Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Svizzera
Ultime notizie
MotoGP GP di Catalogna

MotoGP | Bagnaia: "Grip disastroso: servono 6 giri per far funzionare la media"

Con il quarto tempo, il campione del mondo è stato il migliore tra i piloti Ducati, ma si è lamentato molto dello scarso grip offerto dal tracciato catalano, che sembra favorire per ora Aprilia e KTM. Ma in queste condizioni, in ottica gara, lo preoccupa un pochino anche la gestione della gomma posteriore media.

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Ieri aveva predetto che le Aprilia sarebbero state le favorite a Barcellona e Pecco Bagnaia non sembra aver sbagliato il suo pronostico, perché alla conclusione della prima giornata di prove del Gran Premio di Catalogna si è issata davanti a tutti la RS-GP di Aleix Espargaro, che lo scorso anno firmò una clamorosa doppietta alle porte della sua Granollers.

Ancora una volta il circuito catalano ha confermato di essere tra quelli che offrono meno grip e la Ducati di solito tende a soffrire questa situazione. Non a caso, anche se quella del campione del mondo in carica è stata la migliore delle Desmosedici GP, il piemontese si è dovuto accontentare del quarto tempo, alle spalle anche delle due KTM di Brad Binder e di Pedro Acosta.

Tuttavia, Pecco sembra abbastanza soddisfatto del lavoro fatto oggi, anche perché è convinto di aver già capito le contromosse da fare domani per migliorare. Nei confronti delle condizioni della pista però è stato molto chiaro e diretto.

"Questa pista vince il premio del minor grip dell'intero calendario, ma con molto margine. Almeno quattro gare d'anticipo (ride). Di solito, in queste condizioni, Aprilia e KTM sembrano avere sempre un pelino di vantaggio nella prima giornata, ma è un qualcosa che noi di solito poi riusciamo ad andare a colmare. Abbiamo già fatto uno step oggi e credo che ne faremo un altro domani", ha detto Bagnaia a fine giornata, che con la sua prestazione odierna ha confermato che il brutto incidente dell'anno scorso ormai è un lontano ricordo.

"Non sono riuscito a fare un giro super con il time attack, ma è venuto abbastanza bene e siamo già ad un livello veramente alto. La GP24 ci aiuta un po' rispetto alla GP23 in frenata, perché riesci a fermarti forte e ad entrare bene. Poi abbiamo un po' meno grip, ma niente che domani non riusciremo a bilanciare", ha aggiunto.

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Tra le altre cose, questo poco grip crea anche un pizzico di apprensione legato alla gestione della gomma media, che è quella che molto probabilmente dovrà essere utilizzata nella gara lunga di domenica, perché richiede davvero tanto tempo per essere messa nella giusta finestra.

"C'erano 35-40 gradi sull'asfalto, quindi la pista era abbastanza calda, il problema è che l'asfalto è un disastro: il grip non c'è e non riesci a spingere. Per mettere in temperatura la gomma media ci vogliono almeno sei giri. La soft è pronta subito, ma probabilmente non finisce la gara, quindi è molto difficile trovare il giusto compromesso. Però la situazione è uguale per tutti e sappiamo dove andare a lavorare".

Quando gli è stato domandato quali siano gli aspetti più complicati da gestire in queste condizioni, poi ha aggiunto: "Già in ingresso ti parte dietro, stessa cosa appena tocchi il gas. Devi controllare tantissimo il bilanciamento della moto con il peso. E' veramente a tutto tondo la carenza di grip. Alla curva 3 e alla curva 4 sembra di essere al Ranch, sullo sterrato, perché appena tocchi il gas parte e allora devi gestirlo".

Infine, ha chiuso con un confronto con le Aprilia, lasciando intendere che secondo lui sono forti, ma non imbattibili: "L'anno scorso noi eravamo più forti di loro in certi punti e quest'anno in altri, perché la GP24 ha meno grip. Loro riuscivano ad avere più trazione, ma non tantissima, però poi facevano la differenza negli ultimi giri. Noi secondo me abbiamo fatto uno step in frenata ed in ingresso, ma dobbiamo migliorare sulla costanza della gomma, perché per andare forte dobbiamo sfruttarla un po' di più".

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | Barcellona, Prove: Espargaro da record, Marquez ancora in Q1
Articolo successivo MotoGP | Espargaro: "Stamattina mi è stato chiaro che ho preso la decisione giusta"

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Svizzera