MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
23 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
29 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Postponed
G
GP delle Americhe
15 apr
Postponed
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
43 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
56 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
70 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
84 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
91 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
105 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
112 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
126 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
161 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
175 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
189 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
196 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
210 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
231 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
238 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
252 giorni

MotoGP: Bagnaia sogna e spreca, Misano è di Vinales

Il pilota del team Pramac è stato il grande protagonista della seconda gara di Misano, ma una scivolata al 21° giro gli è costata il primo successo in carriera ed ha consentito a Vinales di conquistare la vittoria.

MotoGP: Bagnaia sogna e spreca, Misano è di Vinales

Il tracciato di Misano rimarrà per lungo impresso nella memoria di Pecco Bagnaia. Solo 7 giorni fa il pilota del team Pramac era stato protagonista di una gara superba conclusa con il primo podio in carriera al ritorno dopo l’intervento.

Oggi, dopo una gara condotta magistralmente in testa dal sesto giro, sembrava che Bagnaia potesse coronare il sogno di conquistare la prima vittoria in MotoGP ma i sogni di gloria sono svaniti bruscamente al ventunesimo giro quando l’anteriore della Ducati si è chiuso improvvisamente nell’affrontare curva 6 scaraventando nella ghiaia Francesco.

Una delusione enorme che non cancella quanto di buono fatto oggi da Bagnaia. Pecco, infatti, è stato un vero e proprio martello riuscendo a girare con una costanza incredibile sul 32 e mezzo e gestendo con la maturità propria di un veterano la pressione di Vinales mai domo.

Maverick ha raccolto il regalo di Bagnaia per conquistare la vittoria numero 8 in carriera al termine di una gara che ha cancellato la delusione della scorsa settimana.

Vinales, dopo le critiche lanciate ieri, è stato l’unico tra i piloti di testa a scegliere la media sia all’anteriore che al posteriore, ma sin dai primi giri ha subito fatto capire di non poter tenere il ritmo di Pecco.

Lo spagnolo, partito dalla pole, sembrava ormai rassegnato al secondo gradino del podio, ma l’errore di Bagnaia gli ha spalancato le porte del successo e lo ha rilanciato in maniera inattesa nella lotta per il titolo.

Le battute finali hanno visto Espargaro, Mir e Quartararo protagonisti di una lotta serrata per il secondo gradino del podio.

Ad avere la meglio è stato il pilota della Suzuki bravissimo nel recuperare terreno quando Fabio non è riuscito a trovare il varco necessario per superare la KTM. Mir, una volta sbarazzatosi del francese con un sorpasso clamoroso, ha subito messo nel mirino Espargaro per poi sopravanzarlo senza esitazioni alla prima staccata in occasione del penultimo giro.

Quartararo avrebbe potuto concludere la gara sul terzo gradino del podio, ma al penultimo passaggio ha ricevuto l’avviso di long lap penalty da parte della direzione gara per aver oltrepassato ripetutamente i limiti del tracciato.

Fabio, però, non ha scontato la penalità in pista ed è così stato punito con 3 secondi di tempo aggiuntivi che l’hanno fatto retrocedere al quarto posto.

Meno intensa è stata la gara vissuta da Miguel Oliveira. Il portoghese della KTM è giunto in quinta piazza ed è stato agevolato in questo risultato dalla scivolata nelle battute finali del suo compagno di team Lecuona, mentre alle sue spalle ha compiuto una bella progressione Takaaki Nakagami.

Anche in questa occasione il pilota giapponese è stato il miglior portacolori della Honda al traguardo e, dopo aver avuto la meglio al giro 17 di uno spento Dovizioso, è riuscito anche a precedere un Alex Marquez apparso rinato dopo una prima parte di stagione decisamente in ombra.

Per Dovizioso l’unica soddisfazione odierna è quella di andare via da Misano ancora in vetta al campionato.

L’Unemployed, così come recita la scritta sulla sua tuta, anche in gara ha confermato tutte le difficoltà di adattamento allo stile di guida richiesto dalle Michelin ed oggi, grazie alla caduta di Bagnaia ed ai problemi di motore accusati da Miller, è stato il miglior pilota Ducati al traguardo.

E’ stata una seconda gara di Misano amara anche per Franco Morbidelli. Il pilota del team Petronas, splendido protagonista 7 giorni fa con la prima vittoria in carriera, ha visto le sue possibilità subito castrate a causa di un lungo provocato da una caduta di Aleix Espargaro.

Franco è retrocesso in fondo al gruppo ma non ha mai mollato per poi riuscire ad effettuare una rimonta di carattere che l’ha visto chiudere in nona posizione davanti a Danilo Petrucci.

Domenica da dimenticare, infine, per Valentino Rossi. Il “Dottore”, infatti, è scivolato al secondo giro in curva 4 quando gli si è improvvisamente chiuso l’anteriore e pochi giri dopo ha deciso di riportare la propria Yamaha ai box mettendo fine in anticipo alla sua gara.

Al termine del secondo appuntamento di Misano la lotta per il titolo si fa ancora più serrata. Dovizioso grazie all’ottavo posto è ancora in testa con 84 punti, mentre Quartararo e Vinales seguono appaiati in seconda posizione a quota 83 davanti a Mir salito in quarta piazza con 80 punti.

Cla Pilota moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari Punti
1 Spain Maverick Ruiz Viñales
27 41'55.846 163.2 25
2 Spain Joan Mir Mayrata
27 41'58.271 2.425 2.425 163.1 20
3 Spain Pol Espargaró Villà
27 42'00.374 4.528 2.103 162.9 16
4 France Fabio Quartararo
27 42'02.265 6.419 1.891 163.0 13
5 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
27 42'03.214 7.368 0.949 162.7 11
6 Japan Takaaki Nakagami
27 42'06.985 11.139 3.771 162.5 10
7 Spain Alex Marquez
27 42'07.775 11.929 0.790 162.5 9
8 Italy Andrea Dovizioso
27 42'08.959 13.113 1.184 162.4 8
9 Italy Franco Morbidelli
27 42'11.726 15.880 2.767 162.2 7
10 Italy Danilo Carlo Petrucci
27 42'13.528 17.682 1.802 162.1 6
11 France Johann Zarco
27 42'18.990 23.144 5.462 161.7 5
12 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
27 42'20.808 24.962 1.818 161.6 4
13 United Kingdom Bradley Smith
27 42'25.854 30.008 5.046 161.3 3
Spain Iker Lecuona
24 37'23.876 3 Laps 3 Laps 162.7
Italy Francesco Bagnaia
20 30'59.269 7 Laps 4 Laps 163.6
Italy Valentino Rossi
15 23'49.520 12 Laps 5 Laps 159.6
Spain Esteve "Tito" Rabat Bergada
12 18'57.103 15 Laps 3 Laps 160.5
Australia Jack Peter Miller
7 11'01.931 20 Laps 5 Laps 160.8
South Africa Brad Binder
3 5'10.156 24 Laps 4 Laps 147.1
Spain Aleix Espargaró Villà
0
condividi
commenti
LIVE MotoGP, GP d'Emilia Romagna: la gara di Misano

Articolo precedente

LIVE MotoGP, GP d'Emilia Romagna: la gara di Misano

Articolo successivo

MotoGP, Classifica Piloti: Dovi rimane in testa per 1 punto!

MotoGP, Classifica Piloti: Dovi rimane in testa per 1 punto!
Carica i commenti