MotoGP, Jerez, Libere 1: Binder beffa Aleix Espargaro

Proprio sotto alla bandiera a scacchi, il pilota della KTM ha soffiato la prima posizione a quello dell'Aprilia. Terzo tempo per un ottimo Marquez, che precede Bagnaia e Quartararo. Quindi ci sono cinque moto diverse nella top 5. Mir è decimo, mentre Rossi è addirittura 20esimo.

MotoGP, Jerez, Libere 1: Binder beffa Aleix Espargaro

C'è un nome che non ti aspetti davanti a tutti al termine della prima sessione di prove libere del Gran Premio di Spagna di MotoGP. Dopo un avvio di stagione complicato, la KTM ha iniziato alla grande il weekend di Jerez, piazzando Brad Binder in cima ad una lista dei tempi che vede cinque marchi differenti rappresentati nella top 5.

Per il momento i piloti non hanno ancora pesato le loro prestazioni con la gomma soft al posteriore, utilizzando le medie in questo primo turno, che ha visto il sudafricano arrivare davvero vicino a sfondare il muro dell'1'38" con il suo 1'38"013.

Un peccato per Aleix Espargaro e per l'Aprilia, che si sono visti soffiare la vetta proprio sotto alla bandiera a scacchi dopo aver comandato il turno quasi per intero. Poco male per il pilota di Granollers, che con la sua RS-GP comunque è distanziato di soli 191 millesimi.

Positivo anche l'inizio di Marc Marquez, che prova a riavvicinarsi al miglior stato di forma dopo il lungo stop. Il pilota della Honda si è issato in terza posizione, staccato di 278 millesimi. Proprio all'ultimo giro è riuscito a dare una bella scalata alla classifica Pecco Bagnaia, risultato alla fine il migliore dei piloti Ducati con un ritardo di poco meno di tre decimi.

La top 5 si completa poi con la prima delle Yamaha, che è quella del leader iridato Fabio Quartararo. Le M1 erano state saldamente nelle prime posizioni, poi sono un po' arretrate, con il francese che ha pagato 331 millesimi e Maverick Vinales che ha chiuso nono a 421. Più attardate le due Petronas: Franco Morbidelli è 12esimo, ma soprattutto fa fatica Valentino Rossi, 20esimo ad oltre 1"2.

In sesta posizione troviamo la Ducati di Johann Zarco, che in questa FP1 aveva dato la sensazione di essere quello più costante tra i piloti della Rossa. Il francese ha preceduto l'altra KTM di Miguel Oliveira e la seconda Honda ufficiale di Pol Espargaro. A chiudere il quadro dei piloti che al momento avrebbero accesso diretto alla Q2 c'è poi la Suzuki di Joan Mir, con il campione del mondo che ad inizio turno è stato rallentato da un problema elettrico sulla sua GSX-RR.

Va comunque sottolineato che i primi dieci sono tutti racchiusi nello spazio di appena 471 millesimi, stesso identico distacco che paga anche Takaaki Nakagami, 11esimo con la Honda LCR. Buono anche il 12esimo tempo di Lorenzo Savadori, che però è stato il solo a montare la gomma con la sua Aprilia.

Più attardati invece Alex Rins e Jack Miller, che non hanno brillato, chiudendo rispettivamente 14esimo e 17esimo. Nella scia di "Jackass" c'è Danilo Petrucci, che anche su una pista sulla carta favorevole alla KTM ha incassato un ritardo di 1". Il pilota di Terni oggi aveva anche alcune novità da provare, mirate a migliorare l'ergonomia della sua RC16.

Il quadro dei piloti di casa nostra si completa poi con i due rookie, Enea Bastianini e Luca Marini, che occupano la 19esima e la 22esima posizione con le loro Ducati. Tra di loro si è infilato anche Tito Rabat, al ritorno in MotoGP sulla Ducati del Pramac Racing lasciata libera dall'infortunato Jorge Martin.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 South Africa Brad Binder
KTM 19 1'38.013 162.456
2 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 18 1'38.204 0.191 0.191 162.140
3 Spain Marc Márquez Alentà
Honda 20 1'38.291 0.278 0.087 161.996
4 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 22 1'38.301 0.288 0.010 161.980
5 France Fabio Quartararo
Yamaha 19 1'38.344 0.331 0.043 161.909
6 France Johann Zarco
Ducati 19 1'38.397 0.384 0.053 161.822
7 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 18 1'38.398 0.385 0.001 161.820
8 Spain Pol Espargaró Villà
Honda 19 1'38.433 0.420 0.035 161.762
9 Spain Maverick Ruiz Viñales
Yamaha 22 1'38.434 0.421 0.001 161.761
10 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 15 1'38.484 0.471 0.050 161.679
11 Japan Takaaki Nakagami
Honda 19 1'38.484 0.471 0.000 161.679
12 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 21 1'38.492 0.479 0.008 161.665
13 Italy Lorenzo Savadori
Aprilia 17 1'38.630 0.617 0.138 161.439
14 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 18 1'38.706 0.693 0.076 161.315
15 Germany Stefan Bradl
Honda 19 1'38.764 0.751 0.058 161.220
16 Spain Alex Marquez
Honda 20 1'38.819 0.806 0.055 161.130
17 Australia Jack Peter Miller
Ducati 19 1'38.871 0.858 0.052 161.046
18 Italy Danilo Carlo Petrucci
KTM 19 1'39.054 1.041 0.183 160.748
19 Italy Enea Bastianini
Ducati 20 1'39.110 1.097 0.056 160.657
20 Italy Valentino Rossi
Yamaha 20 1'39.299 1.286 0.189 160.352
21 Spain Esteve "Tito" Rabat Bergada
Ducati 21 1'39.502 1.489 0.203 160.024
22 Italy Luca Marini
Ducati 19 1'39.531 1.518 0.029 159.978
23 Spain Iker Lecuona
KTM 19 1'39.825 1.812 0.294 159.507
condividi
commenti
Bastianini: "L'obiettivo è continuare con Ducati"
Articolo precedente

Bastianini: "L'obiettivo è continuare con Ducati"

Articolo successivo

MotoGP, Jerez, Libere 2: Ducati vola con Bagnaia, Rossi 21°

MotoGP, Jerez, Libere 2: Ducati vola con Bagnaia, Rossi 21°
Carica i commenti