Valentino: "Che gusto andare a prendere Marc!"

Rossi è dispiaciuto della caduta di Marquez e gli attribuisce la colpa del contatto

Valentino:

Valentino Rossi è raggiante: con il successo di Termas de Rio Hondo consolida il primato nella classifica mondiale della MotoGp e sfrutta la caduta di Marc Marquez nel momento decisivo della corsa. Il "Dottore" indossa la maglia della nazionale argentina di Diago Maradona per festeggiare un successo strepitoso dopo una rimonta sul campione del mondo che per molti era impossibile o quasi...

"Sapevo di poter fare bene: sono partito forte, perché nel giro di ricognizione avevo visto che Marc aveva montato la morbida. Quando sono entrato nella prima curva ma Iannone mi ha dato una carenata senza pietà e mi ha buttato fuori. E' stato molto aggressivo e ho perso un po', ma ero veloce e ho cercato di recuperare in fretta. Subito non ho pensato a Marquez, perché ho dovuto superare Jorge, Iannone, Cal e Dovi. Quando sono arrivato ad essere secondo ho visto che era a 4"2 da Marc".

Altri si sarebbero arresi, difendendo la seconda posizione dietro a Marc...
"Non io, perché sapevo che nella seconda parte della gara avrebbe avuto un calo della gomma. E ogni giro riuscivo ad andare più forte perché la mia Yamaha andava meglio. E poi ho cominciato a sentire l'odore della vittoria: vedere Marc Marquez là davanti e pensare di andarlo a prendere all'ultimo giro è davvero impagabile! E' una sensazione che dà un gran gusto...".

Poi c'è stato il fatto che ha deciso la gara...
"Io sono entrato in frenata e poi ci siamo toccati. Marquez è un tipo che si gioca sempre il tutto per tutto. Alla prima curva mi ha dato una sportellata, poi io ho accelerato e dopo qualche metro ho sentito un'altra toccata, ma non avevo capito che era caduto. Mi è spiaciuto perché sarebbe stata una bella lotta. Spero non si sia fatto niente, ma penso che abbia sbagliato lui...".

Valentino per festeggiare la vittoria ha indossato la maglia numero 10 di Maradona...
"Maradona è stato l'eroe sportivo per quelli della mia età e per quelli più vecchii. E' sempre stato un campione che ha saputo fare la differenza. Ho voluto indossare la sua maglia: l'avevo già preparata l'anno scorso, ma non ero salito sul podio e me la sono portata dietro quest'anno e l'ho messa".

La modifica decisa dopo il warm up ha funzionato?
"Era giusta perchè ha funzionato. Avevo molto spin ma riuscivo a guidare la moto forte, anche se sul dritto la mia Yamaha è la più lenta di Ducati e Honda e ci dispiace perché la M1 è più lenta dell'anno scorso e non riusciamo a capire perché. In questo week end abbiamo lavorato bene: ho già vinto due gare su tre per cui sono in testa al campionato e penso che potremo lottare per il titolo fino alla fine della stagione".

Avete fatto una strategia sulla parte finale della corsa?
"No, non abbiamo pensato a Marquez, ma solo a noi. Abbiamo scelto la soluzuione che ci permettesse di finire la gara nel minor tempo possibile. Abbiamo fatto la scelta giusta. Devo dire che la nostra moto qui va meglio con le gomme finite che con quelle nuove. E poi vederlo là davanti e pensare di andarlo a prendere ti dà quell'eccitazione per dare un qualcosa di più...".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Valentino Rossi
Articolo di tipo Ultime notizie