Jerez, Libere 2: Marquez mette davanti la sua Honda

Jerez, Libere 2: Marquez mette davanti la sua Honda

Si alza la temperatura, ma Marc si migliora e precede Aleix Espargaro e Dovizioso. Bene anche Rossi, quarto

La temperatura si è scaldata decisamente a Jerez a cavallo tra la prima e la seconda sessione di prove libere della MotoGp, al punto che il turno pomeridiano ha visto un innalzamento di circa 20 gradi per quanto riguarda l'asfalto, che lo ha reso particolarmente scivoloso. Essendo condizioni molto simili a quelle attese per la gara di domenica, i team e i piloti si sono quindi concentrati sulla messa a punto. Questo però non è sembrato essere un grande problema per il leader del Mondiale Marc Marquez, che è stato uno dei piloti capaci comunque di migliorare il riferimento mattutino. Il pilota della Honda ha messo tutti in fila in 1'39"757, precedendo di un paio di decimi Aleix Espargaro, che con la sua Forward Yamaha "Open" è stato l'unico altro pilota capace di scendere sotto all'1'40" quando ha montato la gomma più morbida. Con la gomma morbida è risalito parecchio anche Andrea Dovizioso, che ha issato la sua Ducati in terza posizione, di poco davanti alla Yamaha di Valentino Rossi. Interessante anche la prestazione del "Dottore", che è stato tra coloro che sono riusciti a migliorarsi nel secondo turno, con un tempo che gli ha permesso di mettersi dietro, anche se di soli 8 millesimi, la M1 gemella di Jorge Lorenzo. Solo sesto Dani Pedrosa, che anche su quella che sulla carta doveva essere una pista particolarmente favorevole a lui ha incassato un gap di circa sette decimi sulla RC213V gemella di Marquez, realizzando tempi simili a quelli delle due moto satellite di Alvaro Bautista e Stefan Bradl, che lo seguono in settima ed ottava posizione. Nona piazza per Andrea Iannone, che anche con la morbida non è riuscito a scalare la classifica più di tanto. Dopo la caduta di stamani, il ducatista si è anche reso protagonista di un dritto alla prima curva. Gli è andata comunque meglio rispetto a Bradley Smith ed Hiroshi Aoyama, che hanno letteralmente distrutto le loro moto cadendo nei minuti finali. In generale comunque non è stata una buona sessione per le Yamaha del team Tech 3, entrambe rimaste fuori dalla top ten (completata dalla Honda "Open" di Nicky Hayden), così come le due Ducati di Michele Pirro e Cal Crutchlow. Quest'ultimo ha chiuso 15esimo convivendo ancora con il forte dolore alla mano destra dovuto all'infortunio rimediato in Texas. Ora il britannico dovrà anche sottoporsi alla visita dei medici della FIM, che dovranno decidere se consentirgli di proseguire il weekend o meno.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie