Prove comparative tra GP14 e GP13 in casa Ducati

Prove comparative tra GP14 e GP13 in casa Ducati

La nuova moto è rivista sia a livello di aerodinamica che di regolazioni del telaio. Novità anche di Elettronica

Dopo uno pausa invernale di due mesi, oggi è iniziata la stagione 2014 per il Ducati Team, con il primo di tre giorni di test IRTA organizzati sul tracciato malese di Sepang. La squadra di Borgo Panigale, modificata nell’organico a fine 2013 con l’arrivo dell’Ing. Luigi Dall’Igna come Direttore Generale e del pilota britannico Cal Crutchlow a fianco del forlivese Andrea Dovizioso, vuole mettersi alle spalle un deludente 2013 e guarda al futuro con fiducia e rinnovato impegno. In questo test pre-stagionale, il primo di tre previsti tra Sepang e Phillip Island nei mesi di febbraio e marzo, il lavoro della squadra italiana è focalizzato sul confronto tra la Desmosedici GP14 e la GP13. Visivamente il nuovo modello presenta un’aerodinamica rivista sia nel cupolino che nel codone, in aggiunta a una migliore ergonomia e con maggiori possibilità nella regolazione del telaio, oltre ad alcune nuove soluzioni di elettronica. Dovizioso e Crutchlow hanno quindi dedicato la prima giornata soprattutto al lavoro di comparazione tra le due moto e a quello di messa a punto. In particolare Dovizioso, al suo secondo anno sulla Desmosedici, ha continuato a provare le due versioni, mentre il pilota britannico, che era salito sulla GP13 per la prima volta a Valencia a novembre, ha scelto nel pomeriggio di continuare il suo apprendistato solo con la moto nuova. In pista anche il Ducati Test Team, con Michele Pirro ancora una volta nel ruolo di collaudatore. Nel corso dell’anno il pilota pugliese avrà comunque la possibilità di prendere parte ad almeno quattro gare del Mondiale come “wild card”. Andrea Dovizioso: "Oggi è stata una giornata un po’ particolare: al primo giorno di test in Malesia non va dato troppo significato, perché bisogna comunque riprendere il feeling dopo mesi in cui si è stati fermi. Avevamo una moto diversa da provare, però oggi siamo riusciti a fare solo pochi giri e non abbiamo potuto provare tutto ciò che avevamo in programma. Per fortuna abbiamo altri due giorni qui in Malesia, e quindi non è un grande problema. Era giusto partire con la moto 2013 per riprendere il feeling di fine stagione, poi siamo passati subito alla moto nuova per capire la differenza, ma purtroppo ho fatto solo 27 giri in tutta la giornata. Sono sicuro che domani saremo più a posto". Cal Crutchlow: "Innanzitutto è stato bello tornare in moto dopo una pausa di due mesi e mezzo. Abbiamo girato con la GP13 nel mattino e con la GP14 nel pomeriggio, ed è evidente che c’è ancora tanto lavoro da fare perché in effetti le moto non sono poi così diverse. Una buona parte dei cambiamenti riguarda l’aspetto esterno della moto, ma il feeling è simile. Va detto che la GP14 entra meglio in curva, ed è quello che stavamo cercando. Abbiamo usato solo due treni di gomme durante la giornata e adesso l’obiettivo è cercare di andare sempre più veloce con questa moto. Inoltre la squadra ha voluto farmi provare una serie di soluzioni elettroniche e quindi non ho avuto la possibilità di girare costantemente nel pomeriggio. In Ducati stanno lavorando sodo e questo è uno stimolo in più anche per me". Michele Pirro: "Oggi abbiamo cercato di continuare il lavoro che avevamo già cominciato nei due giorni di test la settimana scorsa, quando purtroppo ero caduto nel secondo giorno e quindi oggi ho cercato di riprendere il feeling sulla moto nuova, concentrandomi su alcuni particolari. Tutto sommato è stata una giornata positiva: il tempo sul giro non è male ma dobbiamo ancora migliorare e sono fiducioso che sia stata presa la strada giusta. Però abbiamo bisogno ancora di un po’ di tempo. I nostri avversari sono più a posto di noi, ma è la prima volta che mettiamo in pista la nuova moto".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Andrea Dovizioso , Cal Crutchlow , Michele Pirro
Articolo di tipo Ultime notizie