Tutti con anteriore dura e posteriore morbida a Motegi

Tutti con anteriore dura e posteriore morbida a Motegi

Le condizioni climatiche del Gp del Giappone non hanno portato soluzioni alternative in gara

Dani Pedrosa (Repsol Honda) ha ribadito ancora una volta la sua forma strepitosa in questo Campionato del mondo di MotoGp, facendo registrare un nuovo giro record sul tracciato e mettendo a segno la quinta vittoria della stagione. Il principale avversario di Pedrosa si conferma essere Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Racing), che per la prima metà della gara l'ha seguito a ruota; all'undicesimo giro, Pedrosa ha sorpassato il suo rivale, conquistando la vittoria con un distacco di 4"275. La seconda posizione di Lorenzo gli assicura venti punti preziosi per la lotta al titolo mentre la terza piazza va ad Alvaro Bautista, che a bordo della sua San Carlo Honda Gresini completa un podio tutto spagnolo. La scelta dei pneumatici è stata la stessa per tutti i piloti, che hanno optato per la combinazione di anteriore duro e posteriore asimmetrico morbido, più adatta ad affrontare le numerose zone di accelerazione e frenata del circuito di Motegi. Il tempo era secco ma leggermente più fresco di sabato, a causa di qualche annuvolamento nel pomeriggio, con un picco di temperatura in pista di 29°C, registrato nel corso della gara. La vittoria di Pedrosa a Motegi gli consente di accorciare la distanza da Lorenzo nella classifica mondiale a ventotto punti, mentre mancano tre round. In sella alla sua Repsol Honda, Casey Stoner, al suo rientro in pista dopo l'infortunio alla caviglia, si conferma in terza posizione nella classifica piloti con un meritato quinto posto. Yuichiro Takenami – Vice President e Senior Officer, Corporate Communications and Motorsport: "Le mie più vive congratulazioni a Dani e a Repsol Honda per la loro vittoria di oggi a Motegi. Il week-end è stato molto positivo per i tifosi: le buone condizioni meteo, le varie attività organizzate nei paddock e le emozioni della gara hanno contribuito a creare un'atmosfera gradevole; sono lieto che Bridgestone possa essere partecipe di questo meraviglioso spettacolo. Siamo fieri della nostra partnership con il MotoGP perché rappresenta uno scenario ideale per mettere a punto le migliori tecnologie di pneumatici su pista e su strada; il nostro impegno è quello di continuare ad assistere equamente ciascun pilota e team con un servizio ai massimi livelli". Shinichi Yamashita – General Manager, Bridgestone Motorsport Tyre Development Department: "La gara si è disputata in condizioni più fresche rispetto alle qualifiche di venerdì e sabato, sebbene ciò non abbia influito minimamente sulla scelta dei pneumatici. Tutti i piloti hanno optato per la stessa combinazione di gomme, con una mescola più dura per l'anteriore e una mescola soft per il posteriore slick, in quanto sul tracciato di Motegi, con il suo layout "stop-and-go" è importante assicurare una buona aderenza al posteriore e stabilità sull'avantreno. Durante la gara, i pneumatici hanno fatto registrare buone prestazioni: è stato messo a segno un nuovo record su giro e i primi tre classificati hanno completato la gara con tempi più rapidi rispetto al tempo complessivo dello scorso anno. Nel complesso, nel Gran Premio di casa, i pneumatici Bridgestone di specifica 2012 ci hanno fatto fare bella figura".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie