Festa Ducati al Mugello: prima pole per Iannone!

Festa Ducati al Mugello: prima pole per Iannone!

Anche Dovizioso è in prima fila, ma tra le due GP15 c'è Lorenzo. Rossi è solo ottavo, Marquez out in Q1

Non sarà al 100% della condizione fisica, a causa della spalla infortunata nel test di due settimane fa, ma oggi Andrea Iannone ha lasciato il primo segno davvero importante da quando è approdato in MotoGp. In Qatar per lui era arrivato il primo, ma al Mugello ha festeggiato la sua prima pole position. Un risultato che vale doppio perché arrivato sulla pista di casa della Ducati.

In una giornata in cui in mattinata aveva già toccato la velocità mostruosa di 350,8 km/h alla speed trap, il pilota di Vasto è riuscito a rendere speciale la sua Q2, forse aiutato anche un pochino da un traino importante come quello di Jorge Lorenzo. Fatto sta, che al secondo run con la gomma soft, Andrea ha stampato un 1'46"489 che gli vale anche il nuovo primato del saliscendi toscano.

In questo modo ha beffato di appena 95 millesimi proprio il maiorchino della Yamaha, che ha provato a replicargli con un ulteriore giro lanciato, che però è servito solo ad impedire alle GP15 di piazzare una strepitosa doppietta. Lorenzo comunque, per quello che ha fatto vedere nel corso del weekend sembra ancora essere il favorito numero uno per la gara di domani.

Come detto, c'è molto rosso Ducati in prima fila, perché fino a pochi istanti dalla fine in seconda posizione c'era Andrea Dovizioso, poi declassato al terzo posto dal colpo di reni di Lorenzo. Il forlivese ha chiuso a 121 millesimi di distanza dal compagno di squadra.

Guardando questa griglia di partenza, non si può non evidenziare il momento difficile che stanno vivendo in HRC: domani la migliore delle Honda in griglia sarà quella con i colori LCR di Cal Crutchlow, che prenderà il via dalla quarta casella, mentre l'ufficiale di Dani Pedrosa è solamente settima e quella di Marc Marquez non ha avuto neppure accesso alla Q2 per un errore strategico in Q1.

Il campione del mondo in carica si era già fermato ai box, convinto che il tempo che aveva realizzato gli bastasse per passare il turno, ma a tempo scaduto è arrivata la beffa di Yonny Hernandez: dunque, domani scatterà addirittura dalla 13esima posizione.

Detto del settimo tempo di Pedrosa, che comunque ha pagato meno di quattro decimi, davanti a lui a completare la seconda fila ci sono due sorprese: Aleix Espargaro e Michele Pirro. Il pilota della Suzuki ci ha abituati ad essere un razzo in qualifica, ma è arrivato qui con una mano dolorante e fresca di operazione, quindi il suo è un mezzo miracolo. Il collaudatore della Ducati invece ha sfruttato alla grande la sua wild card ed anche la scia di "Desmodovi".

Non è stata particolarmente positiva neppure la qualifica di Valentino Rossi: è vero che il "Dottore" ha pagato appena meno di mezzo secondo, ma comunque non gli è bastato per fare meglio dell'ottavo tempo. Per lui quindi sarà necessaria l'ennesima rimonta di questa stagione in gara.

La terza fila si completa con l'altra Suzuki di Maverick Vinales, mentre il quadro dei piloti che hanno avuto accesso alla Q2 comprende anche le due Yamaha Tech 3 di Pol Espargaro e Bradley Smith e la Ducati Pramac di Yonny Hernandez. E bisogna segnalare che tra il primo ed il 12esimo non c'è neanche un secondo.

Detto del 13esimo posto di Marc Marquez, accanto a lui ci saranno le Ducati di Danilo Petrucci e di Hector Barbera, che quindi è il poleman delle "Open". Per quanto riguarda le Aprilia RS-GP, Alvaro Bautista è 20esimo, mentre Marco Melandri chiuderà il gruppo alle spalle della ART-Aprilia di Alex De Angelis.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Andrea Dovizioso , Jorge Lorenzo , Andrea Iannone
Articolo di tipo Ultime notizie