MotoGP | Honda non sostituisce Marc Marquez a Valencia

La Honda ha deciso che Stefan Bradl non parteciperà alla gara di Valencia in sostituzione di Marc Márquez. Pol Espargaró guiderà l'unica moto del team Repsol.

MotoGP | Honda non sostituisce Marc Marquez a Valencia

Dopo aver saltato il Gran Premio dell'Algarve a causa di quella che pareva essere solo una lieve commozione cerebrale rimediata in un incidente in allenamento, Marc Márquez non sarà in pista neanche questo weekend a Valencia e nei test collettivi della settimana prossima a Jerez.

Oltre alla commozione cerebrale, infatti, l'otto volte campione del mondo ha accusato anche dei problemi legati alla vista. Come nel 2011, Marc sta soffrendo di una diplopia legata alla paralisi di un muscolo dell'occhio destro, che al momento è incapace di girare. Il #93 ha parlato di "assenza indefinita", anche se al momento non è stata prevista alcuna operazione.

Stefan Bradl è stato il sostituto di Marquez per tutta la stagione 2020 e all'inizio di quella in corso, quando lo spagnolo era alle prese con l'infortunio al suo braccio destro. Inoltre lo ha sostituito la scorsa settimana a Portimao. Tuttavia, la Honda ha deciso di non utilizzare il suo collaudatore in occasione della gara di Valencia.

Leggi anche:

Il tedesco tornerà in sella nei test di Jerez, quindi Pol Espargaro sarà l'unico pilota del factory team in occasione dell'ultimo round del 2021.

"Prima di tutto, auguro a Marc tutto il meglio in questo momento difficile e spero che si riprenda rapidamente", ha detto Espargaro, che ha concluso sesto nel Gran Premio dell'Algarve. "Ovviamente la sua assenza si farà sentire, ma veniamo comunque a Valencia motivati a fare il miglior lavoro possibile".

A Pol Espargaro la pista di Valencia piace, anche se la sua unica vittoria risale a quando correva nel CEV. Tuttavia, ha avuto modo di salire sul podio sia ai tempi della 125cc che in MotoGP, oltre ad aver firmato la pole position in una delle due gare dello scorso anno.

"E' una pista che mi piace molto, ho ottenuto qui il mio primo podio in MotoGP nel 2018 e penso che possiamo andare bene anche quest'anno. In questo periodo dell'anno è una pista molto buona e questo gioca a nostro favore. In questa ultima gara voglio provare ad essere veloce come nelle più recenti prima di iniziare a pensare al 2022 da Jerez", ha concluso.

condividi
commenti
Taramasso: "A Valencia le variabili sono il freddo e il meteo"
Articolo precedente

Taramasso: "A Valencia le variabili sono il freddo e il meteo"

Articolo successivo

Dovizioso: "Non ci sarà mai nessuno come Valentino"

Dovizioso: "Non ci sarà mai nessuno come Valentino"
Carica i commenti