MotoGP
09 ott
Prossimo evento tra
20 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
Prossimo evento tra
27 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
Prossimo evento tra
34 giorni
G
GP d'Europa
06 nov
Prossimo evento tra
48 giorni
13 nov
Prossimo evento tra
55 giorni
G
GP del Portogallo
20 nov
Prossimo evento tra
62 giorni

MotoGP, Andalusia: Quartararo pole, Bagnaia in prima fila

condividi
commenti
MotoGP, Andalusia: Quartararo pole, Bagnaia in prima fila
Di:

Il pilota della Yamaha Petronas approfitta di un tempo cancellato a Vinales per centra la seconda pole di fila. Un super Bagnaia è terzo, mentre in seconda fila ci sono Rossi e Morbidelli. Marquez alza bandiera bianca e non correrà, mentre Dovizioso sprofonda e non accede neanche alla Q2.

Il derby in casa Yamaha sembra farsi davvero incandescente: Maverick Vinales aveva teoricamente fatto segnare la pole position del Gran Premio di Andalusia, ma il miglior crono del pilota spagnolo è stato cancellato per essere andato oltre i limiti della pista alla curva 7 e la partenza al palo è stato consegnata all'altra M1 di Fabio Quartararo.

Al francese del Team Petronas è bastato quindi il crono di 1'37"007, più alto di quello della scorsa settimana, per firmare la sua seconda pole stagionale, che è anche l'ottava in carriera. Vinales però aveva sfoderato un giro "alla Marquez" ed è sicuramente pronto a dare battaglia domani.

L'altra notizia di queste qualifiche però è senza ombra di dubbio la resa di Marc Marquez, confermata ai microfoni delle televisioni dal team manager della HRC, Alberto Puig.

Marc Non ha completato neanche un giro in Q1, rientrando ai box subito e poi scappando sul camion del team. Probabilmente il campione del mondo ha chiesto troppo al suo fisico con un run di 10 giri nella FP4 e questo è stato il segnale che ha sventolato la sua bandiera bianca.

In ogni caso, essere tornato in moto a soli 4 giorni dall'operazione all'omero destro fratturato domenica scorsa rimane una grande impresa per il pilota della Honda.

Dopo averla solo sfiorata una settimana fa, Pecco Bagnaia è andato invece a prendersi la sua prima partenza in prima fila nella classe regina: il pilota della Ducati Pramac ha mancato la pole position per appena 169 millesimi, ma sorpattutto ha risposto colpo su colpo ai tentativi di soffiargli la top 3 degli inseguitori, migliorandosi in ogni tentativo. Un altro segnale importante per lui, che ancora non ha messo la firma sul contratto per il prossimo anno.

Rispetto alla scorsa settimana ha invece fatto un grande passo avanti Valentino Rossi: il "Dottore" aprirà la seconda fila in uno schieramento fortemente dominato dalle Yamaha, che vede anche quella di Franco Morbidelli in sesta posizione, dopo che il portacolori del Team Petronas era stato costretto a costretto a passare dalla Q1.

Così come dalla Q1 ci è passato uno strepitoso Miguel Oliveira, che è andato a piazzare la KTM del team Tech 3 in quinta posizione, a cavallo tra le due M1 degli italiani, pur avendo fatto un solo tentativo nel corso della Q2.

Solo ottava la prima delle Honda, che ancora una volta è stata quella di Takaaki Nakagami: il giapponese aveva intermedi in linea per la prima fila, ma poi è andato lungo nella ghiaia della curva 13, quindi schiererà la sua RC213V del Team LCR in ottava posizione, tra la Ducati Pramac di Jack Miller e la KTM di Brad Binder.

Decimo posto in griglia per la Suzuki di Joan Mir, che continua a faticare su una pista che sulla carta doveva essere congeniale alla GSX-RR. Solo 12esimo anche Pol Espargaro, che con la sua KTM ha pagato a caro prezzo una caduta alla curva 2, finendo alle spalle di un Danilo Petrucci che in 11esima posizione rappresenta solo la punta dell'iceberg delle difficoltà del team ufficiale Ducati.

Sarà una gara decisamente in salita per Andrea Dovizioso: il ducatista ha mancato l'accesso alla Q2 sia in forma diretta che passando dalla Q1. Nel primo segmento della qualifica ha chiuso addirittura alle spalle della Honda di Cal Crutchlow, reduce da un'operazione allo scafoide, che è stato il primo degli eliminati. Se quella del britannico del team di Lucio Cecchinello è una mezza impresa, per il forlivese sarà durissima provare a rimontare dal 14esimo posto in griglia.

A completare la quinta fila ci sarà la Ducati Avintia di Johann Zarco, mentre l'Aprilia di Aleix Espargaro aprirà la sesta fila dello schieramento di partenza. Evidentemente, i 500 giri di motore in meno che utilizza ora la RS-GP si fanno sentire soprattutto quando è il momento di lottare contro il cronometro.

Ci ha provato Alex Rins, che con la sua Suzuki però non è riuscito ad andare oltre al 20esimo posto in griglia dopo l'infortunio di domenica scorsa. Alle sue spalle ci sono solo le Honda dei due Marquez, con Alex che è anche incappato in una scivolata ad alta velocità alla curva 5. Ora bisognerà valutare quindi le sue condizioni.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Andalusia live su DAZN. Attiva ora

Classifica Q2

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 France Fabio Quartararo
Yamaha 8 1'37.007 164.140
2 Spain Maverick Ruiz Viñales
Yamaha 7 1'37.102 0.095 0.095 163.980
3 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 7 1'37.176 0.169 0.074 163.855
4 Italy Valentino Rossi
Yamaha 7 1'37.342 0.335 0.166 163.575
5 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 3 1'37.344 0.337 0.002 163.572
6 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 7 1'37.412 0.405 0.068 163.458
7 Australia Jack Peter Miller
Ducati 8 1'37.423 0.416 0.011 163.439
8 Japan Takaaki Nakagami
Honda 7 1'37.464 0.457 0.041 163.371
9 South Africa Brad Binder
KTM 7 1'37.596 0.589 0.132 163.150
10 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 7 1'37.600 0.593 0.004 163.143
11 Italy Danilo Carlo Petrucci
Ducati 6 1'37.906 0.899 0.306 162.633
12 Spain Pol Espargaró Villà
KTM 5 1'40.277 3.270 2.371 158.788

Classifica Q1

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 7 1'37.355 163.554
2 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 7 1'37.512 0.157 0.157 163.290
3 United Kingdom Cal Crutchlow
Honda 8 1'37.644 0.289 0.132 163.069
4 Italy Andrea Dovizioso
Ducati 8 1'37.656 0.301 0.012 163.049
5 France Johann Zarco
Ducati 8 1'37.761 0.406 0.105 162.874
6 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 7 1'37.885 0.530 0.124 162.668
7 Spain Iker Lecuona
KTM 7 1'38.206 0.851 0.321 162.136
8 Spain Esteve "Tito" Rabat Bergada
Ducati 8 1'38.211 0.856 0.005 162.128
9 United Kingdom Bradley Smith
Aprilia 7 1'38.310 0.955 0.099 161.965
10 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 7 1'38.601 1.246 0.291 161.487
11 Spain Alex Marquez
Honda 7 1'38.648 1.293 0.047 161.410
12 Spain Marc Márquez Alentà
Honda 0
MotoGP, Andalusia, Libere 4: Nakagami al top, Marquez 16esimo

Articolo precedente

MotoGP, Andalusia, Libere 4: Nakagami al top, Marquez 16esimo

Articolo successivo

Marquez si arrende: salta il Gran Premio di Andalusia

Marquez si arrende: salta il Gran Premio di Andalusia
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Andalusia
Sotto-evento Q2
Location Circuito de Jerez
Autore Matteo Nugnes