Le Mans, Libere 1: Stoner guida il poker Honda

Le Mans, Libere 1: Stoner guida il poker Honda

L'australiano vola seguito dalle altre RC212V. Lorenzo e Rossi sono ad oltre un secondo

Per fortuna che Le Mans doveva essere la pista della Yamaha! A giudicare dall'esito della prima sessione di prove libere del Gp di Francia della MotoGp, bisogna dire che non si poteva fare un pronostico più sbagliato: davanti a tutti ci sono infatti le quattro Honda RC212V ufficiali. A capitanare la pattuglia della Casa giapponese ci ha pensato Casey Stoner, saldamente al comando praticamente per tutta la durata del turno. Con il suo 1'34"133, l'australiano ad un certo punto aveva scavato un solco di oltre un secondo anche nei confronti dei proprio compagni, salvo poi vedersi riavvicinare nel finale da Dani Pedrosa, che ha chiuso staccato di un paio di decimi. Terzo e quarto tempo poi per il tandem tricolore composto da Andrea Dovizioso e Marco Simoncelli, che però pagano già distacchi importanti, nell'ordine degli oltre sette decimi. Per il Dovi c'è almeno la consolazione di essere riuscito per una volta a cominciare il weekend senza essere il più lento dei piloti di casa Honda. Solo quinto, ma soprattutto staccato di oltre un secondo, Jorge Lorenzo. Per chi cominciava questo weekend essendo considerato il favorito questa prima sessione deve essere stata una vera e propria doccia fredda. Attenzione però, in queste prime gare della stagione il campione del mondo ci ha abituati a non scoprire immediatamente il potenziale della sua Yamaha M1. La seconda fila virtuale è poi completata da Valentino Rossi, che è il migliore dei piloti Ducati. Il campione di Tavullia era arrivato in Francia dicendo di confidare molto sulla stabilità in staccata della sua Desmosedici, parsa in crescita con gli aggiornamenti utilizzati nei test di Estoril, ma oggi è arrivata una bella batosta. 1"2 è senza dubbio un distacco pesante per cominciare il weekend, anche da un certo punto di vista la vicinanza con Lorenzo potrebbe anche essere incoraggiante. Ancora in difficoltà Ben Spies: l'americano sembra proprio non riuscire a trovare il feeling con la sua Yamaha ufficiale e anche questa volta per ora si deve accontentare del decimo tempo, addirittura alle spalle della M1 satellite di Cal Crutchlow, che invece sta diventando sempre di più una presenza fissa nella top ten.

MotoGp - Le Mans - Libere 1

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Casey Stoner
Articolo di tipo Ultime notizie