Bautista: "Insolito essere fuori dalla top ten"

Secondo lo spagnolo del Team Gresini però, tolto Marquez, gli altri big sono tutti alla sua portata

Bautista:
Alvaro Bautista e Scott Redding sono tornati in pista oggi a Austin, in Texas, per il primo giorno di prove libere del Grand Prix of the Americas. Alvaro Bautista è stato protagonista di una giornata complicata, nella quale è stato rallentato da problemi di sottosterzo; lo spagnolo ha provato diverse soluzioni di assetto nel pomeriggio per provare a risolvere il problema, ma con poco successo, chiudendo la giornata con l’11° tempo nella classifica combinata dei due turni di prove. Il suo compagno di squadra, Scott Redding, ha invece vissuto una giornata molto positiva, risalendo dalla 19esima alla 13esima posizione tra il primo e il secondo turno di prove libere, migliorando il proprio tempo di 2”6; l’inglese è risultato il più veloce tra i piloti in sella alla Honda RCV1000R, davanti al pilota di casa Nicky Hayden. Alvaro Bautista: "Essere fuori dalla top ten è una situazione insolita per noi, ma purtroppo abbiamo sofferto molto. Va comunque detto che non siamo molto lontani dagli altri piloti, escludendo Marquez che è un passo avanti a tutti. La moto tende ad allargare la traiettoria a centro curva e di conseguenza risulta difficile farla curvare. Nel turno del pomeriggio abbiamo provato diverse soluzioni di assetto, ma non siamo riusciti ad ottenere un buon miglioramento, perciò ora analizzeremo meglio tutti i dati in vista della giornata di domani, nella quale vogliamo ovviamente provare a migliorare. Nel primo turno la moto numero 1 si è spenta appena sono uscito dai box, alla prima curva, perciò ho dovuto utilizzare la seconda moto, ma abbiamo risolto l’inconveniente in fretta, tanto che nel pomeriggio ho potuto utilizzare entrambe le moto senza problemi". Scott Redding: "Probabilmente questa mattina molte persone si sono chieste cosa mi stesse succedendo; semplicemente, per me era la prima volta su questo circuito in sella a una MotoGP, dato che a differenza del Qatar non abbiamo effettuato dei test. È perciò normale che ci fosse più lavoro da fare all’inizio. Nel primo turno me la sono presa con calma, un approccio che si è rivelato giusto perché appena sono tornato in pista nel pomeriggio mi sono sentito subito a mio agio. La cosa più difficile da imparare per me in questo momento su questo tracciato sono i punti di frenata: dovrò cercare di essere più costante, perché a volte freno troppo presto, altre volte arrivo lungo. In ogni caso, fa piacere essere la più veloce delle Honda RCV1000R, sono contento!".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Alvaro Bautista , Scott Redding
Articolo di tipo Ultime notizie