Mistero sui test della nuova Ducati a Jerez

Mistero sui test della nuova Ducati a Jerez

A Borgo Panigale le bocche sono cucite, sui social network invece si parla di tempi simili alla Honda

Intorno all'accoppiata Valentino Rossi-Ducati non c'è mai stato tanto silenzio come in questi due giorni: ieri il "Dottore" ha completato il tanto atteso test di Jerez de la Frontera, ma a Borgo Panigale le bocche sono tutte cucite, sia per quanto riguarda il famigerato telaio utilizzato in terra spagnola che per i risultati raggiunti. L'ipotesi più accreditata è che il telaio svezzato dal 9 volte campione del mondo e dal collaudatore Franco Battaini sia un perimetrale completamente in alluminio, anche se alcune voci parlano anche di una soluzione simile a quella del vecchio telaio in traliccio, con due travi di alluminio che avrebbero preso il posto dei tubi. In ogni caso si trattava di un qualcosa di completamente nuovo rispetto alla soluzione introdotta a Motorland Aragon, che purtroppo non aveva dato i frutti sperati con il motore 800, dopo che però aveva ben impressionato Valentino con il propulsore 1000 al Mugello. Dalla factory bolognese non è uscita una parola neanche per quanto riguardo i riscontri cronometrici. Sui social network si rincorrono le voci di chi sarebbe riuscito a sbirciare all'interno dell'autodromo andaluso, nonostante questo fosse rigorosamente a porte chiuse. Secondo i gossip nell'arco della giornata Rossi avrebbe tolto oltre 2", arrivando a girare in 1'39" basso, quindi in tempi simili a quelli realizzati da Casey Stoner con la Honda 1000. Sarà tutto vero o saranno solo leggende?

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Valentino Rossi
Articolo di tipo Ultime notizie