Gresini non si sbilancia ancora sui piloti per il 2015

Gresini non si sbilancia ancora sui piloti per il 2015

Redding (MotoGp) e Bastianini (Moto3) resteranno quasi sicuramente, ma per il resto è tutto in dubbio

La settimana prossima, con il Gp di Germania, il Motomondiale 2014 arriverà al giro di boa. Per Fausto Gresini, uno dei pochi team principal ad avere piloti impegnati in tutte le classi, è arrivato quindi il momento di iniziare a tracciare un bilancio della stagione e di pensare alla prossima. Ecco i suoi pensieri in un'intervista che ha concesso a MotoGp.com, che vi riproponiamo integralmente:

Che bilancio puoi darci della stagione dei tuoi due piloti in MotoGP?
"Il rendimento di Bautista è stato altalenante: a gare molto belle si sono aggiunte anche gare piú opache. In alcune occasioni non siamo stati neanche fortunati. Alvaro poteva salire sul podio giá alla prima gara in Qatar, ma è scivolato proprio all’ultimo giro. Lui ha una moto Factory, ma con determinate scelte tecniche che ci portano ad avere vantaggi e svantaggi. Per quanto riguarda Scott Redding, ha fatto una prima gara fantastica e poi un Campionato fino a questo momento in linea con quelle che erano le aspettative per un debuttante, con dei risultati piú limitati in virtú delle prestazioni della sua moto: la Production Racer è una buona moto, ma non altrettanto competitiva da impensierire le Factory".

A tal proposito, cosa pensi della RCV1000R? È quella che ti aspettavi? E cosa invece ti aspetti dal prossimo anno?
"È una moto molto bella, una Factory, ma con un motore meno potente e con le sue differenze che nel complesso la rendono meno performante delle sorelle maggiori. Spero che l’anno prossimo la Honda reagisca come ha dichiarato e sono sicuro che sará certamente piú competititva e che dal Giappone arriverá qualcosa di eccezionale, come hanno sempre fatto del resto".

Di recente Shuhei Nakamoto ha parlato di motore a valvole pneumatiche: Redding lo proverá prima della fine della stagione 2014?
"Si, anche a noi ha annunciato l’impiego del propulsore, come per le Factory; per noi costituirá un grosso vantaggio in termini di prestazioni. Difficile dire adesso se riusciremo prima della fine stagione, peró noi ci auguriamo che questa possibilitá si verifichi quanto prima".

E cosa ci dici dei ragazzi della Moto3?
"Niccoló Antonelli ha sofferto un sacco di cadute, concretizzando veramente poco. A parte il buon risultato dell’ultima gara di Assen, la sua stagione al momento è al di sotto delle aspettative. Noi comunque stiamo provando a stargli vicino e a dargli una mano a ritrovare fiducia. Sorprendente invece la stagione di Bastianini: da rookie doveva avere il tempo di crescere, e invece ha conquistato un secondo posto fantastico, una gran gara al Mugello e stava facendo bene anche la settimana scorsa in Olanda. Sta dimostrando di esser super-competitivo: per me questo è un aspetto molto importante".

Chi saranno i tuoi piloti, in MotoGP e in Moto3, per il 2015?
"Abbiamo iniziato a parlarne, ma è ancora troppo presto. Aspettiamo ancora altri risultati, quindi valuteremo le opportunitá che ci saranno per il prossimo anno. Con Redding ad esempio abbiamo un contratto di 2 anni e quasi sicuramente resterá con noi; lui vorrebbe la moto Factory, ma non siamo ancora in grado di sciogliere le riserve su questo tema. Con Bastianini vogliamo sicuramente continuare, valuteremo cosa fare per il secondo pilota".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Alvaro Bautista , Scott Redding , Enea Bastianini , Niccolò Antonelli
Articolo di tipo Ultime notizie