Il "pompiere" Iannone conquista il Mugello

Andrea è andato a riprendere un Espargaro in fuga, superandolo proprio all'ultimo giro

Il
La colorazione da "Joe il Pompiere" ha portato bene ad Andrea Iannone, che è andato meritatamente ad imporsi nella gara del Mugello della classe Moto2, piegando Pol Espargaro proprio all'ultimo giro dopo aver ricucito lo strappo che lo spagnolo era riuscito a realizzare ad otto tornate dal termine. Una vittoria importante anche in ottica campionato, perchè il pilota di Vasto si riporta a 34 punti dal leader Marc Marquez, salendo al secondo posto alla pari con Espargaro, la cui prestazione odierna va comunque sottolineata alla luce di una lesione al caviglia destra rimediata nella caduta avvenuta nelle prove libere di ieri. Iannone lo aveva detto che gli sarebbe piaciuto fare il "pompiere" e spegnere i sogni di gloria dei suoi avversari e ci è riuscito perfettamente: quando "Polyccio" era riuscito a fare il vuoto alle sue spalle, Iannone si è messo al comando del gruppetto degli inseguitori, facendogli capire che lui era l'unico in grado di andarlo a riprendere. E così è stato, perchè a tre giri dalla fine è arrivato ad incollarsi agli scarichi del pilota iberico, trascinando insieme alla sua Speed Up anche Thomas Luthi e Bradley Smith infilando una bella serie di giri record. Questi ultimi due poi si sono autoeliminati dalla contesa all'inizio del penultimo passaggio, quando lo svizzero è arrivato lunghissimo alla San Donato, allargando anche la traiettoria del britannico. Davanti quindi la lotta per la vittoria si è ristretta ad Espargaro e Iannone, con l'italiano che ha trovato il sorpasso vincente alla staccata della San Donato all'inizio dell'ultimo giro. Poi Andrea è stato bravissimo a non concedere al rivale di avvicinarsi troppo e si è immesso sul rettilineo d'arrivo senza lasciargli la minima chance di provare anche solo a sfruttare la scia. Dietro di loro Luthi è riuscito ad avere la meglio su Smith nella volata per il terzo posto, quindi anche lui è riuscito a recuperare qualche punticino su un Marquez oggi un po' in ombra e solo quinto al traguardo, dopo aver anche rischiato di finire ruote all'aria a pochi giri dalla conclusione. Seguono poi Scott Redding ed un sorprendente Takaami Nakagami, che nelle primissime fasi della corsa aveva dato addirittura la sensazione di poter battagliare per la vittoria. Chi si deve mangiare le mani invece è Claudio Corti: il portacolori del Team Italtrans ha commesso un errore finendo fuori pista nelle prime curve, poi ha dato vita ad una rimonta furibonda che lo ha riportato fino al nono posto, con un ritmo che forse senza quell'errore gli avrebbe consentito di lottare al vertice. Tutti ritirati, infine, gli altri piloti di casa nostra.

Moto2 - Mugello - Gara

Moto2 - Classifica campionato

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Andrea Iannone
Articolo di tipo Ultime notizie