MotoGP: Bagnaia inarrestabile, terza pole di fila ad Austin!

Il pilota della Ducati sembrava in difficoltà, ma poi ha sfoderato un giro clamoroso nel momento più importante, precedendo Quartararo e Marquez e diventando il primo a battere Marc in qualifica ad Austin. Terza fila per un grande Marini, mentre gli altri italiani sono eliminati in Q1, con Rossi e Petrucci in coda al gruppo.

MotoGP: Bagnaia inarrestabile, terza pole di fila ad Austin!

Sembrava in difficoltà, invece Pecco Bagnaia ha tirato fuori dal cilindro una prestazione clamorosa nelle qualifiche del Gran Premio delle Americhe di MotoGP, firmando la sua terza pole position consecutiva dopo quelle di Aragon e Misano, la quarta in questa stagione.

Il pilota della Ducati ieri era stato uno dei più critici sulle condizioni dell'asfalto di Austin e sembrava faticare davvero tanto sulle buche e i dossi del tracciato texano. Dopo aver studiato le linee di Jack Miller in FP4, però, quando è arrivato il momento di cominciare a fare sul serio, il piemontese ha fatto un giro davvero straordinario, scendendo fino a 2'02"781 e risultando l'unico capace di infrangere il muro del 2'03".

Ma soprattutto, è stato il primo nella storia a privare Marc Marquez della pole position su questo tracciato, dove il pilota della Honda aveva una striscia di ben sette partenze al palo consecutive. Questa volta l'otto volte campione del mondo si dovrà accontentare di prendere il via dalla terza casella (prima volta in prima fila in questa stagione), con un gap di 428 millesimi, completando una prima fila che potremmo definire delle grandi occasioni.

Tra l'italiano e lo spagnolo si è infilato infatti il leader iridato Fabio Quartararo, che ha chiuso staccato di 348 millesimi dal suo inseguitore nella corsa al titolo con la sua Yamaha. E questi due ancora una volta si sono confermati i più in forma dell'intera griglia della MotoGP, perché mettersi dietro Marquez ad Austin è una vera impresa.

Tanta Ducati anche in seconda fila, con Jorge Martin e Johann Zarco che scatteranno rispettivamente dalla quarta e dalla sesta posizione dello schieramento. Tra i due portacolori del Pramac Racing si è infilato poi un Takaaki Nakagami, che ha ribadito di trovarsi particolarmente a suo agio sul tracciato texano con la sua Honda LCR.

Ad aver steccato questa qualifica invece sono stati gli altri due piloti ufficiali di Ducati ed Honda: dopo essere stato velocissimo nelle prove libere, Jack Miller non ha trovato la zampata giusta ed è stato quasi un secondo più lento della FP3, chiudendo decimo. Male anche Pol Espargaro, solo 12esimo dopo essere scivolato anche nella FP4.

In terza fila ci sono le due Suzuki di Alex Rins e Joan Mir, con il campione del mondo che in FP4 ha dovuto fare i conti con la probabile rottura del motore della sua GSX-RR, che ha fatto una grande fiammata proprio mentre si inseriva sul rettilineo opposto. I due piloti della Casa di Hamamatsu però sembrano attrezzati entrambi di un buon passo in ottica gara.

La grande sorpresa di queste qualifiche però è senza ombra di dubbio Luca Marini, nono con la Ducati di Sky VR46 Avinti dopo aver fatto segnare il miglior tempo in Q1. Una bella rivincita dopo le difficoltà che ha attraversato nelle ultime gare mentre invece assistevamo all'esplosione del suo compagno Enea Bastianini. Il quadro dei piloti che hanno avuto accesso alla Q2 si completa poi con l'11esimo tempo di Brad Binder, primo tra i piloti KTM.

Purtroppo sono due piloti italiani i primi ad essere rimasti esclusi al termine della Q1. Per Franco Morbidelli ed Andrea Dovizioso possiamo comunque parlare di un piccolo passo avanti nella direzione giusta rispetto a Misano.

Il pilota ufficiale della Yamaha, ancora alle prese con la convalescenza dall'operazione al ginocchio sinistro, è rimasto fuori per circa tre decimi. Non è stato particolarmente fortunato invece il forlivese della Petronas SRT, perché al T2 era in linea con il miglior tempo, poi ha trovato traffico e quindi alla fine domani si dovrà accontentare di scattare 14esimo.

Ci ha provato anche Enea Bastianini, ma non è riuscito a conquistare la sua terza Q2 consecutiva: il pilota della Ducati Avintia era stato velocissimo nel T1, ma poi ha perso davvero tanto nel T2 e nel T3 e prenderà il via dalla 16esima casella dello schieramento, alle spalle anche della Honda LCR di Alex Marquez.

In sesta fila c'è spazio anche per le due KTM di Iker Lecuona e Miguel Oliveira, con il portoghese che ha rovinato la sua qualifica con una scivolata alla curva 12. Così come le cadute hanno segnato particolarmente la giornata di Aleix Espargaro: il pilota dell'Aprilia si ritrova 19esimo in griglia, ma oggi è caduto per ben tre volte, due molto ravvicinate tra la FP4 e la Q2. E questo chiaramente ha complicato il suo lavoro, lasciandogli a disposizione solamente un paio di giri lanciati.

A chiudere il gruppo poi ci sono due veterani di casa nostra come Valentino Rossi e Danilo Petrucci. Il "Dottore" è caduto nella curva 6 al finale nel tentativo di migliorare con la sua Yamaha Petronas, mentre il ternano della KTM Tech3 oggi è stato praticamente sempre il fanalino di coda. E questo non è certamente il modo migliore per chiudere le loro carriere in MotoGP.

Classifica Q2

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 7 2'02.781 161.643
2 France Fabio Quartararo
Yamaha 7 2'03.129 0.348 0.348 161.187
3 Spain Marc Márquez Alentà
Honda 6 2'03.209 0.428 0.080 161.082
4 Spain Jorge Martin
Ducati 6 2'03.278 0.497 0.069 160.992
5 Japan Takaaki Nakagami
Honda 6 2'03.292 0.511 0.014 160.973
6 France Johann Zarco
Ducati 7 2'03.379 0.598 0.087 160.860
7 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 7 2'03.453 0.672 0.074 160.764
8 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 6 2'03.528 0.747 0.075 160.666
9 Italy Luca Marini
Ducati 3 2'03.546 0.765 0.018 160.642
10 Australia Jack Peter Miller
Ducati 6 2'03.720 0.939 0.174 160.417
11 South Africa Brad Binder
KTM 6 2'03.781 1.000 0.061 160.338
12 Spain Pol Espargaró Villà
Honda 6 2'03.875 1.094 0.094 160.216

Classifica Q1

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Italy Luca Marini
Ducati 7 2'03.410 160.820
2 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 7 2'03.540 0.130 0.130 160.650
3 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 6 2'03.872 0.462 0.332 160.220
4 Italy Andrea Dovizioso
Yamaha 7 2'04.044 0.634 0.172 159.998
5 Spain Alex Marquez
Honda 7 2'04.100 0.690 0.056 159.925
6 Italy Enea Bastianini
Ducati 6 2'04.118 0.708 0.018 159.902
7 Spain Iker Lecuona
KTM 7 2'04.324 0.914 0.206 159.637
8 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 6 2'04.392 0.982 0.068 159.550
9 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 5 2'04.419 1.009 0.027 159.515
10 Italy Valentino Rossi
Yamaha 6 2'04.699 1.289 0.280 159.157
11 Italy Danilo Carlo Petrucci
KTM 7 2'04.829 1.419 0.130 158.991
condividi
commenti
LIVE MotoGP, Gran Premio delle Americhe: Libere 4 e Qualifiche

Articolo precedente

LIVE MotoGP, Gran Premio delle Americhe: Libere 4 e Qualifiche

Articolo successivo

Bagnaia ringrazia il "prof" Miller: "La pole è anche sua"

Bagnaia ringrazia il "prof" Miller: "La pole è anche sua"
Carica i commenti