The Mirco Lazzari Collection: la foto d’autore diventa NFT

Mirco Lazzari, Stargraph e RTR Sports Marketing lanciano il primo Non Fungible Token dedicato alla fotografia del Motorsport: arte, sport e tecnologia spalancano le porte al futuro.

The Mirco Lazzari Collection: la foto d’autore diventa NFT

L'evoluzione dell'era digitale non si ferma, perché quello del web è un mondo in continua espansione. L'ultima novità sono gli NFT, acronimo di non fungible tokens. Cosa sono? La risposta ad una domanda divenuta centrale negli ultimi anni: come siglare, autenticare e scambiare contenuti digitali in maniera sicura, rapida e condivisa?

Resi possibili da blockchain, i “nifties” - così sono anche stati ribattezzati - sono token crittografati che permettono di acquistare ed individuare univocamente qualsiasi tipo di media, da un’immagine ad una canzone, da un’opera d’arte ad un video.

I token non fungibili sono utilizzati per creare scarsità digitale verificabile, oggetti digitali unici come crypt art, oggetti da collezione in formato digitale, scambiabili e vendibili nel mercato digitale dell’arte.

Sono la nuova frontiera del collezionismo d’autore a causa della loro capacità di fornire prove di autenticità e proprietà dell’opera digitale.

Questo intangibile ma potentissimo strumento tecnologico, che oggi conosce una straordinaria espansione, incontra l’eccellenza della fotografia sportiva d’autore grazie a “The Mirco Lazzari Collection”, il progetto che unisce Mirco Lazzari, Stargraph e RTR Sports Marketing.

Dal 15 luglio  saranno disponibili sul sito di Stargraph (https://nft.stargraph.it/brand/mirco-lazzari) i primi NFT che il fotografo imolese ha voluto pubblicare in questo innovativo e avvincente formato.

Alcuni scatti particolari diventeranno così collezioni, con una tiratura limitata a pochi esemplari, e raccoglieranno il meglio del mondo del motorsport, dalla MotoGP alla Formula 1, passando per rally e World Superbike e tanto altro andando a comporre una raccolta inedita, preziosissima e capace di unire l’emozione dell’arte alla straordinaria passione sportiva, alle nuove potentissime tecnologie oggi disponibili.

È la prima volta, nel nostro Paese, che fotografia, sport e mondo digitale si incontrano in questo modo: gli NFT di Mirco Lazzari non sono semplicemente uno sguardo rivolto al futuro, ma anzi uno strumento concreto con cui si vuole cementare, oggi, una forma d’espressione e di comunicazione mai così importante.

È dal 1989 che Mirco Lazzari incanta e racconta il mondo delle piste attraverso il suo obiettivo. Il suo è uno sguardo sempre fresco, diverso, che mira ad una narrazione che è più poesia che semplice racconto. Il suo stile inconfondibile gli vale diversi premi e riconoscimenti internazionali nelle massime serie delle due e delle quattro ruote oltre al ruolo di ambassador nel settore sportivo per Nikon.

Sono RTR Sports Marketing e il suo founder Riccardo Tafà ad immaginare l’unione delle spettacolari immagini di Lazzari con l’idea di Non Fungible Token: un arco che può essere chiuso unicamente con un partner di grande esperienza e creatività nel mondo del web e del digital marketing.

“Siamo stati da subito felici di fare parte di questo progetto - racconta Michele Imbimbo, co-founder di Stargraph - . Un progetto che è capace di unire le ambizioni internazionali della nostra azienda e il meglio della fotografia sportiva, creando un prodotto unico in Italia, che sta al vertice di tech, sport e arte”.

Gli fa eco Mirco Lazzari: “Crediamo che ogni prodotto digitale abbia valore solo se riempito di un senso che è prima di tutto emozionale e culturale. Gli NFT ci consentono per la prima volta nella nostra storia digitale di cristallizzare un momento, di rendere tangibile quello che prima era intangibile. Ma alla base ci vuole un contenuto, qualcosa che sappia muovere i sentimenti e racchiudere un gesto, un momento speciale.”

I primi NFT di “The Mirco Lazzari Collection” sono disponibili in edizione limitata da oggi sul sito https://nft.stargraph.it/brand/mirco-lazzari.

condividi
commenti
Yamaha Petronas aspetta ancora Valentino Rossi

Articolo precedente

Yamaha Petronas aspetta ancora Valentino Rossi

Articolo successivo

Lorenzo: “Aprilia mi voleva, ma non ha voluto investire”

Lorenzo: “Aprilia mi voleva, ma non ha voluto investire”
Carica i commenti