Niente di grave per il ginocchio di De Puniet

Niente di grave per il ginocchio di De Puniet

I legamento sono ok, il dolore era causato da un problema di circolazione

Il quarto round del campionato del mondo della MotoGp andrà in scena questo weekend a Le Mans, nel circuito Bugatti. Un tracciato importante, poiché è stato costruito nel 1965 attorno alla pista della 24 Ore di Le Mans. La pista stretta è caratterizzata da curve particolari, che obbligano il pilota a fare brusche frenate e improvvise accelerazioni. E il Pramac Racing Team proverà a ripetere gli incoraggianti progressi visti in Portogallo. Anche se il Team di Paolo Campinoti ha sempre avuto un rapporto difficile con questa pista, avendo ottenuto un solo podio nel 2004 quando il proprio marchio Pramac era sulle carene della moto di Max Biaggi. In seguito a quella stagione ci sono stati risultati altalenanti sul circuito con alcuni ritiri e piazzamenti lontani dalle prime posizioni. Randy De Puniet, pilota del Green Team, sarà il padrone di casa. Tiene molto a fare bene davanti al proprio pubblico il francese, dove ha collezionato in passato ben quattro podi. Tutto dipenderà dal suo ginocchio, che dopo la rimozione della vite pochi giorni dopo la gara di Jerez non lo ha di certo aiutato nella successiva prova all'Estoril. Anche Loris Capirossi vuole consolidare quanto di buono fatto in Portogallo, anche se Le Mans non è proprio un circuito consono alle sue caratteristiche. Intanto, sembra che quello francese potrebbe essere il primo GP europeo senza la pioggia a farla da protagonista. Randy De Puniet: "Devo dire che ero molto preoccupato per il mio ginocchio al termine della gara all'Estoril. Quando sono sceso dalla moto ho pensato subito al peggio. Credevo che i legamenti potessero essersi lesi durante la gara, ma fortunatamente le visite che ho fatto hanno escluso questo tipo di problema. Avrei bisogno di riposo, ma i giorni per recuperare sono stati davvero pochi. Il problema era legato alla circolazione del sangue attorno alla cicatrice dopo la rimozione della vite. Sono sereno e contento di correre davanti ai miei tifosi, nella mia terra. Non sono riuscito a provare la moto come hanno fatto invece tutti gli altri ad Estoril, ma spero di avere lo stesso approccio con la moto visto in Qatar e a Jerez". Loris Capirossi: "I test anche dopo la gara dell'Estoril hanno evidenziato i nostri progressi sulla moto. Il problema all'anteriore sembra essere stato risolto, così come altre piccole cose. Certo, la moto non è perfetta ma il lavoro che abbiamo svolto ci fa pensare bene per il futuro. Vogliamo consolidare le nostre capacità, speriamo di riuscire a farlo. Come ho detto al termine dell'ultima gara siamo solo all'inizio. Abbiamo tutto il tempo per confezionare una moto soddisfacente. Dipende da noi, siamo fiduciosi".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Loris Capirossi , Randy de Puniet
Articolo di tipo Ultime notizie