Sepang, Day 3: Pedrosa davanti a Marquez di un soffio

Sepang, Day 3: Pedrosa davanti a Marquez di un soffio

81 millesimi separano le Honda, ma il passo di Lorenzo fa paura. Rossi risale quarto, la Ducati si avvicina a 1"

Cambia faccia nei minuti finali la classifica della terza ed ultima giornata dei test collettivi di Sepang della MotoGp. Davanti a tutti è rimasto Dani Pedrosa con il suo tempo di 2'00"562, ma alle spalle del pilota ufficiale della Honda si è issata l'altra RC213V di Marc Marquez. Proprio a pochi istanti dalla bandiera a scacchi il campione del mondo della Moto2, autore anche oggi di due scivolate senza conseguenze, si è portato a solamente 81 millesimi dal compagno di squadra, mostrando ancora degli importanti segnali di crescita. Scivola al terzo posto, dunque, Jorge Lorenzo: il maiorchino è stato l'ultimo ad essere sceso sotto al muro del 2'01", ma nel pomeriggio non è andato alla ricerca della prestazione, effettuando una simulazione di gara piuttosto interessante. Con la sua Yamaha M1 ha messo insieme una ventina di giri girando costantemente sotto al 2'02". La sensazione, dunque, è che per quanto riguarda il passo al momento sia lui il punto di riferimento. Dopo aver un po' tribolato per tutto il giorno, stando anche alle spalle delle moto satellite, nei minuti conclusivi Valentino Rossi è riuscito a piazzare la sua zampata, portando la sua Yamaha in quarta posizione e riducendo a soli 70 millesimi il distacco dalla M1 gemella. Inoltre anche oggi il "Dottore" è riuscito a lavorare molto, mettendo insieme oltre 60 giri. Per quanto riguarda i piloti satellite, se ieri era stato Cal Crutchlow a stupire con il terzo tempo, oggi il migliore è stato Alvaro Bautista, quinto a pochi millesimi dalle Yamaha ufficiali con la sua Honda del Team Gresini. Positiva però anche la prestazione di Crutchlow, più lento di soli 16 millesimi. Leggermente più distanziato invece Stefan Bradl, che segue in settima posizione. Arrivano segnali incoraggianti anche dal box Ducati, con Andrea Dovizioso che è riuscito a migliorarsi sensibilmente nel pomeriggio: la GP13 del romagnolo è salita in ottava posizione, riducendo il gap da Pedrosa a 1". Un distacco sicuramente ancora importante, ma dimezzato rispetto a quello accusato due settimane fa. Dietro di lui poi completano la top ten Nicky Hayden, scivolato senza conseguenze, e Bradley Smith. Seguono poi le altre due Ducati di Andrea Iannone e Michele Pirro: sembra fare progressi, dunque, anche la versione "laboratorio" della Desmosedici portata in pista dal collaudatore italiano, che oggi paga 2"2 tallonata dalla ART-Aprilia di Randy De Puniet, che per la prima volta nel 2013 riesce ad essere il riferimento tra le CRT, prendendo il testimone dal compagno di squadra Aleix Espargaro, oggi solamente 18esimo e alle spalle anche della FTR-Kawasaki di Hector Barbera.

MotoGp - Test Collettivi Sepang- Day 3

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie