Argentina, Libere 4: Marquez detta ancora legge

Argentina, Libere 4: Marquez detta ancora legge

Marc scende sempre sotto all'1'40" con grande facilità e precede Pedrosa. Rossi risale al quarto posto

La quarta sessione di prove libere è sempre quella in cui i piloti fanno le loro simulazioni sul passo gara e se le indicazioni arrivate sono veritiere, verrebbe da dire che anche a Termas de Rio Hondo ci sarà davvero poco da fare contro Marc Marquez. Il pilota della Honda è arrivato vicinissimo ad infrangere la barriera dell'1'39", ma soprattutto è impressionante la facilità con cui spinge costantemente la sua RC213V sotto all'1'40". Cosa tutt'altro che banale, visto che sono solamente altri tre gli avversari che sono riusciti in questa impresa oltre a lui. Questo gruppetto ristretto è formato dalla Honda gemella di Dani Pedrosa, che ha incassato quasi quattro decimi di ritardo, dalla Forward Yamaha "Open" di Aleix Espargaro, ma anche dalla Yamaha di Valentino Rossi, che nel finale è riuscito a ridurre a meno di un secondo il suo gap da "El Cabronsito". Chiude la top five, ma sopra l'1'40", la Honda di Alvaro Bautista. Sesta la prima delle Ducati, che è quella di Andrea Iannone, mentre Andrea Dovizioso si è lamentato molto di un posteriore troppo ballerino ed ha chiuso nono. Tra di loro ci sono anche la Honda di Stefan Bradl e la Yamaha di Jorge Lorenzo, che continua a faticare a trovare un ritmo in grado di permettergli di battagliare per il podio. Ancora ai margini della top ten le due Yamaha del team Tech 3 con Bradley Smith e Pol Espargaro, alle quali si sono avvicinate molto anche le due Honda RCV1000R di Nicky Hayden e Scott Redding, che sicuramente in Q1 proveranno a staccare un pass per la Q2.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie