Losail, Libere 3: Marquez beffa Lorenzo di 1 millesimo

Losail, Libere 3: Marquez beffa Lorenzo di 1 millesimo

Seguono Crutchlow, Rossi ed un ottimo Dovizioso (solo a 0"3). Iannone e Spies costretti alla Q1

Anche se siamo ancora solo alle prove libere, il Gp del Qatar di MotoGp ha regalato già i suoi primi verdetti. Il nuovo regolamento prevede infatti che i dieci piloti che accedono alla Q2 debbano essere selezionati in base alla classifica assoluta delle prime tre sessioni di prove libere (domani ce ne sarà una quarta pochi minuti prima delle qualifiche). Dunque, nonostante l'asfalto in condizioni tutt'altro che ottimali, vista anche la pioggia caduta durante la Moto2, gli ultimi dieci minuti si sono trasformati in una sorta di qualifica, con tutti i piloti che hanno montato gomme nuove per andare a caccia di un posto in Q2. Ad ottenere la miglior prestazione, proprio a pochi istanti dalla bandiera a scacchi, è stato Marc Marquez, che quindi ha confermato quanto di buono aveva già fatto vedere nella seconda sessione: con un 1'56"084 il rookie della Honda ha realizzato il miglior tempo assoluto del weekend, beffando la Yamaha di Jorge Lorenzo per appena 1 millesimo di secondo. Alle spalle dei due spagnoli ha ribadito il suo ottimo stato di forma anche Cal Crutchlow, terzo a poco più di due decimi con la Yamaha del Team Tech 3. Il britannico è stato di poco più veloce rispetto alla M1 ufficiale di Valentino Rossi. Va detto però che il "Dottore" ha tentato una mezza simulazione di gara, essendo un po' turbato dall'eccessivo consumo delle gomme a mescola morbida. Il passo del pesarese comunque è parso piuttosto interessante. La grande rivelazione di questa sessione però è stata senza ombra di dubbio la Ducati di Andrea Dovizioso: alzi la mano chi aveva pensato che fosse possibile vedere il romagnolo distanziato di appena tre decimi! Nel finale però è riuscito a trovare un ottimo giro, dimostrando che il tanto lavoro fatto nel corso dell'inverno nel box della Rossa sta piano piano iniziando a dare i suoi frutti. Sembra ancora un pizzico in difficoltà Dani Pedrosa, che ha tolto circa 1" alle sue prestazioni delle sessioni precedenti, chiudendo sesto ad appena quattro decimi, ma continua a manifestare qualche problema di troppo in staccata con la sua Honda. Non bisogna dimenticare però che anche un anno il vice-campione del mondo non era andato oltre al settimo tempo in qualifica, salvo poi piazzarsi secondo in gara. Se si considera il dolore alla mano infortunata nei test di Jerez, non va assolutamente sottovalutato anche il settimo tempo di Alvaro Bautista, anche lui rimasto al di sotto del mezzo secondo con la Honda del Team Gresini, precedendo la Ducati di Nicky Hayden e la Yamaha di Bradley Smith, che un po' a sorpresa si è quindi guadagnato l'accesso diretto alla Q2 di domani, precedendo anche un pilota sicuramente più atteso come il tedesco Stefan Bradl. I primi due esclusi illustri della stagione sono quindi Andrea Iannone e Ben Spies, che si sono piazzati all'11esimo e al 12esimo posto con le loro Ducati del Team Pramac. Entrambi comunque avranno ancora una chance per ottenere un posto in Q2: per farlo dovranno piazzarsi ai primi due posti al termine dei 15 minuti della Q1, che assegneranno poi le posizioni in griglia dalla 13esima in giù. Molto probabilmente dovranno vedersela però con la ART-Aprilia di Aleix Espargaro, che ancora una volta si è confermato il più veloce tra i piloti in sella alle CRT, girando su tempi non troppo lontani da quelli dell'italiano e dell'americano. In tema CRT bisogna poi segnalare un problema tecnico che ha costretto Claudio Corti a parcheggiare la sua FTR-Kawasaki a bordo pista dopo appena pochi minuti.

MotoGp - Losail - Libere 3 (classifica combinata)

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie