MotoGP, Austin, Warm-Up: volano le Honda, indietro Bagnaia

Le RC213V monopolizzano le prime due posizioni con Nakagami davanti a Marc Marquez e chiudono con un margine di quasi mezzo secondo sulla Suzuki di Rins. Quartararo è subito dietro con una coppia di gomme soft sulla sua Yamaha, mentre il poleman Bagnaia non trova il feeling e si ritrova 18esimo. Indietro anche gli altri italiani, con Rossi ultimo.

MotoGP, Austin, Warm-Up: volano le Honda, indietro Bagnaia

La scelta delle gomme è ancora molto aperta per il Gran Premio delle Americhe di MotoGP, quindi il Warm-Up di Austin era una preziosa occasione per un'ultima valutazione. Il turno di 20 minuti di stamani ha confermato che la maggior parte dei piloti sembrano indirizzati verso la gomma dura all'anteriore, mentre al posteriore si sono viste soprattutto delle soft. L'utilizzo di quest'ultima però sembra vincolato soprattutto alla temperatura che ci sarà alle ore 14 locali, quando si spegneranno i semafori.

Le Honda si sono messe in evidenza anche in questo ultimo turno, conquistando le prime due posizioni con scelte di gomma differenti. Il più veloce è stato il giapponese Takaaki Nakagami, che con una coppia di gomme soft ha girato in 2'04"074. Alle sue spalle c'è lo "sceriffo" di Austin, Marc Marquez, che ha quasi copiato il tempo del portacolori LCR con una dura all'anteriore.

In terza posizione troviamo la Suzuki di Alex Rins, che però paga un ritardo di oltre quattro decimi, ma a sua volta ha fatto una scelta diversa da tutti gli altri, montando una dura all'anteriore ed una media al posteriore. Coppia di gomme soft invece per il leader iridato Fabio Quartararo, che con la sua Yamaha è appena qualche millesimi più indietro rispetto alla GSX-RR dello spagnolo.

Il suo rivale nella corsa al titolo Pecco Bagnaia, invece è rimasto molto attardato con la sua Ducati: il poleman non è riuscito a fare meglio del 18esimo tempo, staccato di oltre 1"1, e a fine sessione ha detto di non essere riuscito a trovare il feeling giusto con la moto e quindi ha preferito non rischiare. Nel box della Rossa, tuttavia, non sono parsi troppo preoccupati in ottica gara.

La migliore delle Ducati è stata quindi quella di Jorge Martin, quinto a poco meno di sette decimi con la Desmosedici GP del Pramac Racing. Nella top 10 però ci sono anche quelle di Johann Zarco e Jack Miller, che occupano rispettivamente l'ottava e la decima posizione, con l'australiano che è stato l'unico a girare con una coppia di gomme dure, incappando anche in una scivolata alla curva 1.

Dopo un weekend molto complicato, questa mattina si è finalmente affacciato nelle prime posizioni anche Aleix Espargaro, settimo con l'Aprilia alle spalle della Suzuki di Joan Mir. Suo fratello Pol invece è nono, lontano dalle altre due RC213V che invece hanno dettato il passo, sulle quali ha pagato oltre otto decimi.

Appena fuori dalla top 10 ci sono le due Ducati di Enea Bastianini e Luca Marini, mentre le Yamaha di Andrea Dovizioso e Franco Morbidelli sono in 14esima ed in 16esima posizione, con il forlivese che chiude la schiera dei piloti che hanno pagato meno di un secondo. Purtroppo, restano in coda al gruppo invece Danilo Petrucci e Valentino Rossi, con il "Dottore" mestamente ultimo a 1"8 dalla vetta.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Japan Takaaki Nakagami
Honda 10 2'04.074 159.959
2 Spain Marc Márquez Alentà
Honda 8 2'04.122 0.048 0.048 159.897
3 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 9 2'04.523 0.449 0.401 159.382
4 France Fabio Quartararo
Yamaha 9 2'04.531 0.457 0.008 159.372
5 Spain Jorge Martin
Ducati 8 2'04.768 0.694 0.237 159.069
6 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 9 2'04.803 0.729 0.035 159.025
7 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 10 2'04.826 0.752 0.023 158.995
8 France Johann Zarco
Ducati 10 2'04.857 0.783 0.031 158.956
9 Spain Pol Espargaró Villà
Honda 9 2'04.910 0.836 0.053 158.888
10 Australia Jack Peter Miller
Ducati 9 2'05.021 0.947 0.111 158.747
11 Italy Enea Bastianini
Ducati 8 2'05.049 0.975 0.028 158.712
12 Italy Luca Marini
Ducati 8 2'05.061 0.987 0.012 158.696
13 Spain Iker Lecuona
KTM 10 2'05.061 0.987 0.000 158.696
14 Italy Andrea Dovizioso
Yamaha 10 2'05.064 0.990 0.003 158.693
15 South Africa Brad Binder
KTM 10 2'05.178 1.104 0.114 158.548
16 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 9 2'05.209 1.135 0.031 158.509
17 Spain Alex Marquez
Honda 9 2'05.221 1.147 0.012 158.494
18 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 10 2'05.231 1.157 0.010 158.481
19 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 8 2'05.776 1.702 0.545 157.794
20 Italy Danilo Carlo Petrucci
KTM 9 2'05.964 1.890 0.188 157.559
21 Italy Valentino Rossi
Yamaha 10 2'05.967 1.893 0.003 157.555
condividi
commenti
Dovizioso: "Devo ancora adattarmi alla Yamaha. In gara sarà dura"

Articolo precedente

Dovizioso: "Devo ancora adattarmi alla Yamaha. In gara sarà dura"

Articolo successivo

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

MotoGP: la griglia di partenza di Austin
Carica i commenti