MotoGP
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
14 mag
-
17 mag
Evento concluso
28 mag
-
31 mag
Evento in corso . . .
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
6 giorni
18 giu
-
21 giu
Canceled
25 giu
-
28 giu
Canceled
09 lug
-
12 lug
Canceled
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
69 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
76 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
90 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
104 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
119 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
126 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
139 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
147 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
153 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
168 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
175 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
182 giorni

MotoGP: Ducati e KTM scuotono il mercato piloti

condividi
commenti
MotoGP: Ducati e KTM scuotono il mercato piloti
Di:
11 mag 2020, 08:49

Con i team ufficiali di Yamaha e Suzuki che hanno completato le loro formazioni fino al 2024 e la Honda che ha esteso fino al 2024 il contratto di Marc Marquez, Ducati e KTM non aspetteranno l'inizio del campionato per fare le loro mosse.

Quando la stagione della MotoGP è stata costretta ad una battuta d'arresto dalla pandemia del COVID-19, il mercato piloti è stato messo in secondo piano, con tre squadre ufficiali che avevano già fatto i loro "compiti" ed altre tre che invece hanno preferito aspettare.

La Yamaha è stata la prima a chiudere la sua formazione con la firma di Fabio Quartararo ed il rinnovo di Maverick Vinales, entrambi fino alla fine del 2022. La Suzuki ha fatto la stessa cosa, rinnovando Alex Rins e Joan Mir, anche se la loro conferma è arrivata qualche tempo dopo. La Honda, nel frattempo, si era già assicurata la continuità con il campione in carica Marc Marquez e lo ho fatto addirittura fino alla fine del 2024.

I piloti più desiderabili della griglia, dunque, hanno scelto il loro futuro e il campionato si è fermato senza che Ducati, KTM ed Aprilia avessero fatto le loro mosse.

"Per quanto ci riguarda, il mercato è assolutamente fermo" aveva dichiarato lo scorso 15 marzo Gigi Dall'Igna, Direttore Generale di Ducati Corse. Una posizione che inevitabilmente è cambiata due mesi più tardi.

"Cominceremo presto a fare qualche ragionamento. Aspettare l'inizio del campionato potrebbe essere troppo tardi" ha detto in un'intervista al Corriere dello Sport della scorsa settimana.

Leggi anche:

Dovizioso e Ducati mantengono le distanze

In linea con il pensiero di Dall'Igna sembra esserci anche quello del manager di Andrea Dovizioso, che è alla sua ottava stagione con la Ducati. Questa settimana, infatti, ha confermato che il forlivese è ancora senza un contratto e che il suo rapporto con l'ingegnere italiano non ha vissuto il suo momento migliore nel 2019.

Vista la situazione del mercato, Simone Battistella ha ammesso che bisogna "cominciare a parlare". "Nel migliore dei casi, il Mondiale non inizierà prima della fine di luglio e poi sarà troppo tardi" ha detto, lasciando intendere che la situazione contrattuale del suo assistito si potrebbe sbloccare nel mese di giugno.

La posizione tra Ducati e Dovizioso sul piano economico, in questo momento, è lontana. Mentre il pilota chiede un contratto importante, dopo essere stato per tre volte consecutive vice-campione del mondo, il costruttore italiano ritiene che la "nuova normalità" imposta nell'era post Coronavirus, debba far ridurre le richieste dei piloti.

"Quello che sta succedendo cambierà il nostro modo di vivere, di pensare o di fare le cose. Ci sarà un forte effetto sull'economia mondiale con evidenti ripercussioni sullo sport, e la MotoGP non potrà esserne esente" aveva detto Paolo Ciabatti, direttore sportivo della Ducati, già nel mese di marzo.

"Il denaro può essere un problema se la Ducati non riconosce il valore di Dovizioso" è stata invece la risposta del manager del forlivese alla posizione che stanno assumendo a Borgo Panigale.

Gigi Dall'Igna, Ducati Team General Manager

Gigi Dall'Igna, Ducati Team General Manager

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Entra in scena la KTM

Con Ducati e Dovizioso che per il momento mantengono le distanze ed ammettono che il rapporto tra il boss ed il pilota ha avuto momenti migliori, negli ultimi giorni si sono intensificate le voci sul futuro del numero 04.

La stampa italiana nei giorni scorsi lo ha accostato alla KTM, Casa austriaca che ha come pilota di punta Pol Espargaro, che quest'anno sarà affiancato dal debuttante Brad Binder.

A lanciare l'indiscrezione è stata Sky, detentrice dei diritti tv della MotoGP in Italia, che ha assicurato che Dovizioso avrebbe sul tavolo un'importante offerta della KTM, sostenuta dallo sponsor comune con il pilota, Red Bull.

La strategia sembra essere quella di creare il dubbio in Ducati ed accelerare la trattativa per il rinnovo, ma la KTM non è voluta entrare in gioco e il CEO ha parlato della possibilità di confermare in blocco la formazione attuale.

"Vorremmo approfittare del periodo che precede l'inizio della stagione, a luglio, per prolungare i contratti dei nostri quattro attuali piloti in MotoGP" ha detto sabato Stefan Pierer, riferendosi ai due ufficiali Espargaro e Binder, ma anche ai due portacolori del Team Tech 3, Miguelo Oliveira e Iker Lecuona.

Nelle condizioni attualie, con le gare ferme fino a luglio come data più ottimistica per la ripartenza, Pierer sembra vedere il 2020 come un anno di transizione.

"La nostra intenzione è quella di iniziare la stagione 2021, il primo anno normale dopo questa crisi, con i piloti attuali, mantenendo le squadre come sono ora".

Pol Espargaro è sul mercato

Ma perché KTM possa mantenere la sua attuale formazione, deve rinnovare Pol Espargaro. Il più giovane dei fratelli spagnoli è alla sua settima stagione in MotoGP quest'anno, la quarta con la Casa austriaca.

"La prima volta che sono salito sulla KTM, quando sono sceso dalla moto ho detto ai meccanici: Pol sta andando molto forte" ha detto Dani Pedrosa, tre volte campione del mondo (1 in 125cc e 2 in 250cc) e test rider della Casa di Mattighofen, riconoscendo il valore di Espargaro.

La KTM sta piano piano colmando il gap nei confronti dei top team e Pol, che compirà 29 anni a giugno, vuole che il suo ruolo in questo sviluppo gli sia riconosciuto anche dal punto di vista contrattuale.

Qualche commento di Alberto Puig, team manager della Repsol Honda, che ha lodato le qualità dello spagnolo ("Penso che andrebbe molto veloce su una Honda") ha alimentato delle voci, soprattutto considerando che sulla carta la HRC ha un posto libero per il 2021, visto che il contratto di Alex Marquez è di una sola stagione.

Il pilota di Granollers è stato veloce a recepire il messaggio di Puig, perché ha valutato che non sono rimaste troppe moto competitive sulla griglia di partenza.

"La Honda potrebbe essere una buona opzione per me. E' una moto aggressiva e potrebbe andare bene per il mio stile. Ma mi trovo bene alla KTM ed è la mia prima scelta. Mi sento a mio agio e vedo il mio futuro con loro. Presto cominceremo a parlare e vedremo come andrà a finire" ha detto "Polyccio".

Nonostante questa posizione, il manager di Pol sta facendo il suo lavoro e, approfittando del "fumo" sollevato dal flirt con la Honda, ha stabilito dei contatti preliminari con la Ducati, provando ad indicare il suo assistito come sostituto ideale se non dovesse andare in porto il rinnovo con Dovizioso.

Potrebbe esserci uno scambio di piloti tra la Casa di Borgo Panigale e quella di Mattighofen? E' difficile, molto difficile. La situazione attuale inviterebbe le squadre a rimanere caute e a fare scommesse conservative, mantenendo i piloti attuali anche nel 2021.

In ogni caso, la notizia è che il mercato piloti, nonostante la pandemia, si è aperto ed i telefoni stanno iniziando a squillare.

Il punto del mercato della MotoGP

Team

Pilota

Età

Contratto

Repsol Honda

Honda RC213V

Spain Marc Márquez 

Spain Alex Márquez

27 anni

24 anni

Fino al 2024

Fino al 2020

Ducati 

Ducati Desmosedici GP19

Italy Andrea Dovizioso

Italy Danilo Petrucci

34 anni

29 anni

Fino al 2020

Fino al 2020

Yamaha 

Yamaha YZR-M1

Spain Maverick Viñales

Italy Valentino Rossi

25 anni

41 anni

Fino al 2022

Fino al 2020

Suzuki 

Suzuki GSX-RR

Spain Alex Rins

Spain Joan Mir

25 anni

22 anni

Fino al 2022

Fino al 2022

KTM 

KTM RC16

Spain Pol Espargaró

South Africa Brad Binder

28 anni

24 anni

Fino al 2020

Fino al 2020

Aprilia

Aprilia RS-GP

Spain Aleix Espargaró

Italy Andrea Iannone

30 anni

30 anni

Fino al 2020

Fino al 2020

Pramac Ducati

Ducati Desmosedici

Australia Jack Miller

Italy Pecco Bagnaia

25 anni

23 anni

Fino al 2020

Fino al 2020

Tech3 KTM 

KTM RC16

Portugal Miguel Oliveira

Spain Iker Lecuona

25 anni

20 anni

Fino al 2020

Fino al 2020

Petronas Yamaha 

Yamaha YZR-M1

France Fabio Quartararo

Italy Franco Morbidelli

21 anni

25 anni

Fino al 2022*

Fino al 2020

Avintia Ducati

Ducati Desmosedici

Spain Tito Rabat

France Johann Zarco

30 anni

29 anni

Fino al 2021

Fino al 2020

LCR Honda

Honda RC213V

United Kingdom Cal Crutchlow

Japan Takaaki Nakagami

34 anni

28 anni

Fino al 2020

Fino al 2020

* Quartararo ha un contratto con la Yamaha Petronas fino alla fine del 2020 e poi il Factory Team Yamaha per il 2021 e 2022.

Foto: il primo giorno di "scuola" della MotoGP 2020

Scorrimento
Lista

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
1/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
2/58

Foto di: Lewis Duncan

Fabio Quartararo, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
3/58

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
4/58

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
5/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
6/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3

Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3
7/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
8/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
9/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
10/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
11/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda
12/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
13/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
14/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto de Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing

La moto de Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
15/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Davide Brivio, director de Suzuki MotoGP

Davide Brivio, director de Suzuki MotoGP
16/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT con el equipo

Fabio Quartararo, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT con el equipo
17/58

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT con el equipo

Fabio Quartararo, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT con el equipo
18/58

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
19/58

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
20/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
21/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
22/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
23/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda
24/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
25/58

Foto di: Lewis Duncan

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
26/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
27/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo Yamaha, Valentino Rossi, Yamaha

Jorge Lorenzo Yamaha, Valentino Rossi, Yamaha
28/58

Foto di: MotoGP

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
29/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
30/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
31/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto de Andrea Dovizioso, Ducati Team

La moto de Andrea Dovizioso, Ducati Team
32/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto de Andrea Dovizioso, Ducati Team

La moto de Andrea Dovizioso, Ducati Team
33/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto de Andrea Dovizioso, Ducati Team

La moto de Andrea Dovizioso, Ducati Team
34/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto de Andrea Dovizioso, Ducati Team

La moto de Andrea Dovizioso, Ducati Team
35/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto de Andrea Dovizioso, Ducati Team

La moto de Andrea Dovizioso, Ducati Team
36/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto de Andrea Dovizioso, Ducati Team

La moto de Andrea Dovizioso, Ducati Team
37/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto de Andrea Dovizioso, Ducati Team

La moto de Andrea Dovizioso, Ducati Team
38/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto de Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

La moto de Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
39/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto de Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

La moto de Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
40/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Razlan Razali, Petronas Yamaha SRT

Razlan Razali, Petronas Yamaha SRT
41/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
42/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
43/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
44/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Gradas de Sepang

Gradas de Sepang
45/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
46/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chicas Monster

Chicas Monster
47/58

Foto di: Yamaha MotoGP

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
48/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto de Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

La moto de Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
49/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto de Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

La moto de Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
50/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Julian Simon, Yamaha Factory Racing

Julian Simon, Yamaha Factory Racing
51/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
52/58

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
53/58

Foto di: Yamaha MotoGP

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
54/58

Foto di: Yamaha MotoGP

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
55/58

Foto di: Yamaha MotoGP

Rueda de prensa de Yamaha

Rueda de prensa de Yamaha
56/58

Foto di: Yamaha MotoGP

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
57/58

Foto di: Yamaha MotoGP

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
58/58

Foto di: Yamaha MotoGP

Articolo successivo
MotoGP, Joan Mir non si sente più il numero due in Suzuki

Articolo precedente

MotoGP, Joan Mir non si sente più il numero due in Suzuki

Articolo successivo

Jorge Lorenzo torna sul 2015: "Titolo meritato. Marquez e Rossi mai più come prima"

Jorge Lorenzo torna sul 2015: "Titolo meritato. Marquez e Rossi mai più come prima"
Carica i commenti