Jerez, Libere 3: Pedrosa beffa Lorenzo in extremis

Jerez, Libere 3: Pedrosa beffa Lorenzo in extremis

Molto vicini anche Marquez e Rossi, ma la sopresa è il quinto tempo di Edwards. Quattro Ducati fuori dalla Q2

Era considerato il grande favorito fin dalla vigilia del weekend e Dani Pedrosa ha aspettato la terza sessione di prove libere di Jerez de la Frontera per piazzare la sua zampata: proprio nei minuti finali della sessione che ha deciso gli accessi diretti in Q2, lo spagnolo ha piazzato la sua Honda RC213V davanti a tutti con un crono di 1'38"769 realizzato con la gomma soft. "Camomillo" è andato a prendersi gli applausi del suo pubblico staccando di poco più di un decimo la Yamaha di Jorge Lorenzo, che fin dai primi minuti aveva piazzato la sua M1 in cima alla classifica. E qui va detto che il maiorchino, a differenza del compagno di squadra, ha deciso di accantonare il nuovo telaio portato a Jerez almeno fino ai test di lunedì. In terza posizione troviamo il leader del Mondiale Marc Marquez: il pilota della Honda è staccato di 238 millesimi con la RC213V gemella di quella del battistrada, ma quando ha girato con la gomma media ha sfoderato una serie davvero interessante di giri sul passo dell'1'39" basso che lo mettono ancora tra i favoriti per la gara di domani. L'alternanza Honda-Yamaha prosegue poi con il quarto tempo di Valentino Rossi, a sua volta molto vicino, a circa tre decimi, e volentereso nel portare avanti il lavoro con il nuovo telaio della M1 sviluppato per rendere la moto più stabile in staccata. Il "Dottore" ha insistito con questo e gli esiti sembrano buoni. La grande sorpresa però è senza dubbio il quinto tempo di Colin Edwards, per la prima volta in stagione più veloce di Aleix Espargaro con la Forward Yamaha "Open". Le voci di un suo possibile pensionamento anticipato sembrano aver svegliato improvvisamente "Texas Tornado", che ha sfoderato un 1'39"200 con cui ha messo in fila la Honda di Stefan Bradl ed il compagno di squadra. Solo ottava la migliore delle Ducati, quella di Andrea Dovizioso, alla quale non è servito più di tanto montare la gomma extra-soft, visto che è rimasta staccata di circa tre decimi dalle Forward Yamaha. Il quadro dei piloti che accedono direttamente alla Q2 si completa poi con le due Yamaha del team Tech 3 affidate a Pol Espargaro e Bradley Smith. Questo vuol dire che ci attende una Q1 particolarmente accesa, perchè a contendersi gli unici due posti a disposizione nel segmento conclusivo saranno le quattro Ducati di Michele Pirro, Andrea Iannone, dell'infortunato Cal Crutchlow e di Yonny Hernandez, ma anche la Honda di Alvaro Bautista, che senza dubbio è stato la grande delusione della mattinata. Da segnalare, infine, i problemi tecnici che hanno colpito la ART-Aprilia di Danilo Petrucci, che ha iniziato a fumare vistosamente, obbligando il pilota italiano a rientrare ai box. Un duro colpo per lui, che purtroppo in questa stagione ha già rotto altri due propulsori.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie