Stoner: "Il piede non si piega ancora abbastanza"

L'australiano fa ancora un po' fatica sulla sua Honda, ma il rientro è stato tutto sommato positivo

Stoner:
Casey Stoner, ritornato in sella alla sua Honda RC213V per la prima volta dopo la caduta di Indianapolis, ha avuto una giornata complicata da un inusuale guasto che lo ha lasciato con una sola moto sin dall’inizio del primo turno. Il pilota australiano della Repsol Honda ha avuto altri inconvenienti nel pomeriggio che hanno rallentato il suo programma di lavoro, focalizzato oggi a riprendere feeling con la moto e a valutare le condizioni della caviglia. Casey, che ha chiuso in settima posizione a meno di nove decimi dal compagno di squadra, spera che le condizioni del piede migliorino, facilitando il suo lavoro nelle qualifiche di domani. "È stato un inizio un po’ deludente. Questa mattina la prima moto si è fermata, facendoci perdere tempo prezioso. Poi, nella seconda sessione abbiamo avuto un problema al freno che ci ha costretti a restare a lungo nel garage. Nei due turni odierni abbiamo cercato di trovare un buon bilanciamento con la moto. Certo, non sono ancora al 100%, così ho cercato di avere un po’ di feeling prima di cominciare a spingere" ha spiegato il due volte campione del mondo. "Al momento soffro particolarmente nelle accelerazioni, perché ci sono molti punti del tracciato dove la moto tende a impennare e devi spostare il corpo in avanti per contrastare. Purtroppo il mio piede non vuole piegarsi sufficientemente per aiutarmi a cambiare posizione, così devo compensare, forzando con le braccia, sovraccaricandole di lavoro e questo mi crea dei problemi. Domani continueremo a lavorare e staremo a vedere quello che potremo fare" ha aggiunto.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Casey Stoner
Articolo di tipo Ultime notizie