Stoner promuove il nuovo motore, ma non il telaio

Stoner promuove il nuovo motore, ma non il telaio

Il chattering rimane e l'australiano propone alla Honda di adattare il propulsore alla moto attuale

La sensazione che aveva dato vederlo girare ieri ha un po' mascherato quelle che sono state le vere reazioni di Casey Stoner al debutto sulla sua nuova moto. Per i test del Mugello la Honda ha anticipato il debutto della versione 2013 della RC213V, presentando nei test collettivi un nuovo telaio ed un nuovo motore. I tempi sul giro sono migliorati sensibilmente rispetto al weekend per l'australiano, ma a quanto pare i problemi di chattering sono rimasti ancora lì a tormentare il due volte campione del mondo, che però ha parlato di evidente passo avanti dal punto di vista del motore. "Abbiamo avuto da provare un nuovo motore ed un nuovo telaio. Per quanto riguarda il motore, abbiamo trovato diversi miglioramenti: è più potente, ma si riesce anche a gestire meglio. Dal telaio invece non abbiamo ricavato dei reali benefici, pur avendo provato diversi set up" ha esordito Stoner. "E' leggermente meglio solo dal punto di vista della frenata, ma quello che ci serviva era eliminare il chattering e migliorare il feeling in percorrenza di curva e non ci siamo riusciti" ha aggiunto. La soluzione ideale, dunque, sarebbe un mix tra presente e futuro: "La miglior combinazione probabilmente sarebbe il telaio attuale con il nuovo motore, ma sappiamo che ci vorrà del tempo per adattarli a convivere. Dunque non credo che sarà possibile avere questa soluzione a Laguna Seca. Dobbiamo aspettare e vedere".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Casey Stoner
Articolo di tipo Ultime notizie