MotoGP: 11 gare sarebbero concomitanti con la F1

In 11 dei fine settimana che ospiteranno un Gran Premio di MotoGP nel 2021, ci sarà anche la Formula 1. E otto di questi sarebbero nella stessa fascia oraria.

MotoGP: 11 gare sarebbero concomitanti con la F1

La MotoGP ha ufficializzato un aggiornamento sul suo calendario provvisorio la scorsa settimana, con diversi cambiamenti rispetto alla prima versione. Pandemia permettendo, ci saranno almeno 19 Gran Premi, che potrebbero essere 20 se una tra Austin o Termas de Rio Hondo dovesse trovare uno slot più avanti nel calendario, dopo essere state rinviate.

Al momento, gli orari dei Gran Premi non sono ancora noti, perché è un qualcosa con cui Dorna gioca quasi fino all'ultimo minuto proprio per evitare coincidenze con altri campionato o eventi, ma le date sono ufficiali.

Anche la F1 ha aggiornato a metà gennaio il suo calendario, che include 23 GP, anche se uno di questi non ha ancora una location assegnata (molto probabilmente sarà Portimao). E, come ogni anno, ha pubblicato gli orari definitivi di tutte le gare.

Analizzando l'uno e l'altro calendario, si nota che F1 e MotoGP saranno in concomitanza 11 volte nel 2021, otto delle quali nella stessa fascia oraria.

Concomitanze F1-MotoGP nel 2021

Data MotoGP F1
26-28 marzo Katar Qatar Bahréin Bahrain
16-18 aprile Portugal Portogallo Italia Made in Italy e Emilia Romagna
30 aprile-2 maggio España Spagna Da definire
4-6 giugno España Catalogna Azerbaiyán Azerbaijan
25-27 giugno Países Bajos Olanda Francia Francia
27-29 agosto Reino Unido Gran Bretagna Bélgica Belgio
10-12 settembre España Aragón Italia Italia
1-3 ottobre Japón Giappone Singapur Singapore
8-10 ottobre Tailandia Thailandia Japón Giappone
22-24 ottobre Australia Australia Estados Unidos Estados Unidos
29-31 ottobre Malasia Malesia México México

La stagione inizierà per entrambe nello stesso weekend: il 28 marzo. Quel giorno, alle 17 italiane, scatterà la gara della F1, mentre ancora non è chiaro l'orario della MotoGP. E' qui che inizia il difficile.

L'ultima volta che la MotoGP ha corso a Losail, nel 2019, i piloti hanno insistito per anticipare la gara di MotoGP per motivi di sicurezza, visto che durante la sera la temperatura scende troppo. La proposta alla fine è stata respinta e la gara è iniziata alle 18 italiane. Che l'orario venga cambiato o meno quest'anno, tutto fa pensare comunque che ci sarà una concomitanza di orari.

La sovrapposizione successiva avviene nel weekend del 18 aprile, nel quale Portimao ha riempito uno dei due vuoti lasciati dalla cancellazione del tour americano della MotoGP. Visto il fuso orario del Portogallo, la gara dovrebbe scattare alle 15 italiane. Esattamente lo stesso orario della F1 ad Imola. In ogni caso, la Dorna potrebbe giocare la carta di anticipare l'orario della partenza o di invertire l'ordine di partenza con la Moto2.

Il 2 maggio ci sarà un nuovo "scontro". La MotoGP sarà a Jerez e, se non cambia nulla, correrà alle 14 italiane. La F1 invece non ha ancora detto dove andrà, ma Portimao è la soluzione più probabile. La differenza di orario tra il Portogallo ed il resto d'Europa anche in questo caso non aiuta e c'è di nuovo il rischio di una concomitanza d'orario.

Leggi anche:

La MotoGP poi andrà a Barcellona il 6 giugno, mentre la F1 sarà impegnata a Baku. Se non cambierà nulla, entrambe le gare scatteranno alle 14 italiane. Problema che invece non si dovrebbe ripetere il 27 giugno, quando la MotoGP scatterà ad Assen alle 14 e la F1 al Paul Ricard un'ora più tardi.

Quando la MotoGP visiterà Silverstone il 29 agosto, dove è ormai normale che il programma venga modificato, è molto probabile che la gara possa essere anticipata ed invertita con quella della Moto2 per evitare una concomitanza con la F1 a Spa (15 italiane).

Il 12 settembre ad Aragon (14) e Monza (15) non ci sarebbe alcun problema in linea di principio, così come il 3 ottobre a Motegi e a Singapore, con una gara alle prime ore del mattino e l'altra all'ora di pranzo in Europa.

Non sarà troppo complicato neppure evitare sovrapposizioni tra la Thailandia e Suzuka, una settimana più tardi. La gara di F1 in Giappone è prevista alle 7 italiane, mentre l'ultima volta che la MotoGP è andata a Buriram ha corso alle 9 italiane.

L'Australia e la Malesia (MotoGP), rispettivamente il 24 ed il 31 ottobre, si correranno quando in Europa sarà mattina presto, quindi non c'è rischio di incroci con la F1, che sarà di scena negli Stati Uniti ed in Messico.

condividi
commenti
Ducati a Jerez con tutti i sei piloti MotoGP sulle Panigale
Articolo precedente

Ducati a Jerez con tutti i sei piloti MotoGP sulle Panigale

Articolo successivo

Iannone torna in pista: "Non ho dimenticato come si guida"

Iannone torna in pista: "Non ho dimenticato come si guida"
Carica i commenti