Termas de Rio Hondo supera la prima ispezione

Termas de Rio Hondo supera la prima ispezione

Secondo la FIM il nuovo tracciato argentino rientra nei canoni richiesti dalla MotoGp

Durante due intense giornate di lavoro Franco Uncini, responsabile sicurezza della FIM, Javier Alonso, direttore generale Eventi di Dorna, Orlando Terranova, CEO del gruppo OSD, insieme ad Arturo Scalise, presidente della Federazione argentina di Motociclismo (CAMOD) e alle autorità del Circuito Termas de Río Hondo hanno concluso l'ispezione del tracciato e delle nuove istallazioni in costruzione. Tutti sono giunti alla conclusione che le opere e gli interventi sono stati realizzati in accordo con le norme e i regolamenti internazionali necessari perché il circuito diventi sede di un Gran Premio MotoGp. Tale eccellente notizia mette il tracciato di Termas de Río Hondo ad un solo passo dalla massima omologazione da parte della Federazione Internazionale di Motociclismo perché qui si disputi un Gran Premio del Campionato del Mondo. D'altra parte, tale impianto, sarà sede di un test durante i prossimi 4 e 5 luglio per le classi MotoGp e Moto2. Franco Uncini: "Il circuito è molto belleo e gli standard di sicurezza sono molto elevati. In linea di massima siamo molto soddisfatti per la qualità dei lavori effettuati, anche se per il momento non siamo in condizione di omologare il circuito, avendo sollecitato alcune modifiche minori che l'organizzazione realizzarà in breve".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie