Marquez: "Non voglio mostrare le mie linee agli altri"

"El Cabronsito" gioca in difesa per preservare il vantaggio mostrato nei primi due giorni

Marquez:
Per ora Marc Marquez è stato senza ombra di dubbio la grande sorpresa dei test di Austin. Su una pista nuova per tutti, il rookie di casa Honda è stato il più veloce a prendere le misure e con la sua RC213V ha costantemente migliorati il primato del tracciato texano, dimostrando ai "big three" che non dovranno fare l'errore di sottovalutarlo in questa stagione. Il suo approccio a questi test comunque è stato molto pragmatico: "Abbiamo continuato a lavorare sulla stessa linea che avevamo intrapreso ieri, cercando le soluzioni più adatte a questo tracciato per quanto riguarda il cambio, l'elettronica e le geometrie. Specialmente a inizio giornata il tracciato era molto scivoloso e non me lo aspettavo. Anzi, credevo che il grip sarebbe stato migliore rispetto a ieri, anche se poi la situazione è progredita". Anche "El Cabronsito" poi ha confermato che comunque il saliscendi statunitense racchiude diverse insidie: "E' difficile riuscire a trovare un rendimento costante perchè ci sono molte staccate toste e bisogna rimanere concentrati per frenare sempre nello stesso punto". Convinto di aver trovato delle ottime traiettorie, ha poi rivelato di aver giocato in difesa quando ha incontrato i suoi colleghi in pista: "Ho cercato di stare molto attento quando ho incontrato gli altri piloti in pista. Non volevo mostrare le mie traiettorie a Valentino, Jorge, Dani e Stefan, perchè sono quelle che reputo le migliori e volevo evitare di fargli imparare qualcosa. Devo dire però che anche loro frenavano quando mi vedevano arrivare".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie