De Puniet: "Avevamo scelto il telaio giusto a Sepang"

Anche le prove comparative fatte ad Austin hanno ribadito le sensazioni dei test malesi in casa Suzuki

De Puniet:
Ieri vi abbiamo parlato del ritorno di Kevin Schwantz in sella ad una moto da MotoGp, avvenuto martedì ad Austin, ma la Suzuki è arrivata in Texas soprattutto per portare avanti lo sviluppo del suo prototipo, affidando a Randy De Puniet il collaudo di nuove soluzioni per quanto riguarda il telaio ed il cambio. Il collaudatore francese ha messo insieme 56 tornate, con un miglior crono di 2'06"4, un tempo quindi alto rispetto ai riferimento del weekend, anche se va detto che lunedì ha piovuto parecchio e che quindi l'asfalto del Circuit of the Americas era probabilmente in condizioni peggiori. Le indicazioni tratte da Randy sono infatti positive: "Questa era una pista nuova per Suzuki, e anch’io non guidavo la moto da febbraio. Abbiamo impiegato tanto tempo nel modificare le impostazioni ed i rapporti del cambio, poi abbiamo continuato a confrontare i due telai diversi e abbiamo trovato ancora una volta che il migliore era quello scelto a Sepang: è quello più stabile in entrata di curva. Nel pomeriggio abbiamo provato diverse mappature elettroniche". Soddisfatto anche il team principal Davide Brivio: "Una giornata positiva su un circuito completamente nuovo per noi. Uno dei principali obiettivi è quello di continuare lo sviluppo di nuova elettronica e anche per raccogliere informazioni utili su questo tracciato sul quale verremo a correre. Abbiamo lavorato sul setting della moto e sul confronto dello chassis. Il tempo sul giro non è male per il primo giorno".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Randy de Puniet
Articolo di tipo Ultime notizie