MotoGP, Aragon, Libere 1: Yamaha in palla, Ducati in crisi

Le M1 monopolizzano le prime tre posizioni, con Vinales davanti a Morbidelli e Quartararo, caduti entrambi. Mir è sesto, le Ducati patiscono il freddo.

MotoGP, Aragon, Libere 1: Yamaha in palla, Ducati in crisi

Il freddo ha fatto da padrone nella prima sessione di prove libere del Gran Premio d'Aragon. La temperatura glaciale della mattinata di Alcaniz, infatti, ha imposto di ritardare di mezz'ora il semaforo verde, nell'attesa che l'asfalto arrivasse a toccare almeno la temperatura minima di 10 gradi.

Ma le condizioni erano davvero critiche anche quando finalmente i piloti hanno preso la via della pista, perché oltre al freddo c'era anche un vento piuttosto fastidioso. E la conferma è arrivata anche dal cronometro, con tempi lontani di oltre tre secondi dal record assoluto della pista.

La Yamaha sembra aver trovato il modo per consolarsi per la clamorosa assenza di Valentino Rossi, risultato positivo al COVID-19 nella giornata di ieri. Le M1 hanno infatti monopolizzato le prime tre posizioni, nonostante le due griffate Petronas siano anche finite entrambe ruote all'aria.

Il più veloce è stato Maverick Vinales, bravo a scendere fino ad un crono di 1'49"866 con il quale ha preceduto di 85 millesimi Franco Morbidelli, caduto per una chiusura dell'anteriore alla curva 14. Stesso punto in cui ha avuto un bel brivido anche lo spagnolo, riuscendo però a rimanere in sella.

In terza posizione, ma distante 276 millesimi e quindi sopra al muro dell'1'50", c'è Fabio Quartararo ed anche il leader del Mondiale è andato a fare la conoscenza delle vie di fuga del Motorland, dopo una chiusura dell'anteriore patita alla staccata della curva 8. Anche per "El Diablo" comunque non sembrano esserci state particolari conseguenze.

Le condizioni critiche sembrano continuare a piacere ai piloti della Honda, ed in particolare ad Alex Marquez. Dopo il podio di Le Mans sul bagnato, il campione del mondo della Moto2 si è arrampicato fino alla quarta posizione, a soli 310 millesimi dalla vetta, precedendo l'altra RC213V griffata LCR di Takaaki Nakagami e senza farsi spaventare da una caduta alla curva 2. Nella top 10 però c'è anche Cal Crutchlow, ottavo.

Rispetto a Le Mans, sembra aver patito meno il freddo la Suzuki, con Joan Mir che è riuscito a piazzarsi in sesta posizione, seppur con un ritardo di mezzo secondo. Al momento comunque sarebbe in Q2 anche l'altra GSX-RR di Alex Rins, con lo spagnolo che occupa la nona piazza.

I due piloti che completano il quadro della Q2 provvisoria sono invece i fratelli Espargaro, con Pol che si è preso la palma di miglior pilota KTM con il settimo tempo, staccato di poco meno di sei decimi. L'Aprilia di Aleix invece occupa la decima piazza a 935 millesimi.

E' stata una sessione complicatissima invece per le Ducati, che in particolare hanno avuto problemi a mandare in temperatura la gomma anteriore. La migliore delle Desmosedici GP è stata quella di Jack Miller in 12esima posizione, ma con un ritardo di oltre 1"3. 15esimo invece Danilo Petrucci, con Andrea Dovizioso 17esimo e Pecco Bagnaia addirittura 21esimo ed ultimo ad oltre 2".

Ad avere la peggio però è stato Johann Zarco, 20esimo, ma incappato in una scivolata alla curva 14 nei primi minuti del turno. Ruote all'aria c'è finito anche Iker Lecuona, anche lui vittima di una chiusura dell'anteriore alla curva 2.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Spain Maverick Ruiz Viñales
Yamaha 17 1'49.866 166.391
2 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 14 1'49.951 0.085 0.085 166.263
3 France Fabio Quartararo
Yamaha 20 1'50.142 0.276 0.191 165.974
4 Spain Alex Marquez
Honda 14 1'50.176 0.310 0.034 165.923
5 Japan Takaaki Nakagami
Honda 20 1'50.420 0.554 0.244 165.556
6 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 19 1'50.425 0.559 0.005 165.549
7 Spain Pol Espargaró Villà
KTM 16 1'50.464 0.598 0.039 165.491
8 United Kingdom Cal Crutchlow
Honda 11 1'50.598 0.732 0.134 165.290
9 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 19 1'50.721 0.855 0.123 165.106
10 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 19 1'50.801 0.935 0.080 164.987
11 South Africa Brad Binder
KTM 17 1'50.973 1.107 0.172 164.731
12 Australia Jack Peter Miller
Ducati 14 1'51.219 1.353 0.246 164.367
13 Spain Iker Lecuona
KTM 14 1'51.241 1.375 0.022 164.335
14 Germany Stefan Bradl
Honda 18 1'51.285 1.419 0.044 164.270
15 Italy Danilo Carlo Petrucci
Ducati 19 1'51.340 1.474 0.055 164.188
16 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 17 1'51.357 1.491 0.017 164.163
17 Italy Andrea Dovizioso
Ducati 15 1'51.408 1.542 0.051 164.088
18 United Kingdom Bradley Smith
Aprilia 10 1'51.442 1.576 0.034 164.038
19 Spain Esteve "Tito" Rabat Bergada
Ducati 19 1'51.581 1.715 0.139 163.834
20 France Johann Zarco
Ducati 15 1'51.807 1.941 0.226 163.503
21 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 17 1'51.934 2.068 0.127 163.317
22 Italy Valentino Rossi
Yamaha 0
condividi
commenti
Simulazione MotoGP: gara tattica con le gomme soft?

Articolo precedente

Simulazione MotoGP: gara tattica con le gomme soft?

Articolo successivo

Yamaha non pensa di sostituire Rossi nelle 2 gare di Aragon

Yamaha non pensa di sostituire Rossi nelle 2 gare di Aragon
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Aragon
Sotto-evento Prove Libere 1
Location Motorland Aragon
Autore Matteo Nugnes