MotoGP: GP di Francia confermato a maggio nonostante il lockdown

Era stato garantito già in precedenza che il Gran Premio di Francia della MotoGP si sarebbe svolto a maggio ed è arrivata la conferma in queste ore nonostante le ultime restrizioni in vigore nel Paese d’oltralpe.

MotoGP: GP di Francia confermato a maggio nonostante il lockdown

Il Presidente della Repubblica francese ha annunciato mercoledì sera una nuova fase del lockdown di quattro settimane, ma questo non cambia i piani del Gran Premio di Francia della MotoGP, che conferma l’evento nelle date previste inizialmente dal calendario.

La Sarthe non era interessato dalle misure restrittive che invece riguardavano 19 dipartimenti francesi, tuttavia da sabato sera entra nel sistema di lockdown generalizzato messo in atto per frenare la propagazione del Covid-19. Anche se è permessa una certa flessibilità rispetto alle due fasi precedenti di contenimento, questo giro di vite implica anche la chiusura di negozi e scuole su tutto il territorio ed una forte limitazione degli spostamenti.

Ad ogni modo, gli organizzatori del Gran Premio di Francia della MotoGP, a seguito di una riunione tenutasi giovedì sera con il Ministro dello Sport, hanno confermato questa mattina che l’evento viene mantenuto nelle date previste, ovvero dal 14 al 16 maggio prossimi. Si tratterà del quinto appuntamento della stagione, il terzo in Europa dopo quello del Portogallo e di Jerez de la Frontera, che si terranno tra metà aprile ed inizio maggio.

Inoltre, dopo essere stato uno dei pochi circuiti che nel 2020 ha accolto il pubblico in MotoGP, anche se con un numero ridotto rispetto al solito, Le Mans può ancora sperare di avere il suo evento con gli spettatori anche quest’anno. È confermato che la decisione sulla presenza del pubblico con le condizioni d’accesso verrà presa a metà aprile. Questo permetterà di confermare o di annullare le prenotazioni dei circa 20.000 spettatori, coloro che avevano conservato il loro biglietto per l’edizione 2020 prima d’aver rinunciato ad assistere e quelli che l’hanno acquistato per il 2021 a fine gennaio. Come già comunicato in precedenza dagli organizzatori, di tratterà di una decisione presa con le autorità sulla base delle regole che saranno in vigore con il Ministero dello Sport e la Prefettura della Sarthe.

Ricordiamo inoltre che il Gran Premio di Francia ha l’intenzione di rinnovarsi quest’anno, creando della Fan Zone qualora le condizioni lo permettano. Il progetto, denominato “Grand Prix de France Experience”, replicherà il Villaggio del circuito su altre cinque piste il sabato e la domenica dell’evento: gli spettatori potranno così recarsi al Circuit Carole (93), al Pôle Mécanique Alès Cévennes (30) e al Circuito di Chambley (54), di Dijon-Prenois (21) e di Nogaro (32) per seguire il Gran Premio e usufruire della animazioni allestite.

condividi
commenti
Honda: il time attack è la prima preoccupazione

Articolo precedente

Honda: il time attack è la prima preoccupazione

Articolo successivo

MotoGP, Doha, Libere 1: svetta l'Aprilia, due guasti per Morbidelli

MotoGP, Doha, Libere 1: svetta l'Aprilia, due guasti per Morbidelli
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Autore Léna Buffa