In dubbio il futuro di Stefan Bradl alla Honda LCR

In dubbio il futuro di Stefan Bradl alla Honda LCR

Cecchinello lo terrebbe volentieri, ma la HRC non è convinta delle sue prestazioni. Rabat e Vinales nel mirino?

Siamo arrivati quasi al giro di boa del Mondiale MotoGp 2014 e per il momento non ci sono ancora certezze legate al futuro di Stefan Bradl. L'ex campione del mondo della Moto2, arrivato ormai alla terza stagione con la Honda LCR, non è ancora riuscito a mostrare quel salto di qualità che si aspettavano i vertici della Casa giapponese, quindi la sua permanenza della squadra di Lucio Cecchinello non è ancora certa. Il manager italiano crede ancora molto nel talento del pilota tedesco, che però in questo avvio di stagione è riuscito a piazzarsi nella top five solamente tre volte (quarto ad Austin e quinto in Argentina e a Barcellona). Risultati che per ora appunto non sembrano essere all'altezza delle aspettative della HRC. "Ci aspettavamo di più da Stefan in questa stagione, ma devo dire che è stato anche sfortunato, quindi voglio aspettare ancora un paio di gare prima di dare un giudizio. Da quello che vedo nella telemetria, Stefan è un pilota veloce, che si merita di rimanere qui. Vorrei tenerlo in squadra, ma quello che ha mostrato fino ad ora non è abbastanza per la HRC, quindi la situazione rimane sotto valutazione" ha detto Cecchinello a MotorCycleNews. Lucio poi ha spiegato quali sarebbero le aspettative della Casa giapponese per Bradl: "Mi hanno detto che viste le sue performance attuali non hanno fretta di pianificare il futuro. La HRC è consapevole del fatto che Marquez, Lorenzo, Pedrosa e Rossi sono di livello superiore. La realtà è che questi quattro hanno vinto la maggior parte delle gare dell'ultimo decennio, ma la HRC pensa che Stefan si dovrebbe piazzare subito dietro di loro, ma standogli vicino e non finendo a 30 secondi". Nel paddock intanto iniziano a circolare i nomi dei possibili sostituti e si tratta di piloti che arriverebbero dalla Moto2, come il favoritissimo per il titolo Esteve Rabat o Maverick Vinales, che è solamente alla prima stagione nella classe di mezzo, ma che è un pupillo di Shuhei Nakamoto fin dai tempi del suo esordio in quella che era ancora la 125 Gp. Cecchinello però nega i contatti: "Non ho parlato con nessuno, compresi Rabat e Vinales. E' troppo presto per iniziare a parlare dell'anno prossimo".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Stefan Bradl , Maverick Viñales , Tito Rabat
Articolo di tipo Ultime notizie