Test Aragon, Ore 16: Spies guida il poker Yamaha

condividi
commenti
Test Aragon, Ore 16: Spies guida il poker Yamaha
Di: Matteo Nugnes
06 giu 2012, 16:16

L'americano precede Lorenzo e Dovizioso. Hayden è quinto a mezzo secondo, Valentino settimo a 1"3

Oggi non sono previste pause a Motorland Aragon per la giornata dei test collettivi della MotoGp e la sessione procede a gonfie vele quando abbiamo superato da poco le ore 16 e quindi mancano poco meno di due ore alla bandiera a scacchi. Al comando delle operazioni si sono portate le due Yamaha M1 ufficiali di Ben Spies e Jorge Lorenzo, con l'americano che ha girato in 1'49"636, staccando di poco meno di tre decimi il compagno di squadra. Entrambi stanno continuando il lavoro di svezzamento dell'evoluzione di motore che ha esordito nei test di due giorni fa a Barcellona, quindi sarà interessante capire a fine giornata se hanno trovato dei miglioramenti o meno. Scivola al terzo posto Andrea Dovizioso, che non è più riuscito a migliorare il tempo che aveva messo a segno in mattinata, ma che rimane l'ultimo ad essere sceso sotto all'1'50". Poco più indietro il suo compagno di squadra Cal Crutchlow completa il poker Yamaha con la seconda M1 del team Tech 3. Nicky Hayden apre la schiera del resto del gruppo (bisogna ricordare però l'assenza delle due Honda ufficiali di Dani Pedrosa e Casey Stoner) e con la sua Ducati si è migliorato di parecchio rispetto a stamani, riducendo a poco più di mezzo secondo il ritardo della sua GP12, tallonato da quella satellite di Hector Barbera. Attardato invece Valentino Rossi, che paga circa 1"3 nei confronti di Spies, ma che è stato anche rallentato in mattinata da un problemino tecnico. Mentre Franco Battaini ultimava i collaudi, la centralina della sua Desmosedici ha letto dei dati sballati ed ha mandato il sistema in blocco per evitare danni. Non essendo nulla di grave, comunque il pesarese ha potuto prendere la via della pista relativamente rapidamente. Il gruppo delle MotoGp si chiude con le due Honda satellite di Alvaro Bautista e Stefan Bradl e con l'ultima Ducati di Karel Abraham, mentre per quanto riguarda le CRT a dettare il passo è Yonny Hernandez, rimasto di poco al di sotto dei 3" di distacco con la sua BQR-Kawasaki. MOTOGP, Motorland Aragon, 06/06/2012 Test collettivi (Ore 16) 1. Ben Spies - Yamaha - 1'49"636 - 45 giri 2. Jorge Lorenzo - Yamaha - 1'49"911 - 49 3. Andrea Dovizioso - Yamaha - 1'49"950 - 46 4. Cal Crutchlow - Yamaha - 1'50"033 - 49 5. Nicky Hayden - Ducati - 1'50"204 - 40 6. Hector Barbera - Ducati - 1'50"249 - 46 7. Valentino Rossi - Ducati - 1'50"952 - 57 8. Alvaro Bautista - Honda - 1'51"138 - 41 9. Stefan Bradl - Honda - 1'51"146 - 47 10. Karel Abraham - Ducati - 1'51"977 - 19 11. Yonny Hernandez - BQR-Kawasaki - 1'52"502 - 50 12. Colin Edwards - Suter-BMW - 1'52"589 - 42 13. Michele Pirro - FTR-Honda - 1'53"592 - 33 14. Ivan Silva - BQR-Kawasaki - 1'53"929 - 50
Prossimo articolo MotoGP
I test di Aragon si chiudono con la zampata di Lorenzo

Previous article

I test di Aragon si chiudono con la zampata di Lorenzo

Next article

Test Aragon: un problema tecnico rallenta Valentino

Test Aragon: un problema tecnico rallenta Valentino

Su questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Ben Spies
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie