MotoGP, Barcellona, Libere 1: Quartararo davanti a Dovizioso

condividi
commenti
MotoGP, Barcellona, Libere 1: Quartararo davanti a Dovizioso
Di:

Il pilota della Yamaha Petronas è velocissimo, ma per una volta parte forte anche il ducatista. Mir cade, ma è terzo davanti a Vinales. Rossi è ottavo.

Fino ad oggi ci siamo lamentati tantissimo degli alti e bassi dei big della MotoGP in questa stagione 2020, ma dalla prima sessione di prove libere del Gran Premio di Catalogna è arrivata una risposta molto importante, perché nelle prime quattro posizioni si sono andati ad infilare i primi quattro della classifica iridata.

Il più veloce è stato Fabio Quartararo, che nel finale ha montato una gomma media nuova al posteriore della sua Yamaha Petronas ed è subito sceso fino ad un tempo di 1'40"431, prestazione molto interessante sul tracciato di Barcellona, visto che è già a quattro decimi dal record in gara.

Il passo avanti più deciso però sembra essere stato quello di Andrea Dovizioso, perché il ducatista è partito subito con il piede giusto: è vero che paga 430 millesimi nei confronti di Quartararo, pur avendo montato una gomma soft nuova, ma la seconda posizione è un messaggio importante alla concorrenza.

Nonostante una scivolata alla curva 5 verso la metà del turno, Joan Mir è riuscito a piazzare la sua Suzuki in terza posizione con un ritardo di 629 millesimi con una gomma media nuova al posteriore. Dietro di lui, appena 45 millesimi più indietro, c'è il vincitore di Misano Maverick Vinales: lo spagnolo della Yamaha è lontano da Quartararo, ma ha dato la sensazione di essere già attrezzato di un ottimo passo.

Molto interessante la prestazione di Aleix Espargaro, che sulla pista di casa (è di Granollers, a pochi chilometri dal circuito) è riuscito a portare la sua Aprilia in quinta posizione, sfruttando bene la gomma soft dopo essere andato anche lui dritto nella ghiaia alla curva 5, ma senza scivolare.

In generale le Yamaha sono parse a loro agio, perché le M1 sono tutte nelle prime otto posizioni, con Franco Morbidelli sesto e Valentino Rossi ottavo. Il "Dottore" si ritrova distanziato di oltre un secondo, ma per il momento non ha montato una gomma nuova per fare il time attack. Tra i due italiani c'è invece la Suzuki di Alex Rins, che sembra aver ritrovato un buon ritmo rispetto al weekend difficilissimo di Misano.

Nono tempo per uno stoico Cal Crutchlow, migliore dei piloti Honda nonostante mercoledì si sia lesionati i legamenti della caviglia sinistra. L'ematoma gli è stato drenato in Clinica Mobile e il britannico del Team LCR per il momento non sembra risentire troppo dell'infortunio.

Il quadro dei dieci che al momento avrebbero accesso diretto alla Q2 si completa con la prima delle KTM, che è stata quella di Miguel Oliveira, con il portoghese che però paga oltre 1"1. Poco più indietro c'è Iker Lecuona, che però è incappato nell'altra scivolata di questa FP1, cadendo alla curva 12.

Iniziato in salita invece il weekend di Pecco Bagnaia e di Danilo Petrucci, che sono rispettivamente in 15esima ed in 19esima posizione. Per il portacolori del Pramac Racing non è una novità, visto che al venerdì ormai ci ha abituati a lavorare soprattutto in ottica gara. "Petrux" invece sembra ancora un po' perso nei suoi problemi.

Ma non è andata tanto meglio neppure per Jack Miller, 18esimo e con il tear-off di Quartararo che gli è costato il ritiro a Misano a fargli da "amuleto" nel box. Male anche le altre due KTM di Pol Espargaro e Brad Binder, che non sono andate oltre al 16esimo ed al 21esimo tempo. Nelle retrovie poi c'è pure Alex Marquez, 20esimo dopo il buon settimo posto di domenica scorso a Misano.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 France Fabio Quartararo
Yamaha 20 1'40.431 169.441
2 Italy Andrea Dovizioso
Ducati 19 1'40.861 0.430 0.430 168.719
3 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 20 1'41.060 0.629 0.199 168.387
4 Spain Maverick Ruiz Viñales
Yamaha 22 1'41.105 0.674 0.045 168.312
5 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 19 1'41.195 0.764 0.090 168.162
6 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 20 1'41.219 0.788 0.024 168.122
7 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 20 1'41.316 0.885 0.097 167.961
8 Italy Valentino Rossi
Yamaha 20 1'41.536 1.105 0.220 167.597
9 United Kingdom Cal Crutchlow
Honda 19 1'41.549 1.118 0.013 167.576
10 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 19 1'41.592 1.161 0.043 167.505
11 Japan Takaaki Nakagami
Honda 20 1'41.609 1.178 0.017 167.477
12 France Johann Zarco
Ducati 21 1'41.625 1.194 0.016 167.450
13 Spain Iker Lecuona
KTM 16 1'41.640 1.209 0.015 167.426
14 United Kingdom Bradley Smith
Aprilia 21 1'41.643 1.212 0.003 167.421
15 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 16 1'41.790 1.359 0.147 167.179
16 Spain Pol Espargaró Villà
KTM 18 1'41.833 1.402 0.043 167.108
17 Germany Stefan Bradl
Honda 19 1'41.969 1.538 0.136 166.886
18 Australia Jack Peter Miller
Ducati 17 1'42.026 1.595 0.057 166.792
19 Italy Danilo Carlo Petrucci
Ducati 20 1'42.059 1.628 0.033 166.738
20 Spain Alex Marquez
Honda 22 1'42.061 1.630 0.002 166.735
21 South Africa Brad Binder
KTM 20 1'42.335 1.904 0.274 166.289
22 Spain Esteve "Tito" Rabat Bergada
Ducati 18 1'42.992 2.561 0.657 165.228
Dovizioso: “Sembra che la stagione stia iniziando adesso”

Articolo precedente

Dovizioso: “Sembra che la stagione stia iniziando adesso”

Articolo successivo

Ducati ritarda l'annuncio dei piloti alla settimana prossima

Ducati ritarda l'annuncio dei piloti alla settimana prossima
Carica i commenti