Confermato il secondo posto di Dani Pedrosa

Confermato il secondo posto di Dani Pedrosa

La Yamaha ha chiesto solo un chiarimento alla Direzione Gara, che ritiene ok la sua restituzione di posizione

La Direzione Gara ha confermato che non ci saranno modifiche alla classifica finale del Gp d'Australia, nonostante la protesta della Yamaha nei confronti del secondo posto di Dani Pedrosa. In realtà, subito dopo la conferenza stampa, è stato chiarito che la squadra ufficiale della Casa di Iwata non ha avviato una protesta vera e propria, ma ha chiesto solo informazioni, rimanendo soddisfatta delle risposte ricevute. Lin Jarvis e soci sostenevano che quando Pedrosa è stato colto in fallo, tagliando sulla linea bianca in occasione del pit stop, avrebbe dovuto cedere la sua posizione a Valentino Rossi e non a Marc Marquez, che è poi è stato squalificato. Secondo la Yamaha, infatti, avendo effettuato il pit stop obbligatorio con un giro di ritardo, "El Cabronsito" non avrebbe dovuto neppure rientrare in gara. Questo ragionamento però non fila secondo la Direzione Gara perchè, quando a Pedrosa è stato chiesto di cedere la posizione, Marquez era ancora in gara a tutti gli effetti, non essendo ancora avvenuta l'esposizione della bandiera nera. Dunque, la classifica della gara di Phillip Island rimarrà invariata con Dani secondo e Rossi terzo.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie