Austin, Q2: Marquez polverizza il record ed è pole!

Austin, Q2: Marquez polverizza il record ed è pole!

Prima fila tutta Honda con Pedrosa e Bradl. In seconda Aleix Espargaro davanti a Lorenzo e Rossi

Non ci sono davvero più aggettivi per descrivere quello che Marc Marquez è capace di fare sul tracciato di Austin, quindi limitiamoci ai dati: la certezza è che il leader del Mondiale ha conquistato la sua 11esima pole position in carriera in MotoGp, la seconda stagionale, e lo ha fatto polverizzando il record del tracciato texano in 2'02"773. Forse visto quello che aveva fatto con la gomma dura, si poteva anche ipotizzare che arrivasse a 2'02"5, ma sicuramente la sua è una performance clamorosa, come certificato dal fatto che la sua RC213V è l'unica moto ad essere scesa sotto al muro del 2'03", anche se rispetto alle libere il suo compagno Dani Pedrosa si è avvicinato molto, chiudendo a soli 289 millesimi di distacco. Le Honda hanno monopolizzato tutta la prima fila dello schieramento, con Stefan Bradl che è stato bravissimo a concludere terzo con la sua RC213V del Team LCR, riducendo anche lui il distacco da "El Cabronsito" a solamente 423 millesimi, ma soprattutto spuntandola proprio sul filo dei millesimi nella lotta con i piloti che lo seguono: basta pensare che dal terzo al sesto sono tutti racchiusi in appena 38. Ad aprire la seconda fila ci sarà la Forward Yamaha "Open" di Aleix Espargaro, che in qualifica è riuscito a sfoderare uno dei suoi giri al limite, mettendo una pezza alle grandi difficoltà che ha vissuto nell'arco di tutto il weeekend. Lo spagnolo ha preceduto le due Yamaha ufficiali di Jorge Lorenzo e Valentino Rossi: sicuramente il quinto ed il sesto posto non li renderanno troppo felici, ma la cosa importante è che il loro distacco dalle Honda si è ridotto davvero molto in qualifica e che hanno realizzato dei tempi che in precedenza non avevano neppure avvicinato. La sensazione comunque è che domani sarà dura per loro. Per trovare la prima delle Ducati bisogna quindi scorrere la classifica fino alla settima posizione, nella quale troviamo Cal Crutchlow, bravo a mettere in fila i compagni nonostante una scivolata senza conseguenze arrivata nel finale della sessione. Il britannico si è messo dietro anche la Yamaha di Bradley Smith, che ha preceduto un Andrea Iannone al quale non è bastato migliorare l'ottimo tempo delle Libere 4 per fare meglio del nono posto. Delude un po' il decimo tempo di Andrea Dovizioso, soprattutto per il gap di oltre 1" dalla pole. Il ducatista comunque non è l'ultimo tra i big visto che dietro di lui ci sono anche l'altro Espargaro ed Alvaro Bautista. Lo spagnolo del Team Gresini non sembra proprio digerire il saliscendi statunitense e dopo il miglior tempo in Q1 è stato ultimo in Q2. Parlando proprio della Q1, merita una citazione Scott Redding, che con la sua Honda RCV1000R è rimasto escluso per appena una manciata di millesimi a favore di Aleix Espargaro. Una performance clamorosa se si pensa che questa è solo la seconda gara in MotoGp del britannico e che ha rifilato mezzo secondo alla moto identica affidata ad un pilota esperto come Nicky Hayden. Tra gli eliminati della Q1 c'è anche l'italiano Danilo Petrucci, che appena arrivato ai box si è lamentato molto delle difficoltà che sta vivendo in sella alla sua ART-Aprilia. Questo non tanto per la moto in sé, che ritiene competitiva, ma per l'impossibilità di provarla al di fuori dei weekend di gara che sta rendendo il suo avvio di stagione un vero e proprio calvario. Domani il portacolori della Iodaracing Project scatterà infatti dalla penultima posizione.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie