Valentino: "Il 2011 mi ha reso ancora più forte"

Il "Dottore" ribadisce di non avere rimpianti per la scelta di approdare alla Ducati

Valentino:
Il 2011 è stato un anno disastroso, senza ombra di dubbio il peggiore della sua carriera, ma Valentino Rossi non vuole assolutamente sentir parlare di rimpianti per quanto riguarda la scelta di provare a formare un'accoppiata tutta italiana con la Ducati. Sicuramente neanche lui si aspettava una stagione così nera, ma il "Dottore" è convinto che i rimpianti li avrebbe avuti per il resto della sua vita se non avesse tentato. "Ogni tanto magari c'è un po' di rammarico, ma quando ci ripenso più intensamente poi capisco che è un'avventura che dovevo provare, quindi non c'è alcun rimpianto. Il fascino di questa sfida era enorme e la intendo ancora in quel senso. E' stato meglio provare che passare il resto della mia vita a domandarmi: e se l'avessi fatto come sarebbe andata?" ha detto in un'intervista rilasciata a MotorCycleNews. Anzi, come aveva già sostenuto anche Jeremy Burgess, il 9 volte iridato crede che questa annata difficile lo potrà aiutare a migliorarsi ulteriormente: "Penso che una stagione come questa mi ha aiutato a diventare più forte e non cambia assolutamente quello che penso sul mio futuro: voglio rimanere ancora parecchio tempo in MotoGp e sono convinto di poter tornare a battagliare per le posizioni che contano. Con questo non voglio dire che posso vincere 11 gare in un anno, ma che posso tornare spesso sul podio". La sfida ora è risalire la china nel 2012: "Il mio obiettivo principale è tornare al top con la Ducati e dobbiamo assolutamente riuscirci. Non possiamo finire questa storia così male: dobbiamo migliorare le prestazioni della moto e portarla più vicina al livello della Honda e della Yamaha".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Valentino Rossi
Articolo di tipo Ultime notizie