MotoGP 2010, Qatar: testa e cuore per Lorenzo

condividi
commenti
MotoGP 2010, Qatar: testa e cuore per Lorenzo
12 apr 2010, 14:00

Difficile pretendere di più dal pilota di Palma di Maiorca

Terzo in qualifica, sparito dalle inquadrature della diretta TV sino a metà corsa, Jorge Lorenzo ha disputato forse una delle gare più belle da quando è in MotoGP: dopo un inverno difficile per via dell'infortunio che l'ha costretto al riposo quando gli altri erano in pista a sfruttare le poche giornate di test, lo spagnolo ha stretto i denti per tutto il weekend facendo finta che la mano infortunata e la fiducia in sé stesso e nella moto non fossero dei limiti invalicabili. Il risultato è un secondo posto che ha dell'eccezionale (coronato dal terzo posto in griglia di partenza), soprattutto perchè gli permette di contenere in soli 5 punti il distacco da Rossi ed approfittare della caduta di Stoner per prendere 20 punti su uno degli avversari più temibili di tutta la stagione. Un Lorenzo che, soprattutto a serbatoio vuoto, si è dimostrato estremamente competitivo oltre che determinato: anche senza di lui, ma di questo non c'è di che sorprendersi, il lavoro di sviluppo della M1 è andato molto bene e le sue caratteristiche di guida sembrano adattarsi perfettamente alle evoluzioni approvate da Rossi. Certo, le velocità massime e le accelerazioni fuori dalle curve sono anche per il maiorchino un punto debole, ma il bilanciamento generale e la solita capacità di portare al limite la quattro cilindri di Iwata sono sostanzialmente quelli dello scorso anno. The Doctor, oltre che da Stoner, avrà a che fare molto spesso anche con lui: questa, probabilmente, è una delle grandi certezze della prima notte di passione targata MotoGP 2010. "Ho dovuto staccare il cervello e guidare con il cuore - ha dichiratato Lorenzo - e sono felice di questo secondo posto. La mano mi faceva un po' male, ma il problema più grande è stato il posteriore che scivolava: all'inizio, con il serbatoio pieno, era molto difficile da controllare. Il mio piano era quello di prenderla con calma e di non rischiare troppo, ma dopo un po' l'adrenalina è montata e non ho potuto fare a meno di spingere. Ho dovuto guidare al massimo! Appena il serbatoio si è svuotato un po' e la moto si è alleggerita è stato più facile e ho iniziato ad avvicinarmi, ma ero al limite fisico! Ho fatto alcuni buoni sorpassi e questo è un risultato fantastico per la nostra squadra, grazie anche alla vittoria di Valentino. Ora andiamo a Motegi, dove ho vinto l'anno scorso. Per allora sarò in migliori condizioni fisiche e pronto per essere ancora più forte." "Questo è un ottimo inizio di stagione - ha dichiarato Wilco Zeeleenberg, Team Manager Yamaha box Lorenzo - perchè Jorge ha corso una gara molto intelligente. E' stato paziente quando la moto era pesante, con il pieno di carburante, quando cioè non era il momento giusto per spingere, e un poco per volta è stato in grado di migliorare il suo ritmo e di chiudere il gap. Ad un paio di giri dalla fine ha visto che era in vantaggio sugli avversari e ha potuto chiudere in seconda posizione. Finire ad un solo secondo alle spalle di Valentino dopo i problemi avuti nel pre-campionato è assolutamente impressionante e rappresenta un grande risultato per la nostra squadra."
Prossimo articolo MotoGP
La MotoGp forse ad Abu Dhabi nel 2011

Previous article

La MotoGp forse ad Abu Dhabi nel 2011

Next article

MotoGP 2010, Qatar: una vittoria che vale doppio

MotoGP 2010, Qatar: una vittoria che vale doppio

Su questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Jorge Lorenzo Shop Now
Tipo di articolo Ultime notizie