Lorenzo: "Magari Valentino vince domenica..."

Alla vigilia del Mugello Jorge vede la Yamaha che insegue, Marquez e Pedrosa super e Rossi sottovalutato

Lorenzo:
Ci si avvicina alla gara del Mugello, quinto appuntamento del Motomondiale, che quindi si avvicina ad arrivare ad un terzo del suo calendario. Alla vigilia del Gp d'Italia, dunque, Jorge Lorenzo ne ha approfittato per tracciare un bilancio di questo inizio di stagione della MotoGp insieme alla Gazzetta dello Sport. Il campione del mondo in carica vede una Yamaha particolarmente in difficoltà rispetto alla Honda in questo momento. Secondo lui, però, la RC213V è già superiore da tempo: "Lo era già nella seconda parte del 2012, per me è stato molto difficile lottare con Pedrosa: partiva forte e teneva lo stesso ritmo fino alla fine, io invece alla distanza calavo. E questo problema è rimasto. In Qatar sono andato forte, sono riuscito a creare subito un margine e l’ho mantenuto. Ma Pedrosa era in difficoltà e Marquez alla prima gara. Ma da allora...". E il maiorchino poi punta ancora il dito contro la sua moto, sbandierando la convinzione di stare attraversando il miglior momento della sua carriera dal punto di vista personale: "In circostanze normali posso vincere, ma ora è difficile. Sono al più alto livello della mia carriera, più del 2012, ma so di poter crescere ancora e per questo lavoro duro. Valentino e io abbiamo esperienza e diamo indicazioni corrette, il resto non dipende da noi". E potrebbe anche non bastare il cambio seamless: "Non è solo quello, ci serve trovare 2-3 decimi". In questa situazione, Jorge non si reputa neanche il primo avversario di Dani Pedrosa: "L’avversario più duro di Dani è Marquez. Non avrà vita facile, però per ora è leader e mentalmente sta dimostrando di essere forte. Tenere a bada un 20enne non è facile e sarà più difficile a ogni gara". Marquez sta sorprendendo tutti, ma non Lorenzo, che si aspettava di vederlo subito al vertice: "Ho detto prima dell’inizio del Mondiale che avrebbe lottato per gare e podio e così è stato. Ancora però non ha fatto errori, quando invece è normale che un debuttante ne compia qualcuno: è successo a Vale, a me, a Stoner. Non sbagliasse mai, sarebbe il primo rookie nella storia". Infine, non poteva mancare una battuta su Valentino Rossi. Dopo l'ottimo secondo posto in Qatar, il "Dottore" non si è ripetuto nelle gare successive ed ha attirato diverse critiche. Il campione del mondo in carica però lo vede ancora in forma: "Per me è più forte ora di quando vinceva. Ha più esperienza, guida meglio, si è adattato alle nuove moto. Per me è più completo. Ma i giovani che sono arrivati hanno fame, voglia e un talento bestiale. Dopo due anni con la Ducati fatica e gli ci vuole un po’". Jorge crede ancora in un suo ritorno alla vittoria: "Magari lo fa domenica...".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Jorge Lorenzo
Articolo di tipo Ultime notizie