26 lunghezze.

"Non è stata una gara facile. Ho provato a fare una bella partenza e sono riuscito subito a mettermi dietro a Lorenzo. A quel punto mi sarebbe piaciuto rimanere insieme a lui, ma dopo sei o sette giri ha iniziato a farmi molto male il braccio destro, perché per non spingere troppo sul mignolo sinistro facevo più sforzo con quello. Ho comunque provato a dare il 100% e questo secondo posto è un risultato importante, perché sono riuscito ad arrivare davanti a Valentino" ha detto Marc.

Sul tentativo di rimonta di Valentino, poi ha aggiunto: "Ad un certo punto sembrava che potesse succedere come in Argentina e che mi arrivasse a prendere, ma questa volta sono riuscito a tenerlo a bada, perché il suo recupero non era poderoso come a Termas de Rio Hondo. Io sapevo che potevo fare qualcosina in più e mi stavo un po' tenendo per il finale, ma poi ho visto che ha iniziato a perdere un paio di decimi al giro, quindi mi sono tranquillizzato ed ho gestito il secondo posto".

La cosa interessante poi è che ha fatto capire che senza il problema al braccio pensava di poter infastidire anche Lorenzo, ma che ha preferito non rischiare troppo: "Ho provato a rimanergli vicino, perché sapevo che lui all'inizio sarebbe stato molto forte e che poi alla lunga potevamo avere un passo simile. Quando ho visto che iniziavo ad avere male al braccio destro però ho preferito non correre rischi e concentrarmi sul secondo posto".

Prossimo articolo MotoGP
Valentino: "200 podi in carriera? Non è male!"

Previous article

Valentino: "200 podi in carriera? Non è male!"

Next article

Lorenzo: "Era troppo importante tornare sul podio"

Lorenzo: "Era troppo importante tornare sul podio"

Su questo articolo

Serie MotoGP
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie