MotoGP, Aprilia fissa le date del ritorno in pista a Misano

L'Aprilia tornerà in pista con la sua squadra per la prima volta la settimana prossima a Misano, dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia del Coronavirus.

MotoGP, Aprilia fissa le date del ritorno in pista a Misano

Lo scoppio del COVID-19 ha costretto la MotoGP a prendersi una pausa, iniziata con la cancellazione della gara del GP del Qatar, al quale hanno preso parte solamente la Moto2 e la Moto3.

Ora è stato tutto pianificato per iniziare la stagione il 19 luglio, con la prima delle due gare di Jerez, annunciate come il Gran Premio di Spagna e il Gran Premio d'Andalusia, che sono in attesa dell'approvazione del governo.

Una recente dichiarazione del governo spagnolo ha sottolineato l'importanza delle gare motociclistiche per il Paese, e con l'inizio della Liga questa settimana e l'apertura al turismo a partire dal 1° luglio, le speranze di ritorno della MotoGP hanno ricevuto un notevole impulso.

Con le restrizioni che iniziano ad essere allentate in tutta Europa, le i circuiti hanno iniziato ad aprire le porte ad alcune giornate di prove.

Leggi anche:

La scorsa settimana, KTM ha portato le sue moto da MotoGP sul circuito del Gran Premio d'Austria, il Red Bull Ring, per una due giorni privata con Pol Espargaro e Dani Pedrosa, segnando il ritorno in pista assoluto delle moto della classe regina dopo i test del Qatar dello scorso febbraio.

L'Aprilia sarà la prossima squadra della MotoGP a tornare in pista, con in vista un test privato di due giorni presso la sede del Gran Premio di San Marino, a Misano, con il collaudatore Bradley Smith.

La Casa italiana sarà di nuovo in azione alla fine del mese, con il collaudatore Smith e il pilota titolare Aleix Espargaro.

Motorsport.com è consapevole del fatto che questo sarà parte del primo test di gruppo della MotoGP da febbraio, dato che la Ducati ha affittato il circuito e che altre Case costruttrici dovrebbero unirsi ai suoi collaudatori il 23-24 giugno.

Solo Aprilia e KTM potranno schierare i propri piloti durante questi test privati, essendo rimasti gli ultimi due costruttori della griglia che godono delle concessioni.

Un test ufficiale organizzato dall'IRTA dovrebbe essere confermato per mercoledì 15 luglio a Jerez, prima del previsto round di apertura della stagione.

Stamani i promoter della Dorna Sports hanno confermato che la stagione 2020 sarà europea fino a metà novembre, in modo da disputare il maggior numero di gare possibile, mentre gli eventi oltreoceano si svolgeranno solo successivamente, se sarà sicuro farlo a porte chiuse.

Questo è avvenuto dopo che il Gran Premio del Giappone è stato cancellato per il 2020, unendosi ai GP di Qatar, Olanda, Germania, Finlandia, Gran Bretagna ed Australia.

condividi
commenti
Espargaró: “Sarà un anno duro, chiave è il rapporto con il team”
Articolo precedente

Espargaró: “Sarà un anno duro, chiave è il rapporto con il team”

Articolo successivo

Petrucci: "Ducati ha deciso di non continuare il nostro rapporto"

Petrucci: "Ducati ha deciso di non continuare il nostro rapporto"
Carica i commenti