MotoGP, Austin, Libere 1: Marquez subito davanti sull'umido

Con la pista che andava asciugando, il pilota della Honda è stato il più veloce, precedendo le due Ducati di Miller e Zarco. Bagnaia è ottavo, mentre le Yamaha faticano tutte con le condizioni miste: Quartararo è solo 15esimo, mentre Rossi e Dovizioso chiudono addirittura il gruppo.

MotoGP, Austin, Libere 1: Marquez subito davanti sull'umido

La MotoGP non scendeva in pista al Circuit of the Americas da oltre due anni. Per non farsi mancare niente, Austin l'ha accolta con l'asfalto bagnato dalla pioggia caduta in mattinata. Con una sessione che però si è conclusa con qualche pallido raggio di sole, che però non è bastato per arrivare al passaggio alle gomme slick.

Che sia bagnato, asciutto o che non sia ancora al 100% fisicamente non sembra fare troppo la differenza per Marc Márquez quando si parla di correre in Texas. Il pilota della Honda è stato infatti il più veloce in questa prima sessione di prove libere, risultando l'unico capace di infrangere il muro del 2'16" con il suo 2'15"872.

Un crono che gli ha permesso di distanziare di 167 millesimi un altro specialista delle condizioni miste come il ducatista Jack Miller. In terza posizione, sembra essersi ripreso molto bene dall'operazione di sindrome compartimentale Johann Zarco, anche se il distacco del pilota del Pramac Racing è di poco inferiore ai sei decimi.

Quarto tempo per la migliore delle KTM, che finalmente si è riaffacciata nelle posizioni che contano con Miguel Oliveira. A seguire poi ci sono due Honda, con Pol Espargaro ed Alex Marquez, che confermano ancora una volta lo storico feeling delle RC213V con il COTA. All'appello manca solo Takaaki Nakagami, 16esimo ma incappato in una caduta alla curva 15 quasi a tempo scaduto, quando stava migliorando.

In settima posizione troviamo la migliore delle Suzuki, che è quella del vincitore dell'ultima edizione del Gran Premio delle Americhe, ovvero Alex Rins. Lo spagnolo però paga oltre un secondo su Marquez. Per trovare il suo compagno Joan Mir bisogna invece scendere fino al 12esimo posto, con il campione del mondo che ha dedicato il suo casco ed il suo numero all'idolo locale Kevin Schwantz, grande leggenda della Casa di Hamamatsu.

Dopo le due vittorie di fila di Aragon e Misano, Pecco Bagnaia ha iniziato il weekend di Austin con l'ottavo tempo, staccato di 1"4 dalla vetta. Poco male però per il pilota della Ducati, perché in queste condizioni come sempre hanno fatto veramente una gran fatica le Yamaha, compresa quella del suo rivale nella corsa al titolo Fabio Quartararo, solo 15esimo pur essendo il riferimento tra le M1.

Più attardate le altre, con Franco Morbidelli 17esimo e i due veterani Valentino Rossi ed Andrea Dovizioso nelle ultime due posizioni, con ritardi pesanti di addirittura oltre 3" e 4" rispettivamente.

Il quadro delle prime dieci posizioni si completa poi con le due KTM di Brad Binder ed Iker Lecuona. E attenzione, perché le previsioni meteo sono molto incerte per i prossimi due giorni, quindi questa FP1 potrebbe anche rivelarsi molto preziosa nell'ottica di entrare direttamente nella Q2.

E' un peccato quindi che Luca Marini si sia ritrovato 11esimo per appena 159 millesimi e che anche Danilo Petrucci sia in 13esima piazza. Per ora ha un po' deluso anche Aleix Espargaro, solo 14esimo ad oltre due secondi con l'unica Aprilia in pista. Il suo compagno Maverick Vinales infatti ha deciso di non correre questo fine settimana dopo la tragica scomparsa del cugino Dean Berta.

In coda al gruppo c'è anche Enea Bastianini, per il quale si prospetta forse un weekend un po' in salita: dopo il grande terzo posto di Misano, è caduto due volte nei test di martedì e mercoledì ed è arrivato in Texas con una spalla un po' dolorante.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Spain Marc Márquez Alentà
Honda 15 2'15.872 146.069
2 Australia Jack Peter Miller
Ducati 15 2'16.039 0.167 0.167 145.890
3 France Johann Zarco
Ducati 16 2'16.471 0.599 0.432 145.428
4 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 15 2'16.655 0.783 0.184 145.232
5 Spain Pol Espargaró Villà
Honda 15 2'16.822 0.950 0.167 145.055
6 Spain Alex Marquez
Honda 16 2'16.964 1.092 0.142 144.905
7 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 15 2'17.027 1.155 0.063 144.838
8 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 16 2'17.328 1.456 0.301 144.521
9 South Africa Brad Binder
KTM 14 2'17.596 1.724 0.268 144.239
10 Spain Iker Lecuona
KTM 16 2'17.596 1.724 0.000 144.239
11 Italy Luca Marini
Ducati 13 2'17.755 1.883 0.159 144.073
12 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 14 2'17.903 2.031 0.148 143.918
13 Italy Danilo Carlo Petrucci
KTM 14 2'18.083 2.211 0.180 143.730
14 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 14 2'18.087 2.215 0.004 143.726
15 France Fabio Quartararo
Yamaha 16 2'18.165 2.293 0.078 143.645
16 Japan Takaaki Nakagami
Honda 15 2'18.292 2.420 0.127 143.513
17 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 14 2'18.530 2.658 0.238 143.267
18 Italy Enea Bastianini
Ducati 14 2'18.648 2.776 0.118 143.145
19 Spain Jorge Martin
Ducati 14 2'18.832 2.960 0.184 142.955
20 Italy Valentino Rossi
Yamaha 14 2'19.668 3.796 0.836 142.099
21 Italy Andrea Dovizioso
Yamaha 12 2'20.556 4.684 0.888 141.202
condividi
commenti
MotoGP benefica: Marini aderisce alla Lega del filo d’oro

Articolo precedente

MotoGP benefica: Marini aderisce alla Lega del filo d’oro

Articolo successivo

MotoGP, Austin, Libere 2: Marquez di un soffio su Miller

MotoGP, Austin, Libere 2: Marquez di un soffio su Miller
Carica i commenti