Austin, Libere 3: Marquez continua a dettare legge

condividi
commenti
Austin, Libere 3: Marquez continua a dettare legge
Di: Matteo Nugnes
12 apr 2014, 17:44

Tripletta Honda con Bradl e Pedrosa davanti a Dovizioso. In difficoltà le Yamaha, Aleix Espargaro fuori dalla Q2

Marc Marquez continua ad essere il protagonista assoluto del weekend di Motorland Aragon del Mondiale MotoGp ed anche nella terza sessione di prove libere ha messo tutti in riga, migliorando ulteriormente il suo limite e portandolo a 2'03"046. Ma la cosa impressionante è che alla concorrenza non è bastato neppure montare le gomme più morbide (soft per le Ducati e medium per le "Factory"), scelta obbligata per guadagnarsi l'accesso diretto in Q2, per far avvicinare più di tanto la concorrenza al campione del mondo in carica, che invece ha continuato a montare sulla sua Honda R213V una gomma dura. Alle sue spalle comunque ci sono altre due RC213V, con Stefan Bradl che è stato molto bravo ad issarsi fino alla seconda posizione, tenedosi dietro la moto della HRC affidata a Dani Pedrosa. Peccato che anche per il tedesco il distacco da "El Cabronsito" sia di ben 745 millesimi. Si sono mantenuti sotto al secondo di distacco anche Andrea Dovizioso e Bradley Smith, che sono rispettivamente quarto e quinto. Il ducatista ha sfruttato al meglio la gomma più morbida sviluppata per le "Open", mentre il britannico si è tolto la soddisfazione di risultare il migliore tra i piloti Yamaha. I due ufficiali Jorge Lorenzo e Valentino Rossi, infatti, hanno nuovamente faticato tanto e si sono dovuti accontentare rispettivamente del settimo e del decimo posto, con lo spagnolo che si può consolare per essere riuscito per la prima volta in questo weekend a portare la sua M1 davanti a quella del pesarese. Davanti al maiorchino si è inserito anche Andrea Iannone con la Ducati del Team Pramac, mentre tra Jorge e Valentino ci sono anche la GP14 di Cal Crutchlow e l'altra Yamaha di Pol Espargaro. La grande sorpresa quindi è l'eliminazione della Forward Yamaha "Open" di Aleix Espargaro, che dovrà quindi cercare di guadagnarsi l'accesso in Q2 passando per la Q1. Stesso discorso che vale anche per la Honda di Alvaro Bautista. Attenzione poi anche all'incognita meteo, perchè per ora la pioggia ha risparmiato i protagonisti della classe regina, ma le nuvole si fanno davvero minacciose sopra al tracciato texano.
Prossimo articolo MotoGP
Bautista: "Insolito essere fuori dalla top ten"

Articolo precedente

Bautista: "Insolito essere fuori dalla top ten"

Articolo successivo

Suzuki in pista ad Austin martedì e mercoledì

Suzuki in pista ad Austin martedì e mercoledì
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie