MotoGP | Forcada visto dagli occhi di suoi quattro campioni

Quattro piloti eccezionali e campioni del mondo che hanno lavorato con Ramon Forcada spiegano cosa ha significato per loro e per il paddock della MotoGP il tecnico spagnolo.

MotoGP | Forcada visto dagli occhi di suoi quattro campioni

Anche se apparentemente può sembrare uno dei tanti, per coloro che vivono da molti anni nel paddock della MotoGP, nel Gran Premio di Aragon si è sentita fortemente l’assenza di una delle persone più amate, ammirate e rispettate dei circuiti: Ramon Forcada, che dopo più di tre decenni senza perdere un fine settimana di gara, non era presente al Motorland.

Con l’annuncio del ritiro prima che terminasse la stagione di Andrea Dovizioso, è finita, al momento anche la carriera del tecnico spagnolo, che a 65 anni è indeciso tra la pensione o alcune delle offerte che gli stanno arrivando per continuare nel 2023.

“Dovrebbe essere qualcosa di molto interessante, qualcosa di nuovo che mi motivi”, ha assicurato Forcada, quando l’autore di queste righe gli ha chiesto a Misano se volesse continuare a restare in attività. Che resti o meno nel paddock, il Gran Premio di San Marino è stato il suo ultimo al massimo livello, come ingegnere di pista di un top rider, l’ultimo dei tanti che ha lavorato con lui.

Forcada, che ha debuttato nel 1989 insieme ad Alex Crivillé nel mondiale 125cc, ha lavorato con tanti piloti molto buoni nei suoi oltre trent’anni. Parliamo di piloti del calibro di John Kocinski, Alex Barros, Carlos Checa, Casey Stoner o Jorge Lorenzo, con cui è stato dal 2008 al 2016 in Yamaha. Lì ha conquistato tre titoli mondiali MotoGP, oltre a 44 vittorie nella classe regina. Nella sua ultima tappa della carriera, Forcada è stato nei box di Maverick Vinales, Franco Morbidelli e Andrea Dovizioso.

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing e Ramo Forcada

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing e Ramo Forcada

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Oltre al suo palmarès, motorsport.com ha parlato con qualcuno dei campioni del mondo che ha lavorato con lui per comprendere com’è il tecnico spagnolo e cosa ha significato nelle loro rispettive carriere. “Per me, Ramon è una persona molto intelligente, con molto carattere e personalità, a livello di sospensioni per me è il migliore”, ha affermato Jorge Lorenzo parlando di Forcada.

“Inoltre era una persona che aveva molte risorse, avendo tanta esperienza e intelligenza, trovava sempre una soluzione per tutto. A volte anche troppo, ricordo che in qualche occasione gli esponevo un problema  e provava a cambiare la moto. In alcuni momenti ci siamo dovuti mettere a sedere e fermare un po’ questa dinamica. Ma in generale, e soprattutto a livello di sospensioni, è uno dei migliori tecnici spagnoli della storia”, ha ricordato il cinque volte campione del mondo.

Un altro campione del mondo, in questo caso in Moto2, che è passato per le mani di Forcada è l'italiano Franco Morbidelli, che insieme al catalano, nel 2020, ha ottenuto il secondo posto in MotoGP con una Yamaha fuori produzione. "Ramon, secondo me, è stato il miglior direttore tecnico della storia, un personaggio molto importante per questo paddock, che può insegnare molto a tante persone", ha detto Morbidelli.

"La verità è che mi sento molto male per la possibilità di non vederlo più qui. Oltre a essere un ottimo tecnico, è una persona eccellente e mi sono sempre trovato bene a lavorare con lui. Se non lo vedrò più nel paddock sarà una cosa che non mi piacerà affatto", ha aggiunto.

Forcada, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Forcada, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Per decisione della Yamaha, quando l'anno scorso Morbielli è passato dal team satellite al team ufficiale, i due si sono separati. Da allora l'italiano non è più riuscito a rimettersi in piedi, cosa che però non lo ha spinto a cercare di riprenderselo: “No, la storia con Ramon è finita. È stata molto bella, ma si è conclusa”.

Maverick Viñales è arrivato in Yamaha nel 2017 per sostituire Lorenzo, ereditando gran parte del suo team tecnico. L'attuale pilota dell'Aprilia, campione della Moto3 nel 2013, ha vinto la sua gara d'esordio, in Qatar, sulla M1, secondo e quinto, in testa al mondiale. Tuttavia, le cose sono andate male per Mack e Ramon e, sebbene siano riusciti a ottenere il terzo posto in campionato nel 2018, sono finiti separati e con Forcada nel team satellite Petronas, ora RNF.

"Ho parlato con lui a Misano e personalmente credo e spero che non se ne vada ancora, che il prossimo anno gli venga offerto qualcosa di bello per continuare a lavorare qui. Per me Ramón è uno dei tre migliori tecnici del paddock", ha detto Viñales. "Nel tempo trascorso con Ramón ho imparato molto, soprattutto sulla messa a punto, mi ha spiegato molto bene i dettagli della moto, mi ha fatto capire come funzionava la Yamaha. Credo che Ramon possa essere molto importante per chi sta iniziando, un giovane pilota con una certa proiezione", raccomanda.

"Ci sono stati tre o quattro circuiti in cui Ramon è riuscito a fare qualcosa con il setup e la moto era spettacolare, non so cosa avesse di incredibile. A Le Mans, ricordo che mi disse di non preoccuparmi, che si sarebbe occupato delle regolazioni e che stavamo andando come un aereo. Ramon sa molto, ha molta esperienza", ammette lo spagnolo, che, nonostante il fatto che professionalmente il rapporto con Forcada non sia finito bene, "personalmente abbiamo sempre avuto un buon rapporto".

Il vincitore della gara Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, Ramon Forcada, Yamaha Factory Racing

Il vincitore della gara Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, Ramon Forcada, Yamaha Factory Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Un altro Campione del Mondo, in questo caso in SBK, è Carlos Checa. Lo spagolo ha lavorato con Forcada nel 1995, e curiosamente ha concluso la sua carriera sempre con lui all'LCR, nel 2007, l'anno in cui ha sostituito Casey Stoner nel team satellite Honda, e la stagione prima che Dani Amatriain lo ingaggiasse per raggiungere Lorenzo alla Yamaha.

"Ho avuto un rapporto molto speciale con Ramon, quando ho iniziato il Campionato del Mondo nel 1994 lo conoscevo già e l'anno successivo, quando sono passato alla squadra 250cc di Sito Pons, ero già con lui. Il rapporto di lavoro è continuato anche quando sono passato alla 500cc per altre due stagioni, e la cosa bella è che nel mio ultimo anno in MotoGP (2007), con Lucio Cecchinello, ero di nuovo con lui, proprio quello che mi ha fatto accettare l'offerta è che c'era Ramón e un ottimo gruppo di meccanici, che conoscevo", spiega Checa il suo rapporto con Forcada.

"Quando ha iniziato, Ramon era molto chiuso tecnicamente, ma ha saputo evolversi e lavorare molto. Nell'ultimo anno ho visto un tecnico che sapeva lavorare perfettamente con il pilota. Ramón sapeva bene come incanalare le emozioni e le sensazioni dei piloti per interpretarle e applicarle alla sezione tecnica. E questo è fondamentale per un ingegnere, perché questo è uno sport molto tecnologico, ma anche molto emotivo, e la capacità di fondere entrambi gli aspetti è ciò che rende Ramon speciale", ha affermato Checa.

"Una delle caratteristiche migliori di Ramon è che ha saputo capire il pilota, motivarlo, accompagnarlo e rimanere sempre rigoroso e rigido nel suo metodo, senza apportare modifiche per compiacere il pilota. È sempre stato in grado di mantenere la linea di lavoro e questo lo ha reso un tecnico di grande successo".

"Ramon mancherà molto al paddock. È una persona con cui si può parlare di tutto e di qualsiasi periodo a livello tecnico, con una conoscenza enorme. Forcada, senza dubbio, è uno dei grandi saggi del mondo del motociclismo", ha dichiarato l'attuale commentatore televisivo.

Carlos Checa

Carlos Checa

Photo by: Team LCR

condividi
commenti
MotoGP | Ducati: “Divieto dell’abbassatore, scarsa correttezza”
Articolo precedente

MotoGP | Ducati: “Divieto dell’abbassatore, scarsa correttezza”

Articolo successivo

MotoGP | Gresini ingaggia l'ingegnere di pista di Mir per il 2023

MotoGP | Gresini ingaggia l'ingegnere di pista di Mir per il 2023