MotoGP
14 ago
Warm Up in
11 Ore
:
10 Minuti
:
07 Secondi
G
GP di Stiria
22 ago
Qualifiche 2 in
6 giorni
10 set
Prossimo evento tra
25 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
Prossimo evento tra
33 giorni
25 set
Prossimo evento tra
40 giorni
09 ott
Prossimo evento tra
54 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
Prossimo evento tra
61 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP d'Europa
06 nov
Prossimo evento tra
82 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
Prossimo evento tra
89 giorni
G
GP del Portogallo
20 nov
Prossimo evento tra
96 giorni

MotoGP, Andalusia: Quartararo nel tris Yamaha, Rossi terzo

condividi
commenti
MotoGP, Andalusia: Quartararo nel tris Yamaha, Rossi terzo
Di:
26 lug 2020, 13:03

Fabio va a punteggio pieno con le Yamaha che monopolizzano il podio e Valentino che chiude terzo. Peccato per Bagnaia, tradito dalla Ducati quando era secondo.

Si dice che quando il gatto non c'è, i topi ballano. Se il felino è Marc Marquez, che ci ha provato, ma si è dovuto arrendere di fronte all'omero appena operato, la parte del roditore è toccata a Fabio Quartararo, che bisogna dire che ha ballato veramente alla grande.

Tutti indicano il francese della Yamaha Petronas come il futuro della MotoGP, ma in queste prime due uscite stagionali ha dimostrato di essere già anche il presente con due pole position ed altrettante cavalcate trionfali.

Quella del Gran Premio d'Andalusia è stata ancora più perentoria di quella della settimana scorsa: scattato benissimo dalla prima casella dello schieramento, ha subito messo la sua M1 davanti a tutti ed ha impostato un ritmo insostenibile per gli inseguitori, involandosi verso una vittoria che vale un emblematico 50-0 nei confronti di Marquez.

Forse l'unico che avrebbe potuto avere il ritmo per provare a stargli dietro è Pecco Bagnaia, che oggi avrebbe meritato sicuramente più fortuna. Il pilota della Ducati Pramac non è partito benissimo, ma con il passare dei giri si è sbarazzato di tutti gli avversari e al 12esimo passaggio ha infilato un ottimo Valentino Rossi, secondo fino a quel momento.

L'ex campione del mondo della Moto2 sembrava lanciatissimo verso il suo primo podio in carriera, ma al 19esimo giro la sua Ducati è andata in fumo come i sogni di gloria del torinese, spalancando così le porte ad una tripletta Yamaha, ma anche ad un grande duello tra Rossi e Maverick Vinales.

Il "Dottore" ha tenuto duro fino al penultimo giro, ma poi non ha potuto fare nulla quando lo spagnolo gli è entrato con decisione alla curva 10, mettendo una bella pezza ad una gara che si stava mettendo decisamente male nella parte centrale, quando era finito alle spalle di altri piloti che poi hanno dovuto cedere alla malasorte.

Stiamo parlando di Jack Miller, caduto rovinosamente ma senza conseguenze alla curva 9 all'11esimo giro. Ma soprattutto di Franco Morbidelli, che ha visto la sua Yamaha ammutolirsi all'inizio del 17esimo giro quando era incollato al codone della M1 di Rossi, quindi pienamente in lotta per il podio.

Un podio che Rossi è riuscito a ritrovare dopo un'astinenza di ben 17 gare. Se la prestazione disastrosa della settimana scorsa aveva fatto riaffiorare dubbi sulla sua voglia di continuare, oggi il 9 volte iridato ha dimostrato di avere ancora tanto da dire in MotoGP, perché è vero che ci sono stati tanti ritiri, ma lui non è mai stato più in basso del terzo posto.

Ai piedi del podio ci ha pensato Takaaki Nakagami a tenere in alto l'onore della Honda. Senza Marquez e con Cal Crutchlow acciaccato, il giapponese della Honda LCR ha sfoderato il miglior weekend della sua carriera in MotoGP, mancando il podio per appena mezzo secondo. Top 5 per la Suzuki con Joan Mir, ma è innegabile che dalla Casa di Hamamatsu ci si sarebbe aspettati di più.

Dal 14esimo posto in griglia, Andrea Dovizioso ha rimontato fino al sesto, che lo ha reso ancora una volta la migliore delle Ducati, anche se va detto che le altre sono state costrette al ritiro, compresa quella di Danilo Petrucci. Il forlivese si era rifatto sotto alla zona podio, ma poi non ha trovato la zampata e la classifica dice già -24 su Quartararo nonostante l'assenza di Marquez.

Leggi anche:

Settima la prima delle KTM, che è stata quella di Pol Espargaro, ma per la Casa austriaca la gara si è messa subito in salita, con Miguel Oliveira che ha visto vanificare la sua miglior qualifica in MotoGP dal futuro compagno di squadra Brad Binder, poi a sua volta vittima di un highside verso metà gara.

Il portoghese della KTM Tech 3, che scattava dalla quinta posizione, è stato centrato dal sudafricano alla prima staccata ed è stato lanciato in un highside. Top 10 anche per Alex Marquez, che è riuscito a concludere ottavo, davanti alla Ducati Avintia di Johann Zarco.

Stoici invece gli infortunati Alex Rins e Cal Crutchlow, che hanno stretto i denti nonostante il caldo infernale, tagliando il traguardo in decima ed in 13esima posizione.

Finita nella ghiaia della via di fuga anche la gara dell'Aprilia di Aleix Espargaro, che quindi nuovamente non è riuscito a mostrare il potenziale in gara della nuova RS-GP. Discorso che vale anche per Bradley Smith, coinvolto pure lui nell'incidente delle due KTM alla prima curva e 12esimo al traguardo.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Andalusia live su DAZN. Attiva ora

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari Punti
1 France Fabio Quartararo
Yamaha 25 41'22.666 160.3 25
2 Spain Maverick Ruiz Viñales
Yamaha 25 41'27.161 4.495 4.495 160.0 20
3 Italy Valentino Rossi
Yamaha 25 41'28.212 5.546 1.051 159.9 16
4 Japan Takaaki Nakagami
Honda 25 41'28.779 6.113 0.567 159.9 13
5 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 25 41'30.359 7.693 1.580 159.8 11
6 Italy Andrea Dovizioso
Ducati 25 41'35.220 12.554 4.861 159.5 10
7 Spain Pol Espargaró Villà
KTM 25 41'40.154 17.488 4.934 159.2 9
8 Spain Alex Marquez
Honda 25 41'42.023 19.357 1.869 159.0 8
9 France Johann Zarco
Ducati 25 41'46.189 23.523 4.166 158.8 7
10 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 25 41'49.757 27.091 3.568 158.6 6
11 Spain Esteve "Tito" Rabat Bergada
Ducati 25 41'56.294 33.628 6.537 158.1 5
12 United Kingdom Bradley Smith
Aprilia 25 41'58.972 36.306 2.678 158.0 4
13 United Kingdom Cal Crutchlow
Honda 24 42'08.349 1 Lap 1 Lap 151.1 3
Italy Francesco Bagnaia
Ducati 19 31'28.905 6 Laps 5 Laps 160.1
Italy Franco Morbidelli
Yamaha 16 26'32.951 9 Laps 3 Laps 159.9
South Africa Brad Binder
KTM 12 20'08.345 13 Laps 4 Laps 158.1
Italy Danilo Carlo Petrucci
Ducati 11 18'20.066 14 Laps 1 Lap 159.2
Australia Jack Peter Miller
Ducati 10 16'37.234 15 Laps 1 Lap 159.6
Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 8 13'23.222 17 Laps 2 Laps 158.5
Spain Iker Lecuona
KTM 5 8'28.029 20 Laps 3 Laps 156.7
Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 0
LIVE MotoGP, GP di Andalusia: la gara di Jerez

Articolo precedente

LIVE MotoGP, GP di Andalusia: la gara di Jerez

Articolo successivo

Mondiale MotoGP 2020: Quartararo a punteggio pieno

Mondiale MotoGP 2020: Quartararo a punteggio pieno
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Andalusia
Sotto-evento Gara
Location Circuito de Jerez
Autore Matteo Nugnes