Argentina, Libere 1: arriva la risposta di Lorenzo

Argentina, Libere 1: arriva la risposta di Lorenzo

Il pilota della Yamaha si adatta subito a Termas de Rio Hondo e precede Espargaro. Indietro Rossi e le Honda

Dopo un avvio di stagione più che deludente, Jorge Lorenzo doveva dare una risposta a Termas de Rio Hondo e bisogna dire che il pilota della Yamaha ha iniziato sicuramente il weekend del Gp d'Argentina con il piede giusto, realizzando il miglior tempo nella prima sessione di prove libere. Il maiorchino ha dato l'idea di aver compreso subito molto bene il nuovo tracciato del Mondiale, realizzando con gomma dura un crono di 1'42"804 che è già migliore di circa 1" rispetto ai tempi fatti nei test dello scorso anno. L'ennesima riprova di questo poi arriva dal fatto che Jorge è stato il primo ad iniziare a lavorare anche con il setting per migliorare la sua M1. Alle sue spalle, staccato di quattro decimi, c'è Aleix Espargaro, che però ha montato sulla sua Forward Yamaha "Open" la gomma morbida per scalare la classifica. Così come in terza posizione c'è la Honda di Alvaro Bautista, che ha utilizzato la gomma a mescola media, che è quella più morbida a disposizione delle moto "Factory". Quarto tempo per Andrea Iannone, che si conferma il pilota più in forma tra quelli della Ducati, pur pagando nove decimi nei confronti di Lorenzo. Dietro di lui poi conferma il suo buon momento anche Bradley Smith, quinto con la Yamaha del Team Tech 3, che ha preceduto di poco la moto gemella del rookie Pol Espargaro. Settima piazza per Stefan Bradl davanti alla Ducati di Andrea Dovizioso, mentre la bella sorpresa di questa sessione è il nono tempo di Nicky Hayden, che ha portato la sua Honda RCV1000R "Open" in nona posizione, davanti alla Yamaha di Valentino Rossi, che per ora paga oltre 1"5 sul compagno di squadra, penalizzato forse dall'aver montato troppo presto la sua seconda gomma posteriore. Come avrete notato, per ora non abbiamo citato le due Honda ufficiali e il motivo è che Marc Marquez e Dani Pedrosa sono solamente in 14esima e 16esima posizione. Va detto però che i due portacolori della HRC hanno deciso di non montare una gomma nuova nella seconda parte del turno ed è per questo che sono molto attardati. Davanti a loro, in 12esima piazza, c'è anche Michele Pirro, chiamato a sostituire l'infortunato Cal Crutchlow sulla seconda Ducati ufficiale. Bisogna registrare inoltre la prima caduta del weekend, che è stata quella della PBM-Aprilia di Michael Laverty, vittima di una banale scivolata.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Jorge Lorenzo
Articolo di tipo Ultime notizie